Home Page Business

Struttura sito web: perché è così importante per la SEO

Ci sono molti fattori che influenzano la SEO di un sito web. Uno di questi è la struttura del sito, chiamata anche “architettura”.

Alt text

Creare un sito web non è un compito difficile al giorno d’oggi. Ma aumentarne la visibilità è uno degli aspetti più importanti e complicati da portare avanti e la struttura del sito web ha un ruolo fondamentale, troppe volte sottovalutato.

Tra i parametri più importanti per l’indicizzazione di un sito web c’è, infatti, anche la sua struttura, altrimenti chiamata architettura o alberatura. Così come una città ben strutturata consente ai suoi residenti di spostarsi in modo strategico, aiutandoli a trovare la propria strada, anche un sito composto da pagine definite in un’eccellente struttura consentirà agli utenti di navigare facilmente attraverso tutto il suo contenuto.

Se l’architettura di un sito web è ben organizzata, le possibilità di posizionarsi più in alto sui motori di ricerca è maggiore. Ecco quali sono i due grandi vantaggi di avere un’architettura del sito web ben pensata.

La User Experience migliora

Avere un’architettura del sito web ben pensata ha sicuramente degli effetti sulla SEO e comunica in modo efficace con il motore di ricerca ma non dimentichiamoci di un elemento importante della navigazione: l’utente. L’esperienza utente permette a Google, come a qualsiasi altro motore di ricerca, di collezionare dei dati che possono premiare o penalizzare un sito web. Un CTR (Click-through Rate) scadente e bassi tempi di permanenza segnano in maniera negativa, mentre una struttura ben organizzata del sito web permette a un utente di navigare più a lungo e più facilmente all’interno del sito web. In questo modo viene ridotta la frequenza di rimbalzo e aumenta il tempo di permanenza, entrambi parametri utili per l’indicizzazione.

Realizza il sito dei tuoi sogni
con i nostri esperti

Scopri come

Del resto, l’intervallo di attenzione dell’utente è molto breve, come dimostrato da numerose ricerche e da tantissimi report: ecco dunque che la struttura di un sito deve concentrarsi principalmente sulla capacità di fornire una grande esperienza per gli utenti. Basti pensare che anche un aumento di un secondo nel tempo di caricamento di una pagina può comportare una frequenza di rimbalzo più elevata e – di conseguenza – una riduzione delle visite.

I tempi del Crawler si riducono

È proprio Google ad ammettere e sottolineare l’importanza della struttura. Il crawler (software che analizza i contenuti di una rete) che si occupa di effettuare la scansione di un sito web. Un sito ben strutturato, con una buona navigabilità e pagine organizzate, rende più facile ai crawler la scansione dei contenuti del nostro sito. Quando la home page di un sito web è ben collegata a tutte le sottopagine importanti, è molto facile per questi software eseguire la scansione di un sito.

Sitelink in SERP

Una buona struttura del sito web è uno dei fattori che consentono a Google di assegnare i sitelink. Cosa sono i sitelink? Sono degli elementi che vengono visualizzati sotto il primo risultato della SERP e non sono altro che dei collegamenti interni al sito che permettono all’utente di navigare senza passare dall’homepage ma andando direttamente alla pagina del sito che più gli interessa.

I sitelink non si possono attivare in maniera autonoma: è infatti l’algoritmo di Google a “premiare” con i sitelink un sito web . Quando lo fa? Sono tanti i fattori che determinano l’assegnazione dei sitelink, uno fra questi è avere una buona struttura del sito.

Ci sono dunque molti aspetti da tenere a mente quando si ottimizza un sito per i motori di ricerca. La struttura è uno dei metodi di ottimizzazione più importanti, ma anche più trascurati. Eppure, se si può contare su di un’ottima struttura del sito, anche la SEO sarà agevolata.

Caricamento contenuti...