Home Page Business

Brand Name: ecco come scegliere il nome per il tuo marchio

Consigli pratici per trovare il nome giusto per il tuo marchio / prodotto ed esempi di ispirazione di Brand Name di successo. Ecco cosa c'è da sapere per non sbagliare una scelta così strategica.

Alt text

Fare naming e creare un Brand Name è un’attività strategica basata in buona parte sulla fantasia, abbinata a regole precise. Scegliere il nome giusto per il marchio, così come per un prodotto / servizio, è un momento chiave per il proprio business, per questo è importante capire come muoversi per avere successo.

Brand Name: cos’è

Il ‘naming’ è un’attività che serve a dare il nome ad un marchio, ma anche ad un prodotto / servizio, in modo tale da renderlo riconoscibile e associabile con i punti di forza dell’azienda. Creare un Brand Name è un’operazione complessa che richiede il giusto mix di creatività e strategia di marketing così da definire con una sola parola o frase, un insieme complesso come può essere quello dell’identità aziendale.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Fare naming è una sfida che si pone essenzialmente questi 3 obiettivi:

  • identificare il marchio;
  • richiamare l’attenzione del target;
  • competere con il mercato di riferimento.

Brand Name: consigli per la scelta del nome giusto

La domanda alla quale vogliamo rispondere è la seguente: “È possibile costruire a tavolino il nome perfetto per il proprio marchio / prodotto?”. Seguendo alcune regole di marketing e mettendo in campo la fantasia, si può trovare un Brand Name con le giuste caratteristiche e che soddisfi questi requisiti:

  • Potenzialità del marchio: il nome deve essere allineato con l’immagine del brand così da poter essere declinato nei vari scenari di comunicazione e promozione.
  • Attrattività sul mercato: parla al tuo target con la sua lingua e offri quello che il tuo pubblico si aspetta. Il nome dovrebbe essere specchio dei punti di forza del prodotto e della mission aziendale.
  • Visibilità e unicità: trova un nome che sia facile da cercare online e che non si confonda nella concorrenza.

E adesso, dopo aver capito quali sono gli obiettivi del naming e quali caratteristiche deve avere un Brand Name di successo, vediamo come fare nella pratica:

  • Semantica del nome: ovvero cosa vuole esprimere il nome del prodotto / azienda, quale è il suo significato? In taluni casi sarà sufficiente un nome descrittivo, ovvero che in una / due parole riassuma esattamente cosa è, o cosa fa il prodotto o l’azienda. Un nome associativo invece rimanda per associazione di idee alle funzioni del prodotto / servizio, per esempio “Office” di Microsoft che fornisce strumenti software per le mansioni di ufficio. Il neologismo è un nome di fantasia che non esiste nel dizionario, come per esempio “Kleenex” che suona simile a “clean” (pulire in inglese) ed è poi entrato nel linguaggio comune come sinonimo di fazzoletto di carta. Nomi arbitrari: sono i più pericolosi, ma anche quelli più sfidanti, perché non descrivono in alcun modo il prodotto, ma possono suonare bene ed essere facilmente ricordabili. Il caso più eclatante è il nome “Apple” – l’azienda fondata da Jobs e Wozniak – in merito al quale girano molte leggende.
  • Ricerca di mercato: azione basilare in ogni buona strategia di branding. Cerca di capire quali sono le denominazioni dei prodotti / servizi della concorrenza o come si chiamano i marchi che competono nel tuo settore. Verifica di non violare nessun copyright e che il nome non sia troppo simile ad altri marchi già esistenti.
  • Creatività e sperimentazione: metti in campo la fantasia e sperimenta. Il nome di successo spesso è anche un mix di suoni ben associati: gioca coi sinonimi delle parole comuni; combina due parole per creare un neologismo; aggiungi un prefisso / suffisso per ingenerare curiosità etc.

Brand Name: esempi di successo

Per fare qualche esempio di Brand Name di successo, abbiamo pensato a dei marchi globali nei settori e-commerce, tecnologia, retail: Amazon, Google, IKEA.

  • Amazon: preminenza e ‘portata’.

Jeff Bezos, fondatore del colosso mondiale dell’e-commerce, ha dichiarato che il nome è stato scelto per fattori contingenti e di associazione di idee. La lettera A permetteva di risultare in cima agli elenchi alfabetici, mentre il Rio della Amazzoni rimandava alla principale arteria di trasporto merci nell’immensa area amazzonica. Un’ottima premessa per quello che sarebbe diventato un colosso nel settore della vendita e spedizione di merci a livello planetario.

  • Google: errore matematico.

Larry Page e Sergej Brin volevano per il loro neonato motore di ricerca un nome che sintetizzasse l’aspirazione ‘folle’ di organizzare e rendere fruibili tutte le informazioni disponibili sul Web. Serviva un’iperbole che fu trovata nel termine “googol” coniato nel 1938 dal matematico Kasner per indicare il numero 1 seguito da 100 zero. Al momento della registrazione – non sapendo esattamente come si scriveva quella parola – la traslitterano secondo la pronuncia: nasce così il nome del prodotto “Google”, oggi marchio mondiale.

  • IKEA: acronimo eufonico.

Il capostipite dell’impero dei mobili componibili Ingvar Kamprad ha voluto ricordare nel nome della sua azienda le proprie iniziali IK, seguite da quelle del villaggio svedese dove è nato e cresciuto Elmtaryd and Agunnaryd. Il risultato è un nome corto, facilmente memorizzabile e dal suono ‘giusto’.

Gestisci la tua presenza digitale
su motori di ricerca, siti e social da un unico punto

Scopri come

Caricamento contenuti...