Home Page Business

Come pubblicizzare la tua attività con il marketing locale

Guida completa su come pubblicizzare la propria attività a livello locale con Google, Facebook e con gli altri strumenti di local marketing. Scopri come farti trovare dal pubblico giusto e battere la concorrenza sul tempo

Alt text

Intercettare i potenziali clienti che si muovono e agiscono nel raggio di azione di pochi chilometri. È questo uno degli obiettivi basilari per un business che opera principalmente in ambito locale. In questa guida scopriamo quali sono le strategie per pubblicizzare la propria attività col local marketing e quali strumenti usare per essere visibili nella timeline delle ricerche online.

Come pubblicizzare la propria attività con il local marketing

Cosa è il local marketing e per chi funziona? Si tratta di una strategia per promuovere il proprio business a potenziali clienti che si trovano, fisicamente, ad una determinata distanza. È consigliato specialmente per le attività che hanno una sede nella quale producono e svolgono il core business aziendale. Un esercizio commerciale, un ristorante, un pub, un bar, un albergo sono esemplificativi della categoria. Questo tipo di inbound marketing ci insegna che colpire un obiettivo selezionato può portare benefici massimizzati in termini di risultati. Farsi trovare da un utente nel momento esatto in cui chiede o cerca qualcosa, è molto più efficace per le attività locali rispetto ad una campagna ad ampio raggio e non targetizzata.

Il target è il concetto essenziale del local marketing, perché organizzare le informazioni demografiche e geografiche del pubblico al quale vendere i tuoi prodotti o servizi, ti permette di concentrare le risorse, con un ritorno maggiore. E tale principio vale qualunque sia l’obiettivo che ti poni: visite al negozio, prenotazioni, contatti telefonici, adesioni a promozioni / svendite etc.

Un altro concetto col quale ti invitiamo a familiarizzare è quello della SERP (Search Engine Results Pages), ovvero la pagina dei risultati del motore di ricerca. Google in particolare è molto attento a dare risposte soddisfacenti ai propri utenti che, in caso di una query con intento locale (p.e. “ristorante qui vicino”, “ristorante etnico Milano”), sono quelle geolocalizzate. Il corrispettivo della SERP sui social è la timeline, ovvero la pagina del diario virtuale, con le notizie attinenti alla profilazione personalizzata di ogni utente, come fa Facebook per esempio.

Restando in linea con gli esempi sopra riportati: quale motivo c’è di pubblicizzare il tuo ristorante a Milano nella SERP / timeline di un utente che in quel momento si trova a Roma? Nessuno. E, infatti, nei capitoli successivi vedremo come Google, Facebook e anche Instagram ti aiutano a ‘settare’ la promozione per evitare un inutile dispendio economico.

Aumenta la tua visibilità su Google
con campagne davvero ottimizzate

Scopri come

Strategie per promuovere un’attività locale: quali strumenti?

Come si fa per mettere in atto delle buone pratiche di marketing locale? Innanzitutto, dovrai saper utilizzare le apposite piattaforme di Google e Facebook. Contestualmente sarà importante strutturare, in modo organico, la promozione della tua attività. Ecco da dove cominciare:

  • Local SEO: la Search Engine Optimization localizzata, permette ai siti web delle attività commerciali / produttive / di servizi, di rendersi visibili attraverso parole chiave pertinenti e specifiche. Una statistica mostra come questo fattore sia determinante per il successo del business: circa il 50% degli utenti che compie ricerche con local intent dal dispositivo mobile, visita fisicamente la struttura (negozio, attività culturale, evento, azienda produttiva etc.) entro le successive 24 ore!
  • Pubblicità localizzata: permette di investire sulle piattaforme online, come Google Ads e Facebook Ads, per raggiungere il proprio pubblico di riferimento locale. Anche in questo caso sarà importante l’uso di parole chiave e hashtag pertinenti e qualificanti.

Come promuovere un’attività locale con Google?

Qualsiasi strategia di marketing online non può prescindere dai tools specializzati sviluppati da Google. Questi sono le principali piattaforme messe a disposizione da Big G per aumentare la visibilità di un’attività locale:

