Home Page Business

Le scadenze fiscali aggiornate dell'Agenzia delle entrate ad agosto 2020

Alt text

Il Decreto Legge Agosto, oltre a mettere in campo 25 miliardi di euro per aiutare le imprese nella fase post-lockdown, ha sospeso e ritardato il pagamento di alcune tasse e imposte già precedentemente posticipate con il DL Cura Italia e con Decreto Rilancio. Il Governo sperava in una ripresa più veloce dell’economia con la possibilità delle aziende di iniziare a pagare alcuni dei tributi sospesi in precedenza. Ma la crisi di liquidità che ha colpito l’economia italiana ha bisogno ancora di tempo per essere superata e per le aziende è necessario ritardare ancora un po’ il pagamento delle tasse.

L’Agenzia delle Entrate, dopo le vacanze estive, ha riaperto gli uffici e ha aggiornato il calendario delle scadenze fiscali di agosto, seguendo le disposizioni del Decreto Legge di Agosto. Per molte aziende che avevano degli appuntamenti da rispettare entro la fine di agosto si tratta si una buona notizia: il pagamento è stato posticipato fino al 15 ottobre. Inoltre, le piccole e medie imprese potranno anche decidere di pagare le imposte rateizzando la somma, in modo da dividere la spesa su più mensilità.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

DL Agosto, come cambia il calendario fiscale

I precedenti decreti economici avevano già posticipato il pagamento all’Agenzia delle Entrate di alcune imposte e con il DL Agosto viene fissata una nuova data: il 15 ottobre. Fino a questo giorno sono sospesi tutti i versamenti derivanti da cartelle esattoriali e avvisi di addebito ricevute nei mesi precedenti. Inoltre, è sospeso anche la notifica di nuove cartelle. L’Agenzia delle Entrate non può nemmeno effettuare i pignoramenti obbligatoria presso terzi prima del 19 maggio su stipendi e pensioni.

Nessun cambiamento, invece, per coloro che hanno utilizzato il “Saldo e stralcio” oppure la “Rottamazione-ter” per estinguere il loro debito con lo Stato: la scadenza per il pagamento delle rate è fissata per il 10 dicembre e non c’è nessun tipo di tolleranza sui ritardi.

Ricordiamo, invece, che le scadenze fiscali come il pagamento dei contributi dei dipendenti e tutti gli adempimenti delle aziende come sostituto d’imposta sono ripartiti regolarmente.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Tags:
Caricamento contenuti...