Home Page Business

HR e digitalizzazione: le tendenze del 2021

Dall'aumento dello smartworking ai colloqui da remoto, fino alla Realtà Virtuale e l'Intelligenza artificiale: le Risorse Umane saranno sempre più digitali

Alt text

La digitalizzazione è un processo che coinvolge tutti i settori e gli ambiti della società. Tra questi spicca quello delle Risorse Umane o Human Resources (HR). I manager delle risorse umane fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria hanno affrontato importanti sfide, ma queste aumenteranno sempre di più in futuro. Infatti, sono loro che devono e dovranno occuparsi di introdurre le giuste competenze all’interno delle aziende. Avranno quindi un ruolo fondamentale nella trasformazione tecnologica delle pmi.

Allo stesso tempo, gli operatori devono saper utilizzare le nuove tecnologie per migliorare il proprio lavoro. Dal 2021 tante imprese avranno bisogno di ripensare al proprio organico e migliorare la gestione del personale, sviluppando nuove strategie organizzative e produttive. Ma quali saranno le tendenze del 2021 per il mondo dell’HR? Esistono una serie di trend che contribuiranno a far evolvere il settore.

HR a caccia di nuove competenze digitali

Lo smart working ha fatto irruzione in tante aziende nel 2020. Alcune aveva già sperimentato forme di lavoro ibride e da remoto, ma sono tante quelle che hanno improvvisato queste modalità lavorative, non senza difficoltà. Infatti, spesso i dipendenti non avevano le capacità di base per svolgere lo stesso lavoro fatto in ufficio anche da remoto. Nel futuro le Risorse Umane dovranno avere questa consapevolezza e valutare quali sono le capacità adattive e le competenze digitali dei candidati.

I lavoratori saranno sempre più slegati dal bisogno di essere presenti in ufficio, ma dovranno essere flessibili e pronti a svolgere le proprie mansioni in ogni luogo e reagire ottimamente alle emergenze. Senza contare che oggi più che mai, le digital skill del personale sono un elemento di forte competitività. Quindi le Risorse Umane dovranno concentrarsi queste abilità dei candidati durante la selezione.

Colloqui da remoto e tecnologie emergenti

Un’altra tendenza che si rafforzerà l’anno prossimo sono i colloqui eseguiti in videoconferenza, che già durante la pandemia hanno dominato la scena. Nel 2020 i video-colloqui sono aumentati del 330% rispetto al 2019.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

L’Intelligenza Artificiale avrà un ruolo cruciale e permetterà al team HR di valutare meglio un CV e selezionare in modo corretto i candidati, soprattutto quando i requisiti richiesti dall’azienda sono chiari e cruciali. Inoltre, grazie all’accumulo e l’uso intelligente di dati sarà possibile prevedere quali sono i CV più adatti per un determinato ruolo.

L’AI permetterà ad un’azienda anche di essere più aperta all’inclusività e alla diversità: per esempio gli strumenti usati permetteranno di ignorare informazioni come sesso, etnia o età. In questo caso, i candidati verranno selezionati solo in base alle loro realità competenze e abilità.

Anche la realtà virtuale si diffonderà sempre di più nell’ambito delle risorse umane. Per esempio, durante le selezioni onboarding i candidati potranno essere testati e messi all’opera grazie a vere e proprie simulazioni delle mansioni che andranno a svolgere. Queste tecnologie potranno essere usate, non solo la fase di selezione, ma anche per monitorare le capacità del dipendente e offrirgli dei percorsi di formazione e crescita su misura.

Insomma, il settore HR potrà davvero cogliere le nuove tecnologie come un’occasione di crescita e miglioramento. Ma per comprendere come verranno impiegate le soluzioni innovative non ci resta che attendere e monitorare l’evoluzione del comparto.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...