  • Google My Business, un servizio che gratuitamente permette di creare una propria pagina web con informazioni basilari come contatti, orari di apertura e posizionamento su Google Maps. Tale pagina, per le micro attività, può fungere anche da alternativa parziale o provvisoria al sito aziendale. Le schede compaiono in evidenza nella SERP e permettono agli utenti, da dispositivo fisso o mobile, di visualizzare la descrizione, il luogo, il numero di telefono etc. Dopo aver rivendicato il profilo, potrai arricchire i contenuti con foto, video e ulteriori informazioni sul servizio. GMB permette agli utenti di pubblicare sulla pagina delle attività anche recensioni e commenti, con valutazioni dei prodotti da parte dei clienti. N.B. Monitorare i commenti e rispondere, è un modo per interagire con il proprio pubblico, intercettarne le esigenze e migliorare la propria reputazione online.
  • Google Ads (ex Google Adwords) è la piattaforma primaria di Google per la pubblicità online. Consente non solo di settare l’obiettivo – portare visitatori al sito? Aumentare le visite in negozio? Accrescere gli iscritti alla newsletter? – ma anche di personalizzare l’annuncio graficamente e geograficamente, così da attivare campagne pubblicitarie a livello locale, se richiesto. Le funzionalità essenziali di Google Ads sono: l’impostazione del budget gestito dal gestore della campagna; il pagamento solo quando l’utente fa click sull’annuncio; il totale monitoraggio della promo attraverso i report.
  • Google Ads Express, è la piattaforma ideata appositamente per le piccole aziende, come quelle che operano prettamente a livello locale. Ha una gestione standard ed automatica dell’annuncio e non richiede di gestire parole chiave o impostazioni avanzate. Può essere usato in abbinamento a Google My Business per attivare campagne Google Ads senza sito internet.

Promuovere attività locale con i social: come si usa Facebook?

L’altro colosso della promozione online, oltre a Google, è Facebook. Sapere come usare Facebook per pubblicizzare la propria attività è un passaggio obbligato. Come altrettanto necessario è capire che, affinché una strategia pubblicitaria sia efficace, sarà opportuno strutturare un piano editoriale, segmentare il pubblico, stimare il budget etc. Ciò premesso, vediamo quali strade utilizzare per la promozione:

  • Pagina Facebook Aziendale, è la pagina vetrina che può servire, fra le altre funzionalità, come instant messaging di risposta e dalla quale puoi selezionare i contenuti sui quali investire il tuo budget pubblicitario.
  • Facebook Ads, è la piattaforma dedicata a chi vuole investire sul social come strumento per pubblicizzare il proprio business, che si tratti di attività di produzione o di servizi. Dopo avere scelto l’obiettivo – interazione con i post; visite al punto vendita; visualizzazione video – per le campagne pubblicitarie locali conviene targettizzare un pubblico geolocalizzato, restringendo opportunamente il raggio di azione del messaggio promozionale.
  • Facebook Local, lanciata nel 2018 è un’app ‘indipendente’, ovvero scaricabile gratuitamente da App Store e da Google Play. Vi si accede con le proprie credenziali Facebook o semplicemente creando un account. Lato utente, geolocalizzandosi, si possono conoscere gli eventi che si svolgeranno in un determinato raggio chilometrico e quali amici vi parteciperanno. Lato azienda, è evidente che è possibile farsi trovare, inserendo eventi, serate a tema etc. e attirare così un pubblico interessato e prossimo.

Promuovere un’attività locale sui social: come si usa Instagram?

Qualche numero, fornito direttamente dai report statistici della piattaforma social, può dare la misura di come anche Instagram – terzo social più usato dagli italiani (dato BlogMeter giugno 2019) – sia diventato uno strumento di local marketing ad ‘alto rendimento’: 200 milioni di profili aziendali presenti, con 1/3 delle visualizzazioni delle stories relative a profili professionali / prodotti. Ma come si utilizzano le funzionalità di questo social? In tre passaggi, ti spieghiamo come sfruttare le potenzialità di Instagram per la tua attività locale.

  1. Hashtag e tag: etichettare il contenuto con gli hashtag, possibilmente individuando quelli di maggiore tendenza, è fondamentale per dare visibilità al contenuto stesso e intercettare un pubblico interessato. In rete ci sono alcuni strumenti, come Display Purposes, che svolgono la funzione di facilitare il reperimento di hashtag pertinenti per tipologia di business, oppure per luogo. Altrettanto essenziale, dato che stiamo parlando di marketing locale, è inserire il geotag, ovvero l’indirizzo dove è situata l’attività.
  2. Instagram Stories: uno strumento sempre più di tendenza e che ha una capacità di attirare l’attenzione del pubblico perfino superiore a quella della gallery. Le storie temporanee, che compaiono nel profilo utente, servono ad intrattenere e a coinvolgere il pubblico e, nella migliore delle ipotesi, a portarlo a compiere un’azione prevista dalla leva di marketing. Analizzando alcuni profili di piccole aziende locali attive sul social, si nota come le stories servono per brevi messaggi testuali promozionali, live streaming per eventi, lanci di nuovi prodotti etc. B. La copertura delle stories può essere incrementata col geotag e con un massimo di dieci hashtag preventivamente selezionati.
  3. Coinvolgi i local influencer: selezionando account che seguono il tuo settore, attivi nella tua zona e specializzati sul tema di competenza del tuo business, puoi attivare una collaborazione fruttuosa in termini di visibilità. Ricorda che stai agendo su una nicchia, identificata da limiti geografici, quindi l’attenzione nella scelta di account partner locali deve mirare alla qualità del loro engagement, più che al numero complessivo di follower. Un pubblico di poche migliaia di fans, attivi e ‘fedeli’, può essere un target molto appetibile per la tua attività locale.

Caricamento contenuti...