Home Page Business

Come rilanciare un'attività dopo un periodo di crisi

Ripartire dopo un momento di crisi non è affatto semplice, ma con i giusti accorgimenti è possibile pianificare abili contromosse in grado di favorire un nuovo equilibrio commerciale ed economico. Ecco come rilanciare la tua attività grazie al digital marketing

Alt text

Sono molti i motivi per cui un’attività può attraversare momenti di difficoltà: può trattarsi di crisi di mercato, di cambiamenti nel settore merceologico a cui non si riesce a reagire per tempo, di eventi contingenti che cambiano in poco tempo una stabilità acquisita.

Se il tuo business dovesse incontrare un periodo di crisi, ciò che conta è attuare quanto prima delle contromosse intelligenti per contrastare il momentaneo calo. Sono molte le azioni che è possibile intraprendere e fortunatamente oggi il mondo digitale mette a disposizione numerosi strumenti e strategie di marketing che possono supportare una efficace ripartenza. Ecco i migliori suggerimenti digital su come rilanciare un’attività in crisi.

Come rilanciare un’attività in difficoltà?

ll primo passo per uscire dal circolo vizioso di una crisi aziendale è quello di convincerti che la possibilità di riprendere un trend positivo sia concreta e reale: è necessario rimboccarsi le maniche, mettere in campo la tua proattiva mentalità imprenditoriale e pianificare una strategia chiara. Tieni lontana la tentazione di trovare scuse ed incolpare eventi o attori esterni perché, anche qualora ce ne fossero di concreti, la tattica sarebbe controproducente e non ti porterebbe lontano.

Meglio focalizzarti su cosa puoi fare tu, per rilanciare il tuo business al meglio ed allontanarti quanto prima dal periodo grigio. Stabilisci un budget da investire nel rilancio che non intacchi ulteriormente le già delicate finanze aziendali, allinea gli obiettivi del tuo team e prendi come esempio quelle aziende che, seppur nel tuo stesso settore merceologico, sono riuscite ad restare floride ed evitare di essere travolte dalle difficoltà.

Come fare ripartire il tuo business grazie all’aiuto del marketing e del digitale?

Sei un professionista della casa e vuoi trovare nuovi clienti?

Entra GRATIS su PgCasa

Prima di cercare nuovi clienti, dedica attenzioni ai tuoi clienti acquisiti

L’errore che spesso molti imprenditori commettono è quello di dedicarsi spasmodicamente alla ricerca di nuovi clienti da acquisire, soffrendo la mancanza di nuovi flussi come un impedimento assoluto per uscire da un periodo di crisi. Esiste però una fascia di clientela potenzialmente molto proficua, sulla quale orientare i propri sforzi: i clienti già acquisiti. Concentra le tue attenzioni su quei clienti che hanno già comprato da te in passato e cerca i modi migliori per metterti in contatto con loro, controllando i tuoi database e le tue liste di clienti, digitali o cartacee che siano.

Acquisire nuovi clienti è molto più dispendioso in termini di budget e tempo rispetto a puntare su quelli già entrati nel tuo funnel di vendita. Cerca di capire cosa ha spinto quei clienti ad acquistare da te in passato ed immagina cosa potrebbe portarli a riacquistare oggi: un cliente che ha avuto un’esperienza positiva, può essere facilmente riagganciato con campagne di comunicazione ben studiate.

Sii creativo ed elabora un modo efficace perché essi tornino a richiedere i tuoi servizi o oppure perché sentano la necessità di acquistare da te prodotti complementari a quelli che hanno già fatto propri. Fidelizzali con offerte esclusive e cerca di fare di loro i tuoi migliori ambassador: clienti soddisfatti e coccolati saranno ben predisposti a generare per te un fruttuoso passaparola e/o a lasciarti recensioni positive che fungano da social proof, ottima per la tua strategia di rilancio post crisi.

Ridefinisci il target client

Un’analisi accurata della tua base clienti acquisita ti aiuterà anche nella ridefinizione della tua target audience. Specialmente in un momento di difficoltà a livello di vendite e fatturato, è assolutamente indispensabile fare chiarezza su chi siano le tue buyer personas e quali siano le caratteristiche fondamentali del tuo cliente tipo.

