Home Page Business

Italia si avvia verso la rivoluzione cashless: contante sempre meno utilizzato

Il volume dei pagamenti digitali cresce anche in Italia, Paese noto per la sua "predilezione" per i contanti

Alt text

La cashless society è la società del futuro? Un mondo in cui i pagamenti avvengono senza l’uso del contante, ma con altri metodi, dalla carta di credito allo smartphone. Fino a venti anni fa, una realtà del genere poteva sembrare utopica, eppure secondo recenti ricerche è proprio questa la direzione in cui ci stiamo muovendo.

Se alcuni consumatori storcono il naso e continuano a preferire i contanti, altri invece abbracciano totalmente la causa decidendo di fare la spesa, pagare le bollette ed effettuare altri acquisti senza utilizzare banconote o monete. D’altronde i servizi sono sempre più sicuri e facili da usare, oltre ad avere numerosi vantaggi sia per gli esercenti che per i cittadini. Quali sono questi famosi punti di forza? E cosa dicono le principali ricerche in merito? Ecco una panoramica dell’Italia alle prese con la rivoluzione cashless.

Cashless: In Italia si paga sempre di più senza contanti

Viviamo in un periodo storico che permette di utilizzare metodi di pagamento che esulano dal contante: non solo la carta di credito ma anche il mobile payment, che permette di fare acquisti usando semplicemente lo smartphone.

Nonostante il contante rimanga la soluzione prediletta dagli italiani, la situazione sta lentamente cambiando a favore del cashless. Lo ha confermato anche l’ultima ricerca dell’Osservatorio Innovative Payments del Politecnico di Milano.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Il campione che ha dichiarato di pagare esclusivamente in contante è passato dal 18% del 2018 al 15% nell’anno successivo. Allo stesso tempo, i bonifici vengono gradualmente usati al posto degli assegni.

Contemporaneamente è aumentato l’utilizzo del mobile payment in negozio, che negli ultimi anni è cresciuto del +244%. Insomma, il contante sta perdendo terreno a favore di soluzioni digitali sempre più facili da usare e sicure. Per velocizzare questo processo è fondamentale la collaborazione delle istituzioni.

Normative a favore dei pagamenti digitali

La cosiddetta cashless society ha enormi benefici sulla società, come si legge sul sito di Bankitalia: permette di modernizzare le abitudini di imprese e cittadini, migliora la fluidità delle transazioni e favorisce lo sviluppo economico. Questa ambizione non è solo italiana, ma condivisa con tutti gli Stati Membri dell’UE. La Banca d’Italia infatti continua affermando che “questi obiettivi sono anche alla base delle iniziative assunte dalle autorità per la creazione di un’Area Unica dei pagamenti in Euro (Single Euro Payments Area – SEPA) e per definire una cornice giuridica unitaria per l’offerta dei servizi di pagamento in Europa (Payment Services Directive – PSD)”.

Seguendo questa ondata di innovazione, il Governo italiano ha già emanato diverse misure a favore dei sistemi di pagamento innovativi. Alcune delle più importanti sono contenute nella Legge di Bilancio 2020, come le detrazioni per chi paga con strumenti digitali quindi tracciabili, lotteria degli scontrini, fondi per i consumatori che pagano più spesso senza contanti e altre iniziative simili. La crisi sanitaria legata al Covid-19 ha poi spinto ancora di più verso l’abbandono del contante a favore delle carte, pagamenti online e simili.

Pagare senza contanti: quali sono i vantaggi

Il cashless ha diversi punti di forza, validi sia per i cittadini che per le imprese. I cittadini apprezzano gli strumenti digitali per la loro facilità e velocità d’utilizzo, oltre al fatto che permettono di effettuare acquisti online ad ogni ora del giorno. Inoltre, consentono anche di monitorare le spese perché si ha sempre un rendiconto di tutte le transazioni da poter verificare su computer o smartphone grazie ai servizi di home banking.

Lo smartphone è sicuramente lo strumento con maggiori potenzialità e si sta addirittura sostituendo al portafoglio in tutto e per tutto. Infatti, non solo permette di effettuare un acquisto online o in negozio, ma anche di gestire le carte fedeltà e simili. La ricerca dell’Osservatorio Innovative Payments ha riscontrato che il 18% degli intervistati apprezza il fatto di poter lasciare a casa il denaro per usare solo il telefono.

Ma i vantaggi sono tanti anche per le imprese, e nella fattispecie gli esercenti. Innanzitutto, mettere a disposizione dei consumatori le alternative al contante permette di avere un vantaggio competitivo importante. Inoltre, si hanno ripercussioni sul controllo delle entrate e uscite del negozio: si riduce il rischio di errori e furti e si annulla il tempo impiegato per depositare gli incassi.

Inoltre, adottare soluzioni innovative permette anche di offrire maggiori servizi alla clientela, come quello di pagare da remoto e consegnare la merce a domicilio o sfruttare al meglio la rete per guadagnare. Insomma, la strada da fare è ancora lunga ma sicuramente anche gli italiani hanno iniziato a cambiare le proprie abitudini di acquisto. Non resta che osservare come si evolverà ulteriormente la situazione.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Caricamento contenuti...