Skip to main content
Home | ROAS: cos’è e come si calcola
BlogPubblicità Online

ROAS: cos’è e come si calcola

Pubblicato il 29 Luglio 2020

Il ROAS è il calcolo del ritorno su una campagna di sponsorizzazione pubblicitaria. Scopri la formula per calcolarlo così da valutare la buona riuscita delle tue campagne.

Contenuto:

Scarica la guida su come e perché fare pubblicità online

Uno degli aspetti più apprezzati della comunicazione digitale è che tutto è misurabile. È in questo senso che, nell’ottica di verificare l’efficacia delle proprie campagne di pubblicità online, assume grande importanza il ROAS. Che cos’è? Come si può migliorare? Ma, soprattutto, come calcolare il ROAS? Proviamo a scoprire di più su questa metrica fondamentale per chi si occupa di advertising.

Che cos’è il ROAS: definizione

Partiamo dalle basi: innanzitutto, cos’è il ROAS? Questo termine è l’acronimo di Return On Advertising Spend. Si tratta di una metrica che calcola il ritorno che si è ottenuto a seguito di una campagna pubblicitaria.

Il ROAS è fondamentale siccome permette di capire se l’investimento iniziale di una campagna adv è stato positivo o se, al contrario, non si sono ottenuti i risultati sperati. Per questo, prima ancora di avviare una strategia di pubblicità online per il tuo business, dovresti sapere come calcolare il ROAS.

Come si calcola il ROAS: la formula

Il ROAS è un indice molto importante per chi lavora nel campo della comunicazione pubblicitaria perché consiste nel guadagno generato da una campagna, a cui vengono esclusi i costi di investimento. In questo modo le aziende hanno la possibilità di verificare l’effettivo riscontro ottenuto in seguito ad una campagna.

Il ROAS viene spesso confuso con il ROI, acronimo di Return On Investment, che tiene conto anche delle altre spese, come costi di spedizione e produzione, dando quindi una valutazione molto chiara e precisa del profitto ottenuto. Fatta presenta questa differenza tra le due metriche, non resta che capire come calcolare il ROAS.

Qual è, quindi, la formula per il calcolo del ROAS? Questa consiste nella divisione tra i ricavi ottenuti dalle campagne pubblicitarie e i costi pubblicitari sostenuti. Questo indicatore è molto valido nel caso delle campagne di advertising di Google e Facebook. Ecco la formula percentuale:

ROAS % = (Entrate delle campagne pubblicitarie) / (Spesa pubblicitaria) *100

In sostanza, maggiori sono i valori delle conversioni raggiunte attraverso gli annunci, maggiore sarà il rendimento della campagna. Nel caso della percentuale, per essere positivo un valore ROAS deve essere superiore del 100%.

ROAS target: come impostarlo

Un aspetto strategico molto importante da sapere è che Google Adwords permette anche di impostare il ROAS target, utile per ottenere un valore di conversione maggiore. Ecco quali sono gli step da seguire per impostarlo:

  • Inserire la colonna personalizzata per il ROAS con la formula espressa in percentuale;
  • Impostare il valore delle conversioni;
  • Ottenere almeno 15 conversioni in 30 giorni.

Durante la campagna, Adwords interviene e corregge automaticamente le offerte per raggiungere il valore del target iniziale che hai impostato.

Anche Facebook Ads permette di tracciare il ROAS della campagna, a condizione che ovviamente venga passato il valore della conversione. Questo calcolo viene eseguito in modo nativo, per cui non è necessario creare delle colonne personalizzate. Per visualizzare il dato del Roas sarà sufficiente andare nella colonna “Prestazioni” e fare clic su “Personalizza colonne”.

Terminato questo step basta cercare la metrica del ROAS all’interno del campo di ricerca e selezionare l’opzione relativa all’inclusione delle metriche che si vogliono includere: se il valore viene tracciato, la colonna del ROAS viene valorizzata e sarà un valido aiuto per l’implementazione e il miglioramento del rendimento delle tue campagne di advertising.

Ottimizzare il ROAS di una campagna: le strategie da adottare

Migliorare il ROAS delle campagne pubblicitarie è un obiettivo fondamentale per le aziende che desiderano massimizzare i risultati degli investimenti nel campo della comunicazione digitale. Per ottenere un ROI più elevato e valutare l’efficacia delle campagne, è importante adottare strategie mirate e ottimizzare ogni aspetto delle attività pubblicitarie.

