Home Page Business

BEI, 50 milioni per finanziare le PMI

Dalla partnership tra Banca IFIS e BEI nasce la misura a sostegno delle piccole e medie imprese europee danneggiate dal Coronavirus. Ecco i dettagli dell’accordo

Alt text

Cinquanta milioni di euro per sostenere la crescita delle piccole e medie imprese di tutta Italia: nasce così il nuovo accordo tra la Banca IFIS e la Banca Europea per gli Investimenti – BEI. Il fondo servirà a finanziare i progetti di investimento e sviluppo delle aziende del nostro Paese e arriva in un momento cruciale per il tessuto imprenditoriale italiano.

L’emergenza sanitaria infatti ha causato enormi danni al tessuto imprenditoriale e molte realtà hanno ora bisogno immediato di liquidità. L’intesa tra le due banche assume così un’importanza straordinaria in questo momento storico, ma non è la prima. Infatti, le due istituzioni hanno già siglato una collaborazione a giugno 2019, mettendo a disposizione delle imprese un importo simile. Il nuovo progetto prende parte ad un’iniziativa più ampia chiamata Covid-19 che stanzia complessivamente cinque miliardi di euro mirati a sostenere in modo capillare l’economia delle piccole e medie imprese attraverso finanziamenti agevolati.

Accordo BEI e IFIS: in cosa consiste?

La convenzione nasce per aiutare le imprese ad avere liquidità immediata, senza attendere i tempi normalmente adottati dagli istituti bancari. Si tratta infatti di una misura straordinaria paneuropea pensata per sostenere le imprese in seguito alla pandemia. I tempi di concessione del prestito sono quindi ridotti. Inoltre, i finanziamenti hanno un tasso agevolato per aziende di ogni settore, dall’agricoltura all’industria, fino ai servizi, commercio, al dettaglio, ma anche trasporti, energia e ambiente. Inoltre, verrà finanziato anche il capitale circolante per gestire efficacemente le esigenze di liquidità in modo da limitare gli effetti della crisi.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Luciano Colombini, Amministratore Delegato di Banca Ifis, ha espresso la sua soddisfazione nel comunicato pubblicato sul sito ufficiale dell’istituto: «In questo delicato momento storico andiamo a rinnovare con BEI una importante partnership a conferma del nostro sostegno delle piccole e medie imprese. Questo accordo, in linea con la strategia di diversificazione delle fonti di raccolta della Banca rafforzerà ulteriormente il nostro impegno a immettere, in modo agile e veloce, nuova finanza nel sistema economico italiano integrando, anche in questa nuova e complessa fase di ripartenza, le diverse misure messe in campo dalla Banca fin dall’inizio della pandemia a sostegno della liquidità delle imprese».

50 milioni alle PMI: progetti finanziabili

All’interno del comunicato, IFIS descrive i progetti che verranno selezionati e potranno accedere al prestito agevolato. Nello specifico, la misura interesserà le spese in beni materiali e immateriali, come l’acquisto di impianti, attrezzature e macchinari, ma anche le spese in ricerca, sviluppo e innovazione e per la tutela dell’ambiente e delle energie rinnovabili.

Vengono invece esclusi dall’operazione i progetti di puro investimento immobiliare o finanziario. Le aziende interessate devono essere consolidate e avere un massimo di 249 dipendenti. Quest’ultimo requisito mette in luce quanto la natura del progetto si rivolga strettamente alle piccole e medie imprese.

Assume poi un ruolo cruciale, l’istituto bancario europeo e ciò è confermato anche dalle parole di Miguel Morgado, Direttore operazioni BEI per Italia, Balcani e Malta: «La partnership tra BEI e Banca Ifis si rafforza con una nuova linea di credito che garantisce un sostegno aggiuntivo alle PMI messe a dura prova dalla pandemia del coronavirus e dalle sue conseguenze economiche. Il finanziamento della BEI permetterà a Banca Ifis di erogare nuovi prestiti alle aziende, a condizioni competitive, anche nella forma di sostegno alla liquidità e al capitale circolante, sostenendole per superare una sfida senza precedenti».

Queste sono le premesse per una delle tante partnership nate durante l’emergenza sanitaria. A questa si aggiungono infatti numerosi interventi privati ma anche statali, tra qui spicca il recente D.L. Rilancio convertito recentemente in Legge.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...