Home Page Business

DL Agosto, incentivi per assumere al Sud e al Centro

Il Governo ha varato uno sgravio contributivo per permettere alle aziende del Sud Italia di assumere nuovi dipendenti

Alt text

Il DL Agosto è stato approvato da una decina di giorni e il Governo sta ora lavorando sui vari emendamenti che la maggioranza e l’opposizione possono presentare durante la discussione in Parlamento. Il nuovo decreto stanzia ulteriori 25 miliardi di euro per aiutare le imprese a ripartire dopo la fine del lockdown e scongiurare migliaia di licenziamenti che metterebbero a dura prova la resistenza del Paese.

Una delle misure approvato con il DL Agosto riguarda gli incentivi per le imprese del Sud per assumere nuovi dipendenti. Uno degli obiettivi della politica economica messa in piedi dal Governo per questo e per i prossimi anni riguarda proprio il rilancio del Sud Italia. L’Italia non può ripartire se il Paese è spaccato in due e il Sud ha tutte le carte in regola per sostenere la ripresa. L’articolo 27 del DL Agosto prevede uno sgravio fiscale del 30% sul versamento dei contributi per tutte le assunzioni fatte dalle aziende del Sud tra ottobre e dicembre 2020. Il Governo, però, ha già in programma di estendere la misura fino al 2029 grazie ai fondi del Recovery Fund.

L’incentivo è molto interessante e soprattutto non riguarda solo le Regioni del Sud. Infatti, il Governo pensa di renderlo operativo anche ad alcune Regioni del Centro come Abruzzo e Umbria, in modo da trainare alcune filiere locali che sono la parte pulsante dell’economia italiana.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Quali aziende possono richiedere l’incentivo sulle assunzioni

Il decreto del Governo prevede che possono accedere allo sgravio contributivo tutte le imprese con una sede ubicata nelle regioni che nel 2018 hanno un prodotto interno lordo pro capite inferiore al 75% della media UE o comunque compreso tra il 75% e il 90%. In questi requisiti, oltre a tutte le regioni del Sud, rientrano anche Umbria e Abruzzo.

La norma dovrebbe prevedere inizialmente uno sgravio fiscale del 30% sul versamento dei contributi delle aziende sulle nuove assunzioni fino a dicembre 2020, ma il Governo ha intenzione di estendere la misura almeno fino al 2029 con i soldi derivanti dal Recovery Fund. Nelle idee del Governo, infatti, il contributo dovrebbero scendere di triennio in triennio fino ad arrivare al 10% tra il 2027 e il 2029.

Gli sgravi contributivi dovrebbero aiutare le imprese a rilanciare l’occupazione e sopratutto a evitare licenziamenti quando finiranno gli ammortizzatori sociali, che per il momento sono garantiti fino a fine anno.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Tags:
Caricamento contenuti...