Home Page Business

Form di Contatto: consigli per crearne uno efficace

Mai sottovalutare l'importanza di un form. Ecco come crearne uno davvero efficace per ottenere conversioni e nuovi contatti.

Alt text

Un form di contatto può essere la risorsa più preziosa per trovare nuovi clienti.

Quando gli utenti sono in cerca di un professionista, spesso si basano sulla ricerca online per creare la loro lista di potenziali consulenti. Ed è qui che entra in gioco il form di contatto. Diversamente dall’essere una semplice pagina di destinazione, se creata correttamente, questa pagina basata su moduli consente di catturare potenziali clienti interessati al proprio business, ottimizzando al contempo il processo di verifica e assegnazione delle priorità a tali utenti.

Realizza il sito dei tuoi sogni
con i nostri esperti

Scopri come

Che cos’è il form di contatto

La pagina di contatto (o form di contatto) è una semplice pagina web che presenta un modulo di acquisizione di lead (e dunque di clienti). Si tratta di “escamotage” abbastanza comuni sui siti Web, per lo più aggiunti senza molta considerazione sul loro scopo o impatto.

Sebbene i form di contatto diano ai potenziali clienti l’opportunità di contattare un professionista o un’agenzia, spesso non sono infatti abbastanza coinvolgenti né intuitivi. Ed ecco che l’utente si scoraggia dal compilarli. Se anche si convince, poi, con ogni probabilità riceverà una risposta vaga alla sua richiesta.

Perché una strategia di questo tipo non funziona? Perché non è corretto e non è vantaggioso dedicare la stessa quantità di tempo ad ogni potenziale contatto che passa attraverso un sito Web. Una risposta ponderata può richiedere ore, o addirittura giorni di comunicazione prima di comprendere appieno la richiesta e capire se l’utente che l’ha posta può effettivamente tradursi in un cliente/un fornitore/un collaboratore.

Invece di optare per lo status quo, bisogna dunque creare un modulo di contatto che sia elegantemente progettato per estrarre le informazioni più rilevanti dal potenziale cliente. Questa raccolta di informazioni consente di prendere una decisione ponderata su come lavorare con lui, evitando di perdere tempo a scrivere proposte o partecipare a riunioni introduttive.

Avere un processo consolidato potrebbe sembrare eccessivo per alcuni, ma può essere eccezionalmente vantaggioso se si è un libero professionista di lunga data o se si lavora in un’agenzia che riceve una notevole quantità di lead attraverso il sito.

Per creare al meglio il form di contatto e incoraggiare gli invii, bisogna dunque puntare a ridurre la quantità di tempo e lo sforzo (effettivo o percepito) necessario per completare il modulo. Allo stesso tempo, il modulo deve anche raccogliere informazioni sufficienti per qualificare i potenziali clienti. L’equilibrio tra queste due esigenze può essere difficile, ma non è impossibile.

Ma cosa bisogna considerare quando si crea un modulo di contatto? Scopriamolo insieme.

Fornisci il contesto per il modulo

È importante fornire un contesto ai visitatori del sito ogni volta che si vuole che agiscano. Se si desidera che un potenziale cliente compili il modulo, bisogna convincerlo. Come? Alcune delle migliori pagine di contatto includono un esempio intelligente di come compilare il modulo, al fine di invogliare i visitatori ad agire.

Questa parte della pagina dei contatti viene spesso trascurata, ma si tratta di una decisione sbagliata. Fornire il contesto attorno al modulo di contatto aiuterà a stabilire le aspettative con il potenziale cliente e consentirà di superare qualsiasi attrito o rischio percepito associato al modulo. Ma cosa si dovrebbe inserire?

  • Un gesto di apprezzamento, per ringraziare dell’interesse e per far sapere che si è entusiasti di aver catturato l’attenzione di chi sta scrivendo;
  • una spiegazione dello scopo del modulo, che descriva perché la compilazione del modulo è importante per il processo di onboarding del cliente. Dalla prospettiva del cliente si deve far capire che questo modulo dettagliato semplificherà il processo di collaborazione, e fornirà informazioni sufficienti per essere veramente utili per la loro attività;
  • un’aspettativa del loro investimento in termini di tempo, che dia un’indicazione di quanto tempo ci vorrà per completare il modulo prima di iniziare.

Poni le domande giuste

Di solito il form contatti è composto da “nome, email, oggetto”. Una scelta molto basica, composta da dati che non forniscono abbastanza dettagli sul potenziale cliente.

È importante invece pensare in modo strategico alle domande del form, come se fosse l’inizio di un progetto o di un brief di progettazione. Ogni impresa e libero professionista necessitano di acquisire abbastanza dettagli da avere una comprensione di base della richiesta, ma non così tanti da spaventare.