Guardare alle tue liste di acquirenti passati può aiutarti ad identificare il profilo del tuo cliente ideale, le sue esigenze, le sue abitudini, le sue caratteristiche socio-demografiche ed i bisogni che egli soddisfa rivolgendosi al tuo brand. Avere una chiara prospettiva su tutti questi aspetti può aiutarti a formulare strategie di prodotto davvero mirate e tattiche di comunicazione e marketing emozionale che sappiano parlare con il giusto tone of voice e le giuste leve psicologiche.

Non dimenticarti di passare ogni valutazione sotto il filtro del momento presente: ciò che ha funzionato un tempo può non funzionare oggi e le peculiarità dei clienti di ieri possono essere solo una base di partenza per definire quali sono, oggi, le reali aspettative del tuo target. Capire quali siano i punti di forza della tua offerta vista dagli occhi del tuo target è un passaggio chiave in una valida strategia di rilancio: solo se riuscirai a non perdere il focus sul tuo pubblico di riferimento, potrai sperare di riuscire a correggere la direzione negativa che ha preso il tuo business.

Rendi unica la tua offerta e comunicala in maniera incisiva

Una volta elaborate accuratamente le qualità del pubblico al quale desideri rivolgerti, puoi dedicarti alla costruzione o alla ri-costruzione della tua brand identity. Per attuare una valida strategia di rilancio del tuo business, dovrà fare in modo che ogni aspetto del tuo brand corrisponda ai fattori caratterizzanti del pubblico al quale vuoi parlare.

Ogni singolo elemento visivo della tua immagine aziendale dovrà essere allineato con le particolarità di quel target, dal tuo sito web, al tuo logo, al tuo punto vendita al tuo materiale promozionale cartaceo: se pensi sia necessario, investi in un restyling del tuo marchio, in modo da svecchiarlo o riadattarlo al tuo pubblico. Inoltre, fai in modo che ogni messaggio che veicoli attraverso blog, social, podcast, flyers o qualsiasi altro canale di comunicazione sia perfettamente calibrato sul tone of voice con il quale vuoi caratterizzare il tuo brand.

Il cliente dovrà a colpo d’occhio aver chiaro quale sia la tua offerta e soprattutto quale sia la tua USP, Unique Selling Proposition: ossia, quell’insieme di elementi che rendono assolutamente unica la tua azienda e che ti differenziano nettamente dalla concorrenza. Il fatto che la tua USP non sia ben chiara potrebbe essere uno dei motivi che ti ha condotto in un periodo di crisi: che si tratti di attributi relativi al tuo prodotto, ai tuoi servizi, al tuo team, al tuo approccio al mercato, o ancora, ai tuoi prezzi ed all’esperienza nel tuo PDV, investi impegno ed energie a rendere la tua Unique Selling Proposition lampante, sia per te stesso che per il tuo target.

Una volta chiarito il valore aggiunto che puoi offrire, sfrutta tutti i canali digitali per proporla al grande pubblico e diffonderla efficacemente. Puoi utilizzare la potenza del social network o i vantaggi offerti dal direct email marketing per veicolare la tua filosofia o fare dello storytelling di forte appeal. Puoi concentrarti anche sul tuo blog aziendale: usalo al meglio per raccontare la tua storia ed i tuoi metodi di produzione o per dare interessanti suggerimenti ai tuoi utenti relativi al settore in cui operi. Realizzando contenuti utili, ottimizzati in ottica SEO, amplierai credibilità, autorezolezza e visibilità in rete in un colpo solo.

Ads & company: idee promozionali per la tua attività

Il mondo del digitale ti offre anche un’ottima strada per promuoverti e cercare di uscire dalla crisi che ha colto il tuo settore o il tuo business in particolare: si tratta delle opportunità dell’advertising online. Attraverso la rete e le principali piattaforme di advertising oggi a disposizione è possibile avviare campagne di marketing mirate, estremamente fruttuose e incredibilmente segmentate sul pubblico target che ti interessa colpire.

Facebook Ads ti permette ad esempio di rivolgere le tue campagne promozionali a fasce di utenti segmentare in maniera estremamente precisa in base a posizione geografica, abitudini di acquisto, interessi , hobby, stato familiare, professione, età e molto altro, in modo da incanalare i tuoi budget pubblicitari solamente verso un target potenzialmente ricettivo per la tua offerta.

