Home Page Business

Video Marketing: ecco le tendenze vincenti del 2020

Il video è da diversi anni uno strumento potentissimo per veicolare contenuti sul web. Ecco come fare video marketing nel 2020 per avere successo.

Alt text

L’universo del marketing digitale muta in continuazione i suoi confini e stare al passo con le nuove tendenze è sì, un piacevole percorso per gli appassionati, ma anche un obbligo per chi desidera giungere a risultati di successo.

Uno degli ultimi trend del mercato è l’incredibile evoluzione del digital video marketing, ossia le opportunità offerte dal mondo dei video e dalla loro applicazione nella comunicazione. Un passo in là rispetto al marketing tradizionale, che si stima rappresenterà più dell’80% del traffico internet entro il 2021: una strategia insomma da conoscere e sfruttare assolutamente.

Cos’è il video marketing

Mentre la comunicazione si basava tradizionalmente su testi, banner e immagini statiche, grazie alle moderne tecnologie ed al miglioramento della qualità della rete è oggigiorno possibile per aziende e professionisti comunicare tramite contenuti video. La diffusione massiva di reti 4G e coperture WiFi ha reso sempre più facile la fruizione di messaggi video di alta qualità. Inoltre, la predilezione degli utenti per l’utilizzo di internet tramite smartphone e tablet, rende di più semplice consultazione contenuti brevi, interattivi ed immediati: i video si propongono come una delle migliori soluzioni a disposizione ed il loro utilizzo in ambito marketing è ormai un imperativo per chiunque voglia restare al passo con le richieste da parte dell’utenza.

Attrarre e coinvolgere il proprio pubblico target è sempre più complesso, in un mondo dove gli utenti sono bombardati da una quantità infinita di informazioni e stimoli. I video offrono proprio l’opportunità di veicolare messaggi diretti ed accattivanti, in grado di stuzzicare l’interesse di chi si trova dall’altra parte dello schermo e fornirgli informazioni da apprendere senza particolari sforzi. Il compito dei creativi di oggi è proprio questo: catturare l’attenzione dell’audience e farle arrivare il messaggio desiderato, nella maniera più chiara possibile e nel minore lasso di tempo possibile, onde evitare cali di attenzione e perdita di efficacia.

Osservando la crescita esponenziale di piattaforme come Youtube nonché della quantità di contenuti video prodotti, caricati e consultati su siti web e social network è innegabile che il video marketing sia il futuro.

Realizza le migliori campagne
su Facebook e Instagram

Scopri come

Come fare video marketing: le strategie ed i trend del settore

Integrare i contenuti video nel proprio piano di comunicazione è una scelta altamente strategica. Ogni brand ed ogni business dovrà effettuare un’attenta analisi della propria realtà nonché del mercato nel quale opera, sia per capire se e quanto il video marketing può essere d’aiuto nel supportare la comunicazione aziendale esterna, sia per per stabilire la propria personale strategia d’azione. Esistono comunque delle accortezze sempre valide e delle tendenze che possono essere d’aiuto per implementare un’efficace campagna video e sfruttare a proprio favore tutti i vantaggi del video marketing.

Personalizzare e definire il pubblico target

La fase di delineazione della propria audience di riferimento è un momento essenziale, curare a priori, prima di impostare e lanciare nell’etere qualsiasi tipologia di comunicazione: sapere a chi ci si rivolge, con precisione e dettaglio, rende ogni sforzo comunicativo più efficace e meno dispendioso. Lo studio delle buyer personas alle quale il proprio prodotto o servizio è destinato e la definizione della nicchia di mercato che si desidera coinvolgere risultano ancor più irrinunciabili quando si comunica tramite video. Un buon prodotto video va plasmato infatti attorno alle specifiche esigenze di un segmento di utenti ben delineato, e solo così potrà distinguersi dalla massa, conquistare l’attenzione dell’utente che naviga ed arrivare dritto al punto.

Adeguarsi alle nuove tendenze: la generazione Z

Offrire contenuti con costanza quasi ossessiva e utilizzare le numerose piattaforme dove il video è il fulcro della scena: ecco la ricetta applicata da molte PMI per fare giungere il proprio messaggio alla cosiddetta Generazione Z, i giovani e giovanissimi che producono e consumano contenuti video quotidianamente e per i quali essi sono divenuti la normalità. Non solo il successo di Youtube ma anche l’ascesa Tik Tok, testimonia come il video marketing sia ad oggi il protagonista indiscusso della scena, alle cui logiche le aziende dovrebbero adeguarsi nel più breve tempo possibile.

Creare video brevi e di qualità, e a 360°

Allo stato attuale della tecnologia è veramente semplice riuscire a realizzare video contents di qualità medio-alta. Ed è proprio la qualità del video che spesso è l’elemento che riesce a tenere incollati gli spettatori allo schermo: che ci si affidi a professionisti nel campo o che si preferisca il fai-da-te, è bene sapere che gli utenti si aspettano video qualitativamente ottimi e privi di intoppi e rallentamenti che farebbero loro perdere interesse all’istante.

