Home Page Business

Digitalizzazione imprese, arriva il voucher per la banda ultralarga

La Strategia per la Banda Ultralarga entra nel vivo: il ministro dello Sviluppo Economico ha firmato i decreti attuativi. Ecco le caratteristiche e le novità per le imprese

Alt text

La Strategia per la Banda Ultralarga (BUL) in Italia nasce nel 2015 e rappresenta uno dei tanti tasselli concepiti per l’avanzamento digitale e tecnologico del Paese. Questo tipo di tecnologia consente alle reti di essere più veloci ed efficienti.

Non tutte le zone italiane sono coperte da banda ultralarga ma l’obiettivo del Governo e delle Amministrazioni è quello di coprire tutto il territorio nazionale e soprattutto incentivare la sottoscrizione dei relativi contratti con i diversi operatori ad ogni categoria sociale: dalle famiglie, alle scuole fino alle imprese. L’emergenza Covid-19 ha rallentato questo importante processo, ma ne ha evidenziato l’assoluta necessità: durante l’isolamento, le aziende che avevano a disposizione una rete performante hanno potuto continuare ad operare senza particolari problemi, anche da remoto. Il Governo ha quindi stanziato un fondo destinato alla concessione di voucher per la banda ultralarga nei diversi ambiti della società e il Ministro Patuanelli ha firmato i decreti attuativi.

Voucher Banda ultralarga per le imprese: provvedimenti del Governo

Il Ministero dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, dopo lo stop a causa dell’emergenza Covid-19 ha ripreso in mano l’ambizioso progetto nazionale, che prevede la diffusione capillare della banda ultra larga. Per realizzare gli interventi, il Governo ha stanziato 600 milioni di euro.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

I contributi verranno gestiti tramite appositi bandi e saranno concessi a partire dal mese di settembre. Infratel Italia – Infrastrutture e Telecomunicazioni per l’Italia S.p.A, società che occupa per conto del Ministro dello Sviluppo Economico e controllata al 100% da Invitalia ha un importante ruolo in questo processo. Infatti, si occupa della “Strategia Italiana per la Banda Ultralarga” attraverso il Piano Aree Bianche, che nasce con l’obiettivo di realizzare e migliorare le infrastrutture capaci di supportare la connessione veloce con tecnologie FTTH e FWA.

Già nel gennaio 2020, il Ministro Patuanelli, aveva sottolineato l’importanza di accelerare la diffusione della banda ultralarga: “Riteniamo che la digitalizzazione del Paese passi per un’infrastruttura che garantisca i gigabyte. Per arrivare a questo obiettivo è necessario accelerare gli interventi nelle aree bianche, cosa che oggettivamente è in fase troppo arretrata rispetto alle previsioni. Il Piano avrebbe dovuto essere implementato fino all’80% entro il 2020, ma se arriveremo al 40% saremo già autori di un’accelerazione forte perché oggi solo 80 comuni sono stati collaudati su oltre 6 mila”.

Banda ultralarga: voucher per le imprese

Le imprese che richiedono una connettività con banda ultralarga ad almeno 30 Mbps avranno diritto ad un voucher di 500 euro da usare per acquisti legati a tutte le tecnologie necessarie per implementare la rete, incluso il satellitare, mentre per quelle che richiederanno una connettività a 1 Gbps o più è previsto un contributo di 2.000 euro. Si potrà chiedere il bonus anche se si usufruisce già di una connessione internet ma si desidera una connettività più veloce.

Nel firmare i decreti attuativi, il Ministro Patuanelli ha affermato che: “Tutti devono poter aver accesso alle nuove tecnologie e per raggiungere questo fondamentale obiettivo siamo impegnati a favorire e accelerare gli investimenti in digitalizzazione e diffusione della banda ultralarga, indicandole tra le priorità dell’Italia nell’ambito del Recovery Plan“.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...