Google Ads ti aiuta ad essere visibile tra i risultati di ricerca ogni qualvolta un utente immetta una query di ricerca in linea con la tua offerta, e di massimizzare l’incremento di lead e traffico verso il tuo sito web o il tuo shop online. Un aumento dell’esposizione, ti porterà inevitabilmente ad un aumento delle desiderate conversioni, facendoti fare un passo avanti verso il rilancio della tua attività.

Legame con il territorio e local SEO

Come rilanciare un’attività in crisi, quando gestisci un business legato al territorio? Se la tua attività prevede la presenza locale di punti vendita o uffici allora per te la local SEO dovrebbe essere pane quotidiano.

Non ti sei mai curato nello specifico delle opportunità offerte dalla Local Search? Bene, un periodo di crisi è proprio ciò che dovrebbe guidarti verso una maggiore consapevolezza di questi delicati aspetti della tua presenza in rete. Se ti rendi conto che la visibilità online della tua azienda non è sufficiente o è incompleta, corri immediatamente ai ripari: controlla tutti i dati e le informazioni presenti sul tuo sito web, il tuo indirizzo, i tuoi contatti, le tue mappe ed i tuoi orari. Crea inoltre il tuo profilo aziendale su piattaforme come Google My Business o directory di rilevanza nazionale come Pagine Gialle.

Potrai così essere trovato immediatamente quando un utente effettuerà ricerche specifiche per attività nella tua area geografica di competenza. Specialmente se hai un PDV dove vorresti attrarre i tuoi potenziali clienti, punta ad integrare la tua strategia di Local SEO con performanti tecniche “drive to store”: incentiva cioè la tua audience a visitare i tuoi spazi fisici, tramite ben studiate tecniche di marketing.

Struttura il tuo sito web in modo che ad una ricerca prodotto possa seguire l’individuazione dello store più vicino che lo ha in stock e l’accompagnamento dell’utente verso il PDV. Inserisci inoltre call to action d’impatto e incentivi che spingano l’utente a dirigersi verso il punto vendita: potrebbero essere coupon da ritirare in negozio o promozioni a tempo limitato ottenibili solo grazie ad un voucher scaricato dal sito. Anche le campagne Google Ads o FB Ads possono essere sfruttare per incentivare la visita nel PDV, impostando al meglio la targettizzazione, le informazioni di localizzazione e le motivazioni per venirti a trovare in negozio.

Innesca partnership locali

Sviluppare partnership commerciali con le attività del tuo stesso territorio di appartenenza può essere un’ulteriore strategia per uscire da una crisi. Azioni di co-marketing e co-branding potrebbero metterti profittevolmente in collegamento con business complementari che svolgono la loro attività all’interno della tua stessa area geografica e che si rivolgono alla tua stessa nicchia di riferimento. Si tratterà di imprese ovviamente non in diretta concorrenza con il tuo business.

Potrai così raggiungere fasce di pubblico nuove che non avresti potuto intercettare con le tue sole forze e la tua singola offerta, ma che una volta venute a conoscenza del tuo brand potrebbero diventare parte della tua clientela o addirittura clienti fidelizzati. Un esempio? Una collaborazione tra un ristorante ed il cinema più vicino, oppure tra un estetista ed il vicino parrucchiere. Le idee sono pressoché infinite, l’importante è essere creativi.

Sfrutta le potenzialità dell’e-commerce

Se il tuo business si basa esclusivamente sulle vendite derivate dai tuoi PDV fisici, una crisi inattesa può essere il momento di svolta che ti fa rivolgere lo sguardo al profittevole mondo dell’e-commerce. Anche senza dedicare al progetto ingenti somme di denaro, sono numerosi gli strumenti che internet mette a disposizione per la creazione di store online efficienti ed intuitivi.

Creare il tuo canale di vendita online potrebbe essere il primo passo utile per dare una ventata d’aria fresca alle tue casse. Puoi scegliere di imparare in autonomia a padroneggiare CMS come WordPress, sistemi di pagamento e piattaforme, oppure potresti più saggiamente rivolgerti ad un professionista esperto, in grado di realizzare per te un e-commerce veloce, efficace, responsive, stabile ed intuitivo.

Ti sarà possibile aggiungere questo secondo canale di vendita al tuo spazio fisico, e godere delle enormi potenzialità offerte oggi dal commercio elettronico, settore in costante crescita e capace di galleggiare in quanto a fatturati anche durante importanti crisi economiche.

Sei un professionista della casa e vuoi trovare nuovi clienti?

Entra GRATIS su PgCasa

Caricamento contenuti...