Home Page Business

Comprare follower su Instagram: perché non devi farlo

Pensi che comprare follower su Instagram aumenti la tua reputazione agli occhi del tuo pubblico? In realtà si tratta di una pratica sconsigliata per diversi motivi, ecco perché

Alt text

Comprare follower su Instagram è una tentazione a cui molte attività vanno incontro: vedere aumentare il numerino di follower fino raggiungere elevate quote “K” o “mln” porta al convincimento che chi atterra sul tuo profilo in maniera organica sia affascinato dai tuoi numeri e spinto a comprare i tuoi prodotti/servizi sulla base della riprova sociale.

Tuttavia, se vuoi avere successo su questa piattaforma social, l’atto di comprare i follower è sbagliato. In questo articolo analizziamo alcuni motivi per cui non devi assolutamente incappare nell’illusione che avere un numero elevato di follower fake possa portare beneficio alla tua attività di social media marketing.

Prosegui nella lettura per scoprire di più.

Realizza le migliori campagne
su Facebook e Instagram

Scopri come

3 motivi per non comprare follower su Instagram

Un dato di fatto è che, ancora oggi, seppur Instagram abbia eliminato il numero di like visibili sotto ad ogni post ed abbia prodotto algoritmi che danno meno importanza al numero di follower, le vanity metrics (le metriche sui social media che, appunto, misurano il numero di follower e like) rivestono ancora un certo fascino nei confronti degli utenti.

Eppure, chi lavora sui social media con consapevolezza sa bene che le vanity metrics non rappresentano lo strumento più efficace per misurare le performance dei contenuti pubblicati e del proprio piano strategico social. Per molti queste metriche sono un indicatore inutile, mentre acquisisce sempre una maggiore importanza la capacità di strutturare una propria community su Instagram.

Certamente, senza follower non si ha un pubblico. Ma a cosa servono migliaia di follower se l’engagement, le interazioni sono nulle? Puoi farti seguire da migliaia di bot, ma nessuno di essi solitamente commenta e, se lo fa, non è di sicuro un commento spontaneo. Questo di sicuro non sfugge a chi tra i tuoi follower è realmente interessato a quello che pubblichi: la tua reputazione potrebbe calare drasticamente e potresti ritrovarti solo con una manciata di follower falsi.

Quindi, fatta questa premessa, ecco qui di seguito perché non dovresti comprare follower su Instagram e cosa dovresti fare per aumentare la tua fanbase in maniera organica, naturale.

È più importante la qualità che la quantità

Creare contenuti di valore, che siano in linea con il tuo target ti permette di creare un’audience, non per forza composta da grandi numeri, ma che interagisce. E questo è molto importante per il tuo business.

Utilizziamo la metafora del supermercato: 10 clienti che entrano nel supermercato senza comprare nulla sono meglio di 2 clienti che acquistano, rimangono soddisfatti della qualità dei prodotti e ritornano? Non lo sono affatto. Questo vale per Instagram, così come per ogni altro social network.

Quello a cui devi puntare è la qualità: per farlo devi capire quali sono i reali interessi del tuo target, devi fissare degli obiettivi e, soprattutto, devi costruire un piano editoriale che sia il più possibile umano, in grado di fare storytelling della tua attività (devi saperti raccontare al di là di ciò che proponi).

L’acquisto di follower non fa di te una presenza autorevole sul Web

Fare brand positioning è un’attività che richiede tempo: la reputazione non è un qualcosa che si acquista in automatico e men che meno spendendo decine di euro per comprare follower su Instagram. Così come non si diventa influencer adottando metodi cosiddetti “black hat”.

A proposito di influencer marketing, se sei un imprenditore di te stesso non puoi pensare che, acquistando un numero elevato di finti follower, avrai più possibilità di collaborare con altre aziende e fare soldi facili.

Ora più che mai le aziende per individuare il giusto influencer non tengono più conto dei grandi numeri: effettuano un’analisi qualitativa basandosi, ad esempio, sulla capacità del cosiddetto “influencer” di coinvolgere attivamente la propria audience. Sono spesso i microinfluencer (quelli che hanno al massimo 10K follower) ad aver possibilità di attivare delle buone collaborazioni con le aziende, in quanto si tratta nella maggioranza dei casi di persone che hanno costruito col tempo un rapporto solido e forte con la propria follow-base.

Instagram se ne accorge e ti banna

La crescita, che puoi notare quando vai a comprare follower per il tuo profilo Instagram su siti terzi (spesso anche poco affidabili per quanto riguarda il trattamento dei dati e della privacy), è momentanea. Oltre a subire uno stop della crescita nel momento in cui smetterai di pagare per dei follower falsi, c’è un’altissima percentuale che Instagram possa accorgersi dei tuoi metodi truffaldini, soprattutto per via del basso tasso di engagement associato.

Acquistare follower per Instagram è vietato esplicitamente dalle policy della piattaforma e, ogni secondo, ci sono algoritmi che lavorano per cercare quei profili che attuano questi comportamenti non etici e sbagliati. Inizialmente potresti incorrere in uno shadow ban, ovvero il tuo profilo potrebbe essere reso invisibile da Instagram per un certo periodo di tempo. Nei casi più gravi, il tuo profilo potrebbe poter essere eliminato del tutto.

Convinto ancora che comprare follower su Instagram sia davvero la scelta migliore?

Realizza le migliori campagne
su Facebook e Instagram

Scopri come

Tags:
Caricamento contenuti...