Home Page Business

Turismo: la chiave della ripresa è la digitalizzazione

Il turismo dopo il Covid-19: come sarà e quali sono le tecnologie su cui puntare per la ripartenza? Ecco i dati del report Minsait.

Alt text

Il settore turistico ha risentito in modo particolare della crisi sanitaria ed economica legata al Covid-19. Dopo la fase di emergenza e la quarantena, le aziende ora stanno tentando ritrovare la normalità e sono impegnate anche a costruire una strategia che risulti efficace a lungo termine.

In questo contesto, il digitale riveste e rivestirà sempre di più un ruolo cruciale perché grazie alle nuove tecnologie, come l’Intelligenza Artificiale o i Big Data, le aziende potranno prevedere i bisogni del cliente e personalizzare l’offerta. La digitalizzazione svolge un compito fondamentale, è un vero e proprio acceleratore della ripresa. Ciò è quanto emerge dall’indagine condotta da Minsait e pubblicata su CorCom.

Turismo: le tecnologie che governeranno la ripresa

Secondo Minisait, il settore turistico, anche nelle migliori delle ipotesi, si riprenderà dalla pandemia entro il secondo trimestre del 2021, non prima. Le aziende che si affideranno al digitale riusciranno trarre diversi vantaggi anche durante la crisi. La tecnologia sarà un acceleratore del recupero, si legge nel report.

Tra gli strumenti più importanti spiccano l’Intelligenza Artificiale e il machine learning, ma sarà importante anche investire in cyber security e piattaforme cloud.

Senza contare che il Governo sta lavorando al Programma Italia Cashless, tramite cui intende incentivare i pagamenti digitali. E il piano si rivolge a tutti i settori, incluso il turismo. Sarà importante anche automatizzare i processi e ridurre i costi aziendali, anche perché le tariffe per i viaggiatori tendono a diminuire.

Infine, uno strumento che si rivelerà sempre più importante è il blockchain, usato per identificare in modo più facile e veloce i viaggiatori in aeroporto.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Personalizzazione e cybersecurity

Secondo l’analisi Mindsat attualmente il settore sta passando da un modello basato sull’accoglienza ad un altro che invece punta alla personalizzazione delle esperienze e in questo caso le nuove tecnologie potranno davvero dare una mano. Infatti, gli strumenti digitali consentono di raccogliere dati sulle preferenze di viaggio per elaborarli e proporre offerte tailor-made.

Naturalmente però quando si maneggiano informazioni sensibili occorre stare molto attenti alla privacy. Dall’indagine emerge che molte aziende si stanno già muovendo in tal senso: da una parte acquisiscono tecnologie per raccogliere e gestire i dati dei clienti, dall’altra inseriscono figure professionali che si occupano di mettere al sicuro tali informazioni, tra queste c’è il Chief Information Security Officier.

Tale consapevolezza riguarda però soprattutto i grandi gruppi del settore, mentre le PMI devono ancora lavorare tanto in tal senso. La rivoluzione però riguarda tutti, non solo i grandi player. Infatti, bisogna considerare che il cliente del settore turistico è perennemente connesso e rilascia una grossa mole di informazioni utili, che possono essere usate dall’azienda per proporre offerte personalizzate in tempi rapidi.

Bisogna quindi riconoscere quali sono i dati utili, conservarli e usarli al momento opportuno: questa è una delle grandi sfide delle imprese turistiche.

Settore turistico e post Covid

Un’altra domanda che si pone il report è “come reagirà il settore turistico al Covid-19?” In parte la risposta è già in atto: le aziende stanno già operando una trasformazione importante, rivolgendosi sempre di più al digitale, sia internamente (smart working) sia esternamente (piattaforme di prenotazione online, app etc.)

Questi strumenti aumenteranno in futuro e ci sarà sempre più un’integrazione tra il canale di vendita tradizionale e quello a distanza. Si punterà sul data mart analitico per migliorare sia le strategie di marketing sia il Crm, il pricing, la promozione sui social network e così via.

Infine, sarà importante investire sull’innovazione dei prodotti e l’esigenza di flessibilità. In questo caso si fa riferimento a soluzioni come erogazione di voucher, sostituzione di voli e viaggi, acquisti anticipati, accessori e assicurazioni sanitarie.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...