Home Page Business

Ripartire il budget per il marketing fra SEO, Google Ads e Social

Strategie di visibilità online: scopri come ripartire le risorse economiche tra SEO, Google Ads e Social. Impara a gestire efficacemente il budget per il marketing, con consigli pratici per la promozione.

Alt text

Come suddividere il proprio budget di marketing per ottenere i risultati più efficaci per il proprio business tramite il web? Innanzitutto, definiamo il campo di azione e concentriamoci su tre dei principali strumenti per incrementare la visibilità su internet:

  • SEO (Search Engine Optimization): l’ottimizzazione per i motori di ricerca è un insieme di pratiche e di tecniche finalizzate a migliorare la posizione di un sito nei risultati organici, non a pagamento, del motore di ricerca. Il sito, per esempio, deve rispondere a certe caratteristiche sia nella struttura, che nei contenuti.
  • Google Ads: è la piattaforma pubblicitaria di Google che permette di promuovere prodotti e servizi in relazione alle parole chiave (keywords) selezionate. Gli annunci possono comparire sotto forma di testi, schede prodotto, video, oppure come risultato “a pagamento” nella pagina dei risultati SERP (Search Engine Results Page).
  • Social marketing: Facebook Ads, per esempio, utilizza un meccanismo simile a Google Ads all’interno del social network più usato al mondo. La finalità può essere quella di creare una community di riferimento, fare branding etc.

La domanda alla quale adesso proveremo a rispondere è: “Come distribuire il budget per il marketing? Conviene maggiormente puntare sulla SEO, o piuttosto sui Social, o invece investire in campagne pubblicitarie con Google Ads?”.

Gestisci la tua presenza digitale
su motori di ricerca, siti e social da un unico punto

Scopri come

Budget per il marketing: strategia per il piano di azione

Il piano per il marketing – indipendentemente dagli strumenti che saranno utilizzati per la sua attuazione – deve rispondere a dei criteri che possiamo definire standard, per quanto poi ogni business necessiti di una profilazione personalizzata. Le risposte alle domande che seguono definiranno la strategia che dovrai attuare per ottenere il risultato desiderato.

  • Qual è il tuo budget per il marketing online? Dovrai decidere la cifra che intendi destinare agli strumenti per incrementare la visibilità online del tuo business, prima di segmentare. E contestualmente dovrai valutare la durata della spesa, ovvero se si parla di un budget SEO, di un budget per Google Adwords e di un budget per campagne Social su base mensile, oppure su base annuale.
  • Quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere con i singoli strumenti di promozione? In particolare l’analisi dovrà essere realistica e fare i conti con la somma destinata, verificando che sia proporzionata all’obiettivo prefissato.
  • Sarai in grado di misurare la performance della varie campagne attivate? Definire il KPI (Key Performance Indicator) e monitorare il ROI (Return On Investment) sono attività fondamentali per la corretta suddivisione del budget per il marketing. Questi valori ti permetteranno di calibrare al meglio le risorse e di migliorare il tiro in corso d’opera, se necessario.

Budget per il marketing online: esempi pratici

Proviamo adesso a delineare un piano di budget per il marketing online, individuando i possibili obiettivi, fra quelli più comuni perseguibili con gli strumenti di pubblicità su internet:

  • far crescere la community di riferimento, attraverso l’engagement (tipico delle campagne di social marketing);
  • portare traffico qualificato sul sito;
  • realizzare delle conversioni.

Per quanto riguarda invece le mosse corrette in relazione agli investimenti sulla pubblicità online, ecco un paio di consigli tarati su un piano di marketing ‘spalmato’ su 12 mesi, un arco temporale giusto per misurare i risultati.

  1. Suddividi il budget disponibile almeno fra queste tre azioni: ricerca keywords per il posizionamento; ottimizzazione delle pagine del sito per la SEO; aggiornamenti dei contenuti per i social e per il blog aziendale.
  2. Imposta e definisci il CPC (Costo Per Click) che ti permette di settare il budget da destinare alle campagne di Google Adwords e Facebook Adwords.
  3. Imposta e definisci il budget da dedicare alla consulenza e alla SEO lato programmazione e architettura del sito / blog, in questa voce rientrano tutti gli interventi che vorrai delegare ai professionisti del settore.

Caricamento contenuti...