Home Page Business

Cosa sono i contenuti inclusivi e perchè sono importanti per la tua pmi

I consumatori apprezzano e scelgono i brand inclusivi, che parlano a un pubblico vasto e tengono conto delle diversità. Ecco perchè e come creare contenuti inclusivi

Alt text

In un clima mondiale sempre più attento ai diritti e alle persone, le aziende sono chiamate a creare contenuti inclusivi. Testi, immagini e video devono essere scelti e prodotti con attenzione, in modo da contribuire alla costruzione di un mondo più equo. Inoltre, i contenuti inclusivi permettono ad un brand di ampliare il pubblico di riferimento, perchè parlano davvero a tutti. Quali sono le parole e i metodi per usare un linguaggio inclusivo? Iniziamo a col definire questo tipo di contenuti.

Cosa sono i contenuti inclusivi

Quando si parla di contenuti inclusivi si fa riferimento a una serie di prodotti che tengono conto della diversità di cui è costituita l’umanità. Questi contenuti sono pensati per permettere a tutti di riconoscersi, identificarsi e sentirsi presi in causa. Sono accessibili perchè ideati anche per le minoranze.

Il significato di accessibilità lo troviamo nell’articolo 2 della Legge 4/2004: “per accessibilità si intende la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari.”

Il fatto che un’azienda decida di adottare un linguaggio di questo tipo è un forte segnale, significa che vuole partecipare al cambiamento in atto. Da ciò ne deriva che creare contenuti di questo tipo porta enormi vantaggi, sia al brand che al pubblico.

Perchè è importante creare contenuti inclusivi

Secondo l’indagine Diversity Brand Index condotta dall’associazione Diversity nel 2019, i contenuti inclusivi possono migliorare la reputazione delle aziende, generano fiducia nel marcio e contribuiscono a creare il cosiddetto brand equity e un passaparola positivo. Di conseguenza, i consumatori sono più disposti ad acquistare verso brand considerati etici. Naturalmente, le scelte di inclusione non si limitano al linguaggio, ma abbracciano l’intera attività aziendale.

Gestisci la tua
Presenza sui Social

Scopri come

Lo studio fa riferimento a un campione costituito da 1035 persone che hanno espresso la loro opinione su circa 450 brand, analizzati in base a sette parametri: genere e identità di genere, età, orientamento sessuale e affettivo, disabilità, religione, stato economico-sociale ed etnia. Il risultato della ricerca è che il 51% dei consumatori sceglie marchi inclusivi, che a loro volta generano una maggiore percentuale di passaparola positivo rispetto a brand non inclusivi. I consumatori sono disposti a dare più fiducia alle aziende etiche e le consigliano alla propria cerchia di contatti, parlano delle loro azioni e creano quindi una discussione, non solo attorno al tema (come la scelta di usare un asterisco o di inserire persone di diversa etnia nella pubblicità) ma anche a favore del brand.

Come usare il linguaggio inclusivo in azienda: alcune proposte

Innanzitutto, le aziende che decidono di adottare questa filosofia e cultura devono coinvolgere i dipendenti e spiegare le motivazioni che hanno portato a questa scelta. Senza un coinvolgimento di tutti coloro che lavorano o collaborano con un’azienda il risultato può essere estraniante e controproducente. Si tratta, infatti, di una decisione di forte impatto, che riguarda tutti, sia chi è fuori che chi è dentro il brand. Dopo aver fatto questo passo, occorre scegliere quali azioni inclusive attuare e creare un vero e proprio piano strategico.

Per quanto riguarda il linguaggio inclusivo, ci sono diverse proposte per rendere più flessibile la lingua italiana (ma che riguardano tutto il mondo):

  • Lo schwa (“ə”), simbolo appartenente all’alfabeto fonetico internazionale (AFI). Schwa deriva dal tedesco, che a sua volta si lega a una antica parola ebraica “shav”, che significa “niente”. Si tratta di un’alternativa che inizia a essere apprezzata anche dalle aziende, per diversi vantaggi: si può pronunciare e si adatta a ogni genere. Allo stesso tempo, però, ha degli svantaggi: è un suono molto diverso dalla lingua italiana, che quindi può infastidire, risultare alieno e incomprensibile (per questo motivo è importante che i dipendenti siano coinvolti nel processo). Non si trova nelle tastiere del pc ed è considerato abilista, quindi anziani ma anche persone con problemi di lettura possono avere dei problemi a usarlo.
  • L’asterisco viene usato per sostituire la lettera finale delle parole maschili e femminili, in modo da renderle più inclusive. Si tratta di una soluzione facile da adottare e non si pronuncia, nel senso che la parola viene spezzata alla fine. Si tratta di una soluzione quando abbiamo a che fare con testi di sola lettura, ma è problematica quando, invece, si deve gestire una ricerca vocale.

Insomma, sicuramente siamo davanti a un periodo di continua ricerca e cambiamento e non è detto che queste o altre alternative entrino nel nostro linguaggio e quindi anche in quello delle aziende. Ma una cosa è certa: i brand devono sempre più tenere conto delle diversità che caratterizzano il mondo per parlare con un pubblico più vasto e ottenere i vantaggi appena descritti.

Un modo per introdurlo può essere quello di raccontare la decisione ai propri clienti e fare un vero e proprio storytelling sul perchè si è giunti a tale scelta, coinvolgendo il pubblico. Un buon canale per creare questo tipo di dialogo sono sicuramente i social network. Vuoi creare la tua strategia sui social? Italiaonline ha pensato a uno strumento completo e semplice da usare per tutte le aziende!

Gestisci la tua
Presenza sui Social

Scopri come

Caricamento contenuti...