Una buona regola empirica è quella di includere da una a tre richieste, da ciascuna delle seguenti sezioni:

  • Informazioni di contatto: è obbligatorio per qualsiasi modulo di contatto con campi come nome, indirizzo email e numero di telefono.
  • Informazioni commerciali: consentono di comprendere meglio con chi si ha a che fare. Esempi di questi campi includono sito Web aziendale, offerta e contatto principale.
  • Informazioni sul progetto: è la parte più importante del modulo di contatto, poiché fornisce i dettagli necessari per qualificare il progetto e per determinare se è la soluzione giusta. Esempi di questi campi potrebbero includere il tipo di progetto, il budget stimato, i tempi previsti per il completamento e persino il problema aziendale che si sta cercando di risolvere.

Sebbene sia importante essere strategici su quali domande porre, è altrettanto importante considerare come presentarle. Questo può influire direttamente sulla probabilità che un visitatore del sito compili il modulo di contatto: includere troppe domande aperte nel modulo può infatti far sì che i potenziali clienti trascorrano più tempo a pensare alle loro risposte che a darle. Se finiscono per sprecare troppi sforzi a pianificare la loro risposta, è più probabile che escano senza darne una.

Per evitare che ciò accada sul proprio modulo di contatto, è necessario semplificare il processo di pensiero sostituendo alcune domande aperte con menù a tendina o con pulsanti di opzione che presentino una serie di variabili. Ciò renderà più facile per un potenziale cliente compilare rapidamente il modulo.

Gestisci e fidelizza
i tuoi clienti con facilità!

Scopri come

La lunghezza del modulo di contatto

Finora ci siamo concentrati sul contenuto del modulo e sull’impatto che ha sull’efficacia complessiva della pagina dei contatti, ma anche il modo in cui si progetta il modulo è importante.

Una delle più grandi decisioni riguarda la lunghezza. Più breve è il modulo, più è facile da completare e più potenziali clienti possono arrivare. Se si è nuovi nel settore, potrebbe avere senso optare per una forma più breve con meno domande. Una dimensione del modulo ridotta eliminerà tanti ostacoli dal processo di invio e aiuterà ad ottenere più prospettive di acquisizione clienti.

Ovviamente bisogna includere la sezione delle informazioni di contatto essenziali, nonché alcune domande qualificanti dalle sezioni business / project in modo da ottenere qualche informazione per valutare il cliente. Se invece si è esperti e conosciuti, si può applicare un modulo di contatto più lungo e dettagliato.

La lunghezza del modo aiuterà a eliminare gli utenti che non sono seriamente intenzionati a lavorare con noi, e ad ottenere al contempo informazioni sufficienti per qualificare i potenziali clienti prima di decidere di continuare la conversazione.

Se si opta per il modulo più lungo, il consiglio è quello di suddividere il processo in passaggi e di includere una barra di avanzamento per mostrare ai potenziali clienti quanto sono lontani mentre completano il modulo. Dividendo le domande, la forma lunga apparirà molto più gestibile, il che ridurrà la quantità di sforzo necessario percepita.

L’importanza di essere chiari

Non si ottengono contatti se non si fornisce agli utenti una direzione chiara. Le pagine di contatto peggiori sono quelle che non danno all’utente alcuna direzione sul perché dovrebbero mettersi in contatto con l’azienda/professionista.

Stabilire chiare ragioni e aspettative per l’utente è fondamentale così come dire che compilare può servire per ottenere un preventivo o affini. Per farlo non bisogna usare troppi campi e – soprattutto – bisogna evidenziare gli errori che si verificano, in modo che gli utenti non debbano indovinare dove la loro presentazione è andata storta. Ciò consente di risparmiare tempo e di ridurre la probabilità che lascino il sito prima della conversione.

La posizione del form contatto e il test A/B

Il modulo di contatto è completamente inutile se le persone non lo vedono. Deve essere posizionato in una posizione di rilievo sul sito e sulla relativa pagina, in modo che sia più probabile che riceva traffico.

Posizionare un modulo nella parte inferiore di una pagina difficile da trovare è un modo sicuro per limitare notevolmente le conversioni. Alcune sconsiderate tendenze di progettazione hanno incluso il posizionamento di mappe giganti nella parte superiore della pagina dei contatti. Si deve pensare allo scopo principale della pagina di contatto. È per ottenere contatti, giusto? Quindi si deve semplificare.

Infine, è consigliabile fare alcuni test per capire se il form di contatto sia funzionante o meno. Potrebbe essere utile ricevere una notifica al completamento di un modulo e che anche all’utente venga notificato l’invio dello stesso. Portare l’utente su una pagina di ringraziamento e inviargli una copia del modulo compilato è un’altra soluzione utilizzata spesso e sempre gradita.

Non lasciare nell’oscurità gli utenti è importante, per questo si deve pianificare un processo di follow-up che avanzi in modo efficace la conversione del sito Web in una vendita. Infine, è consigliabile testare il modulo A / B per vedere cosa funziona e cosa no così da capire come creare il form di contatto perfetto.

Caricamento contenuti...