Il breve tempo di attenzione che le persone riescono oggigiorno a prestare a ciò che leggono, guardano o ascoltano rende indispensabile scegliere per la propria comunicazione video di poca durata, sintetici ed efficienti nel trasmettere il loro messaggio. Video contenuti dalle grafiche accattivanti da consumare rapidamente, in ogni momento della giornata e ovunque, che siano creati come mix perfetto di animazione, video, grafica e copy breve ed efficace.

Anche il video storytelling è ad oggi molto apprezzato, poiché si pone come uno spaccato di vita: corto, in diretta, reale e spontaneo. Una buona idea quando si monta un video è inoltre quella di renderlo fruibile anche in assenza di audio, tramite grafiche, testi e sottotitoli, in quanto molti utenti li guardano senza attivare la funzione audio, mentre magari si trovano in ufficio o in treno. Se si desidera infine lanciarsi in un campo innovativo e all’avanguardia, si può iniziare a strizzare l’occhio ai video 360, che permettono al potenziale cliente di prendere visione del prodotto offerto, del luogo proposto o della realtà aziendale da ogni angolazione, attraverso un’esperienza altamente immersiva.

Raccontare una storia autentica

Nell’universo di contenuti online che spesso riesce a sopraffare l’utente, distinguersi dalla massa raccontando una storia vera e genuina può essere un ottimo modo per avere successo, anche attraverso la strategia del newsjacking. Prima ancora di mantenere l’attenzione del pubblico per qualche secondo o minuto, essa va catturata e incanalata verso il proprio contenuto: per ottenere il risultato sperato, niente di meglio che una storia autentica, empatica e nella quale l’utente si possa riconoscere. Molto in voga e performanti sono infatti i branded contents, ossia contenuti, video e non solo, costruiti con l’intento di trasmettere con passione i valori aziendali o la filosofia del brand. Educare, intrattenere e, appunto, ispirare, sono infatti i tre macro obiettivi di ogni canale di comunicazione.

Realizza video specifici per ogni canale

Importantissimo è anche adattare i video prodotti al canale di distribuzione selezionato, avendo cura di modulare dimensioni, durata, formato ed ogni altro elemento alla piattaforma sulla quale il contenuto video andrà distribuito. Ogni social network ad esempio ha la sua specifica utenza, con delle aspettative precise di cosa desidera trovare una volta effettuato l’accesso a quel canale. Su Facebook ad esempio la parola d’ordine è intrattenimento: i suoi iscritti desiderano trovare qui video emozionali, altamente capaci di coinvolgere e così interessanti da essere ricondivisi. I video nativi sono il formato privilegiato su questo social, mentre lo strumento delle dirette, permesse sia da Facebook che da Instagram, è arrivato ad essere un’ottima tattica di marketing, per la sua capacità di mantenere alto il coinvolgimento e creare un’interazione diretta tra l’azienda, l’influencer o l’esperto online ed il pubblico.

Instagram invece è il regno dei contenuti prettamente visuali, meglio se semplici e leggeri, che evitano un sovraccarico di informazioni e dati in favore di emozioni e concetti concisi.

L’universo Youtube è poi ormai un vero e proprio motore di ricerca, che gli utenti consultano in cerca di soluzioni a problemi e risposte alle loro domande. Corsi, recensioni e consigli sono ottimi per questo social, che permette infatti la realizzazione di video più lunghi ed articolati. TikTok è l’ultima soglia del puro intrattenimento e della creatività senza confini: per un’azienda immergersi nel mondo dei tiktokers è ormai quasi un obbligo, specialmente se si ha una clientela particolarmente giovane.

Usare i video nelle promozioni e nelle Ads

Il un mondo sempre più spinto verso il video marketing, viene da sé che essi vadano inclusi massicciamente anche nei messaggi promozionali e nelle Ads di Google ed, ovviamente, in quelle dedicate a Youtube. Anche gli annunci su Instagram e Facebook sono particolarmente efficaci quando sono realizzati in formato video; più in generale una solida e ben strutturata strategia di video marketing deve comprendere irrinunciabilmente anche annunci video sponsorizzati, che elevino le probabilità di conversione grazie all’alto tasso di interazione.

Realizza le migliori campagne
su Facebook e Instagram

Scopri come

Video marketing, serve costanza

Come in ogni piano strategico che si rispetti, anche quando ci si muove all’interno dei confini del marketing video, è necessario produrre contenuti con costanza. Per costruire una solida presenza online e fare un efficace lavoro sul brand non basta realizzare un video che diventi virale per un periodo limitato di tempo, bensì serve una costanza di pubblicazione e una strategia preferibilmente multicanale. Un piano editoriale anche per i contenuti video permette di avere una presenza capillare e di farsi trovare sempre dagli utenti in rete, creando col tempo brand awareness ed autorevolezza. Unito alla perseveranza, non deve mancare infine un continuo monitoraggio dei risultati raggiunti, che permetterà di prendere consapevolezza di cosa ha funzionato e cosa no, di aggiustare il tiro e di essere sul mercato con sempre nuove idee e performance particolarmente vincenti.

Caricamento contenuti...