Di seguito sono elencate alcune strategie chiave che possono contribuire a migliorare il ROAS complessivo, permettendo di generare maggiori ricavi e rendimenti positivi. Ecco quali sono:

  • Condurre ricerche approfondite sul proprio pubblico di riferimento: per identificare le parole chiave più pertinenti e raggiungere un target specifico;
  • Testare diverse varianti di creatività: come immagini, testi e call-to-action, per individuare le combinazioni più efficaci in termini di conversione;
  • Ottimizzare la landing page: assicurandosi che sia rilevante e persuasiva per i visitatori, al fine di migliorare la probabilità di conversione;
  • Monitorare costantemente le prestazioni: così da apportare regolari aggiustamenti in base ai dati raccolti;
  • Utilizzare tecniche avanzate come il remarketing: per coinvolgere nuovamente i potenziali clienti che hanno mostrato interesse in precedenza, aumentando le possibilità di conversione;
  • Implementare un’adeguata segmentazione dell’audience: per indirizzare gli annunci alle persone più inclini a convertire;
  • Utilizzare strategie di offerta intelligenti: come il bidding automatizzato, per massimizzare il ROAS in base agli obiettivi prefissati;
  • Sfruttare al massimo gli strumenti di analisi e monitoraggio: per ottenere una visione dettagliata delle prestazioni delle campagne e identificare eventuali aree di miglioramento;
  • Collaborare con esperti del settore: per ottenere consigli e strategie personalizzate.

Tenendo a mente queste buone pratiche, sarà possibile ottimizzare il ROAS complessivo delle campagne pubblicitarie e massimizzare il ritorno sugli investimenti.

ROAS: monitoraggio campagne adv

Il monitoraggio del ROAS rappresenta un’attività fondamentale nell’ambito delle campagne pubblicitarie online. Richiede tempo e competenze specializzate, tuttavia la sua importanza non può essere sottovalutata. Le campagne di advertising digitali, sia su Facebook che su altre piattaforme, offrono l’opportunità di essere misurate nel loro rendimento, consentendo di identificare quelle di maggior successo e individuare anche quelle con risultati negativi, che necessitano di un’attenta analisi e revisione.

Senza un monitoraggio accurato del ROAS, le attività pubblicitarie non possono essere interpretate in modo appropriato. Di conseguenza, i risultati ottenuti rischiano di rimanere casuali e gli investimenti possono rivelarsi inefficaci sul lungo periodo. È quindi imprescindibile dedicare le risorse necessarie per monitorare costantemente il ROAS, al fine di massimizzare i risultati delle campagne pubblicitarie e ottimizzare gli investimenti.

Questo processo permette di acquisire una comprensione dettagliata delle performance delle campagne, identificando i fattori che contribuiscono al successo e quelli che richiedono miglioramenti, garantendo così una base solida per prendere decisioni informate e strategiche nell’ambito della pubblicità digitale.

Sei poco pratico in materia ma non vuoi comunque rinunciare ad una strategia di pubblicità online in linea con le esigenze del tuo business? In questo caso non ti resta che affidarti a professionisti del settore. Dall’analisi preliminare sino al monitoraggio delle metriche, Italiaonline è pronta a supportarti in ogni fase della tua campagna pubblicitaria.

Contenuto:

Crea la tua campagna pubblicitaria online o affidati ai nostri esperti

Servizio gratuito

Nessun obbligo

Promo esclusive

Parla con noi

È gratuito e senza impegno

Nome e Cognome
Numero di telefono
Partita iva
Cliccando sul tasto “RICHIEDI CONTATTO” accetti di essere ricontattato e accetti l’informativa privacy.
Richiesta inviata correttamente

Grazie, i tuoi dati sono stati registrati correttamente e verrai ricontattato il prima possibile.

Grazie, i tuoi dati sono stati registrati correttamente e verrai ricontattato il prima possibile.
Se non ti ricordi a partita IVA non ti preoccupare, te la chiederemo al nostro primo contatto per gestire al meglio la tua richiesta.