Home Page Business

Le scadenze fiscali di novembre 2020 per PMI e professionisti

Il calendario delle scadenze fiscali di novembre ha alcuni slittamenti, ma la data più importante è il 30: termine ultime per la dichiarazione dei redditi delle Partite Iva. Ecco le date

Alt text

Novembre è un mese fitto di scadenze per chi ha un’attività imprenditoriale. Tra quelle principali spicca la data ultima, fissata a lunedì 30 per effettuare la dichiarazione dei redditi per chi ha una Partita IVA. Contemporaneamente grazie ai Decreti anti-covid, alcuni appuntamenti col Fisco slittano o vengono sospese.

Tra i provvedimenti da prendere in considerazione spicca il Decreto Ristori, che è l’ultimo annunciato dal Presidente del Consiglio e che contiene indicazioni sulle scadenze fiscali e sulle indennità per le fasce di lavoratori più colpite dalle restrizioni anti Coronavirus, in particolare il turismo, i liberi professionisti e la ristorazione. Alcune delle principali scadenze sono concentrate nella prima metà del mese.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Calendario scadenze fiscali novembre 2020

Anche se, in riferimento al Decreto Ristori e al DL Agosto alcune tasse possono aspettare, il mese di novembre è abbastanza normale per quanto riguarda le riscossioni nei confronti delle aziende e liberi professionisti. E a proposito di Partita IVA, il 30 è l’ultimo giorno utile per effettuare la dichiarazione dei redditi. Ecco le scadenze principali per Pmi e mondo del lavoro:

  • 2 novembre: innanzitutto col Decreto Ristori è prevista la proroga al 10 dicembre per presentare il modello 770/2020 da parte dei sostituti d’imposta relativo all’anno 2020. Quindi non è necessario inviarla entro il 2 novembre. Entro questa giornata i contribuenti IVA che hanno i requisiti necessari possono chiedere il rimborso o la compensazione del credito IVA trimestrale (modello TR). Inoltre, gli enti non commerciali e gli agricoltori esonerati possono devono presentare la dichiarazione mensile degli acquisti intracomunitari (Modello Intra 12). Nella stessa giornata sono tenuti ad adempiere alla liquidazione dell’Iva relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente.
  • 16 novembre: in questa data ci sono diverse scadenze per le Partite IVA: versamento mensile relativo all’imposta sugli intrattenimenti, versamento trimestrale per le associazioni sportive dilettantistiche e per i contribuenti naturali; versamento contributi minimi obbligatori per artigiani e commercianti; versamento dei contributi del Fondo CCNL Logistica. Chi si occupa di commercio al minuto e grande distribuzione è tenuto alla registrazione delle operazioni del mese precedente per le quali è stato registrato lo scontrino o la ricevuta fiscale. Ricordiamo che il DL Rilancio ha disposto la proroga del termine della fase transitoria legata ai corrispettivi telematici. I sostituti d’imposta sono tenuti a versare le ritenute operate a settembre sui redditi di lavoro dipendente e assimilati ma è anche previsto il versamento dei contributi per i collaboratori e lavoratori autonomi.
  • 25 novembre: gli operatori intracomunitari sono tenuti a presentare gli elenchi riepilogativi Intrastat.
  • 30 novembre: le aziende industriali e dell’edilizia sono tenute a presentare all’INPS le domande di CIGO (Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria) per eventi non evitabili. Inoltre, in tale data è fissato il versamento dei contributi integrativi per il Fondo Dirigenti di aziende industriali. Infine, scade il termine per inviare i modelli della dichiarazione dei redditi IRES – IREP e IRAP 2020 relativi al periodo di imposta 2019.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...