Home Page Business

Vintage che passione! Scopri come creare il tuo negozio online

Ami le tendenze di moda senza tempo e vai a caccia di tesori rétro fra bancarelle e mercatini? Ti piacerebbe trasformare la tua passione in un business? Allora, leggi come creare il tuo negozio online di vintage e usato.

Alt text

Il vintage è un settore in espansione costante. L’affermarsi di concetti come il riuso e il riciclo ne ha decretato il successo anche fra le fasce di consumatori più giovani. E mentre il ‘vecchio’ ritorna, cambia però il modo di promuoverlo. Per costruire un business di successo in questo mercato, è indispensabile vendere online e creare un e-commerce di abbigliamento vintage e di usato che funzioni.

Aprire un negozio vintage online: studio preliminare

Prima di passare alla fase pratica dovrai impostare un business plan che tenga conto dei costi di avviamento e di quelli di gestione e della minaccia rappresentata dalla concorrenza. Il nostro consiglio è di focalizzarti, con particolare attenzione, sul pubblico di riferimento identificando nel dettaglio le buyer personas: chi sono i potenziali clienti, che età hanno, quali sono i loro interessi, dove vivono?

Questa analisi preliminare ti condurrà direttamente ai passaggi successivi:

  • Definisci la tua nicchia: decidi cosa vendere e su quale periodo ti vuoi specializzare. Abbigliamento e accessori moda, oggettistica (p.e. strumenti musicali, dischi, fumetti), o piuttosto arredamento? Anni ’40, anni ’70, anni ’80? Rispondere a queste domande ti permetterà di definire il pubblico, costruendo al contempo un’identità per il tuo marchio.
  • Costruisci l’inventario: reperire la merce è il momento cruciale nella creazione di un negozio online, di qualunque settore. Mercatini dell’usato, vendite a stock, aste giudiziarie, siti di annunci sono i primi posti fisici e digitali dove iniziare la tua ricerca. Trattandosi di oggetti datati / usati dovrai effettuare controlli accurati sullo stato di conservazione e su eventuali difetti e imperfezioni. Se la tua nicchia è abbigliamento / accessori di griffe di alta moda, serviranno ‘occhio’ e competenza per non acquistare merce contraffatta.
  • Scegli la strategia di acquisto: conto vendita o compra vendita? All’inizio della tua attività la prima modalità è quella consigliata, perché presenta meno rischi. Prendi in carico la merce, se la vendi entro 60 giorni paghi un corrispettivo all’utente che ha messo l’articolo in conto vendita e il tuo guadagno sarà sulla differenza di prezzo. Se non vendi, restituisci la merce senza costi e risolvi anche il problema dell’invenduto. La compra vendita è la modalità classica, nella quale acquisti dai fornitori, al dettaglio o all’ingrosso e vendi la merce sul tuo e-commerce, occupandoti di gestire le rimanenze di magazzino.
  • Pricing: dare un prezzo agli abiti vintage o agli accessori usati è difficile, perché non esistono listini ufficiali di riferimento. Le valutazioni devono tenere conto di fattori come le condizioni dell’oggetto, la sua rarità e il valore del brand in caso di capi di alta moda d’epoca.

Creare negozio online di vintage: come si fa?

Per realizzare un e-commerce di vintage e usato le strade percorribili sono due: affidarsi a siti specializzati che ti permettono di aprire un negozio online ospitato sulle loro piattaforme, oppure creare un tuo sito con un dominio di proprietà. Entrambe le soluzioni non sono a costo zero e richiedono valutazioni relative a budget, organizzazione del ‘magazzino’ e gestione delle spedizioni.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

In ogni caso, a prescindere da quale sarà la tua scelta, ti consigliamo di strutturare il tuo negozio online tendendo presenti i seguenti aspetti:

  • Categorie: suddividi i prodotti in vendita nel tuo negozio vintage online secondo macro categorie merceologiche, all’interno delle quali puoi creare ulteriori suddivisioni per epoca, prezzo etc.
  • Descrizione: la descrizione della merce deve essere dettagliata non solo per quanto riguarda colore e taglia, ma anche condizioni del prodotto ed eventuali imperfezioni.
  • Foto: le foto servono non solo a mostrare la merce, ma anche a valorizzarla. Realizzale con cura e creatività. Per esempio, potresti mostrare come un capo in vendita può essere abbinato ad un accessorio, per creare un look
  • FAQ: la pagina “Frequently Asked Questions” serve ai clienti per capire meglio come funziona il tuo negozio online. Qui possono trovare informazioni relative alla spedizione e alle condizioni di reso, ai trattamenti di igienizzazione e ai criteri con i quali sono valutati i difetti degli articoli.

La comunicazione per un e-commerce di vintage

Valorizzare il fascino senza tempo di alcuni capi di moda e degli oggetti di design rétro, ti servirà per attirare l’attenzione del pubblico e fargli scoprire il valore del tuo brand all’interno del settore. L’aspetto promozionale è fondamentale per non ‘sparire’ nel web: blog e social sono due strumenti indispensabili, dei quali dovrai occuparti in parallelo con la vendita.

Il blog ti sarà utile per mostrare la filosofia del tuo marchio, parlare della tua attività e sensibilizzare gli utenti sul valore del riciclo e del riuso. I social, come Instagram Shopping, ti permetteranno di interagire con i clienti, i quali avranno modo attraverso hashtag aziendali di farsi promotori del tuo negozio, per esempio condividendo foto dei capi acquistati sul tuo e-commerce.

Caricamento contenuti...