Home Page Business

Ricerca organica: cos'è e come posizionarsi

La ricerca organica è la selezione gratuita delle pagine dei risultati sui motori di ricerca: ecco quanto è importante e come posizionarsi.

Alt text

Chi si avvicina al mondo del web marketing ha sentito almeno una volta parlare di ricerca organica, ma non tutti sanno concretamente di che cosa si tratta. La ricerca organica è quella parte della ricerca dei motori, come Google, in cui non è possibile acquistare dei posizionamenti: ecco qual è la sua importanza e come ci si può posizionare.

Ricerca organica: in cosa consiste

Quando una qualsiasi persona fa una ricerca su Google, nella pagina che si apre viene presentato un elenco dei risultati organici, che vengono definiti anche non a pagamento. Questi risultati si trovano in una posizione di rilievo nella pagina e sono quelli che, secondo Google o un altro motore di ricerca, rispondono meglio alle domande e ai bisogni espressi dagli utenti nella ricerca iniziale effettuata. All’interno dell’elenco c’è anche una ridotta presenza di risultati a pagamento, contraddistinti dalla sigla in verde “Ann”, ma c’è una differenza sostanziale tra i due: per quelli a pagamento è necessario investire economicamente sulle campagne di Google Adwords mentre per quelli organici non serve investire nemmeno un euro.

Ricerca organica e ricerca a pagamento: differenze

La ricerca organica è quindi quella parte della SERP di un motore di ricerca che viene dedicata ai risultati che non derivano da alcuna transazione economica, ma solo mediante un’attività SEO di posizionamento organico. La principale differenza tra ricerca organica e ricerca a pagamento è che la prima è gratuita, mentre la seconda richiede un investimento in campagne di Google Adwords. Inoltre i risultati organici in generale hanno una durata sul medio e lungo termine più ampia rispetto a quelli a pagamento che, concluso l’advertising, tendono a sparire. Un’altra differenza riguarda le tempistiche per il raggiungimento del posizionamento: se con i risultati a pagamento è sufficiente pagare e in poco tempo si può essere in prima pagina, con una strategia organica possono essere richiesti anche alcuni mesi.

Gestisci la tua presenza digitale
su motori di ricerca, siti e social da un unico punto

Scopri come

Come posizionarsi organicamente sui motori di ricerca?

Posizionarsi in modo organico sui motori di ricerca richiede un duro lavoro di un team composto da SEO e da web copywriter.

Come primo step è necessario individuare una serie di parole chiave, brevi o a coda lunga, che siano pertinenti al sito che ospita questi contenuti. Dopo aver individuato la keyword principale e le keyword correlate si va a creare la struttura di un testo che deve essere:

  • esaustivo per dare all’utente che ha fatto la ricerca tutte le informazioni che servono per rispondere alle sue domande e necessità. Più un utente trascorre tempo nella lettura dell’articolo, più Google ritiene il contenuto meritevole di valore;
  • pertinente all’argomento trattato dal sito del cliente. Se si pubblicano approfondimenti professionali legati alla propria attività ci si può affermare sul web come opinion leader, incrementando anche la brand awareness della propria azienda;
  • originale e non copiato in alcuna parte. Gli articoli con contenuti doppi o copiati vengono individuati da Google e penalizzati in modi anche molto gravi.

Non basta poi scrivere un testo che sia ottimizzato per i motori di ricerca, ma bisogna anche dedicarsi alla realizzazione di parti non visibili come l’url, la meta description e i meta title.

Dopo aver pubblicato l’articolo che deve avere una strategia di link interni al sito e di call to action mirate, è consigliabile dedicarsi anche all’attività di link building coinvolgendo altri portali dedicati e chiedendo di inserire, in una pagina del sito, un link all’articolo appena pubblicato.

Nel lungo periodo e svolgendo un’attività SEO on page e off page di qualità è possibile ottenere un buon posizionamento organico dei propri contenuti. Un aspetto molto importante consiste nella stesura dei testi che deve essere strutturata secondo certi canoni tecnici e di fruibilità, chiarezza e facilità di utilizzo tali da renderlo indispensabile per i lettori.

In questo modo, un utente che è interessato ad un prodotto, ad un servizio o ad una informazione, continuerà a leggere l’articolo e a tenerlo presente per le sue ricerche future, dimostrando all’algoritmo di Google che quel contenuto è valido e ben realizzato e quindi merita una posizione alta nella ricerca organica.

Per ottenere questo risultato è fondamentale rivolgersi ad un team di professionisti e avere pazienza perché ogni pagina di Google presenta, in media, circa 10 posizioni organiche da riempire con risultati pertinenti. Le posizioni a pagamento invece sono meno e, in base alle parole chiave selezionate per l’attività, potrebbero richiedere un investimento economico molto oneroso, sia per il budget da investire su Google sia per quello da destinare ad un professionista nel campo dell’advertising.

Tags:
Caricamento contenuti...