Home Page Business

LCP: cos'è e come usarlo per migliorare il tuo sito web

Il Large Contenful Paint o LCP è una misura della velocità della pagina web importante per la SEO di un sito: come funziona e come usarla per migliorare il traffico

Alt text

Il tempo di caricamento della pagina web è un fattore cruciale per il traffico di un sito. Se la pagina carica lentamente, gli utenti tenderanno ad abbandonarla spazientiti. Il proprietario del sito, soprattutto se è un’azienda o un libero professionista, rischia così di perdere un cliente ancora prima di potersi far conoscere. Verificare i tempi di caricamento delle pagine è quindi essenziale per migliorare l’utilizzabilità del sito web aziendale e c’è un parametro di cui tenere conto, soprattutto dopo l’aggiornamento Core Web Vitals di Google: il Largest Contenful Paint o LCP. Si tratta di una misura della velocità della pagina di cui Google tiene conto per il posizionamento del sito web nella SERP e che quindi deve essere tenuta in considerazione quando si lavora all’ottimizzazione SEO delle pagine web di un sito. Una buona LCP può quindi fare la differenza tra un sito con molti visitatori e un buon traffico, e un sito abbandonato destinato a perdere posizionamento in SERP. Ecco così LCP, come valutare il parametro e come usarlo per migliorare il proprio sito web aziendale.

LCP: cos’è e come valutarlo

Il Largest Contenful Paint è un fattore che indica il tempo di caricamento della pagina web e si applica solo al contenuto principale “above the fold”, cioè alle immagini, i video e i blocchi di testo che vengono visualizzati dall’utente senza che debba scrollare la pagina verso il basso quando si apre. Con l’aggiornamento di Core Web Vitals di Google, è diventato un parametro importante che influenza la SEO e il posizionamento in rete del sito web.

Per misurare il valore LCP del proprio sito si possono utilizzare strumenti forniti da Google, come la Google Search Console, Google PageSpeed Insights e Lighthouse. Una volta individuato il dato, bisogna saperlo interpretare. Un LCP buono si attesa su tempi di caricamento del contenuto principale della pagina web entro i primi 2,5 secondi di visita di un utente. Se invece il tempo di caricamento sale oltre i 5 secondi, ci troviamo davanti a un LCP scadente che ha bisogno di essere migliorato.

LCP scadente: le cause

Le cause di un LCP scadente sono diverse: da un lettore multimediale integrato che rallenta il caricamento della pagina, pulsanti social media, widget, o ancora immagini non ottimizzate. In tutti i casi, si tratta di un tempo di risposta del server che è lento e ha un impatto negativo sulle metriche della velocità di caricamento. Il problema potrebbe riguardare l’infrastruttura di back-end del sito, o le query di database non ottimizzate.

Dove appare il tuo sito?
Ottimizzalo in chiave SEO con i nostri esperti!
Scopri come

Se il sito presenta delle personalizzazioni aggiunte con JavaScript e CSS, il rischio è che il design sia troppo pesante e influenzi in modo negativo il tempo di caricamento. Anche il rendering lato client, cioè il rendering delle pagine web direttamente nel browser con JavaScript, può causare un LCP scadente. Infine, il problema potrebbe scaturire dalle risorse o dai contenuti visivi: GIF, immagini, caselle di testo di alta qualità che non siano ben ottimizzate richiedono un tempo di caricamento più lungo e questo inevitabilmente influisce su LCP.

LCP scadente: come risolvere il problema

Nel caso in cui Google Search Console o Google PageSpeed Insights confermino un LCP scadente, non resta altro da fare che cercare di individuare le cause e ottimizzare il sito per migliorare le performance. Prima di tutto, si dovrà procedere all’ottimizzazione del CSS, ad esempio rimuovendo manualmente il codice inutilizzato, riducendo i file CSS in suo e ottimizzando le immagini di sfondo.

Un altro modo per migliorare il parametro LCP è ottimizzare le immagini, convertendole in formati più efficienti, controllando che siano delle dimensioni corrette e preferendo i video alle GIF, che hanno dei tempi di caricamento più lunghi. Anche il WebFont può essere ottimizzato, scegliendo dimensioni ridotte, utilizzando un font-display, o ancora si potrebbe aggiornare lo stile della pagina per utilizzare il carattere personalizzato, così da ridurre i tempi di caricamento. Se il sito è scritto in JavaScript, sarà bene ricontrollare il codice rimuovendo quello inutilizzato, verificare che sia aggiornato e compatibile coi browser moderni in uso, così da migliorare la velocità di caricamento e ottenere un buon LCP.

Dove appare il tuo sito?
Ottimizzalo in chiave SEO con i nostri esperti!
Scopri come

Caricamento contenuti...