Home Page Business

Smart Money: come funziona l'incentivo per le startup di Invitalia

Hai una startup e vuoi trovare l'investimento giusto per farla crescere? Il bando Smart Money è pensato per te: ecco come partecipare

DATA APERTURA dal 24 giu 2021 fino ad esaurimento fondi

Smart Money è il nuovo incentivo di Invitalia volto ad incentivare l’incontro tra startup e incubatori e altri soggetti abilitati per migliorare l’ecosistema delle aziende innovative in Italia. Dopo l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 è fondamentale investire sulle imprese con forti potenzialità innovative, che possano trainare il Paese fuori dalla crisi, ma soprattutto verso la trasformazione digitale. In quest’ambito, il nuovo bando Smart Money ha un ruolo cruciale per la ripartenza dell’Italia, grazie allo stanziamento di 9,5 milioni di euro. Ecco come partecipare e tutti i dettagli.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Smart Money
  • A chi è rivolto il bando: startup
  • Fondi disponibili: 9,5 milioni di euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Invitalia
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 24 giugno 2021 fino a esaurimento fondi

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando Smart Money è facilitare l’incontro tra startup, incubatori e altri soggetti abilitati per far crescere le aziende innovative in Italia e supportare le potenzialità di queste realtà che si preparano a conquistare il mercato. L’iniziativa, promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico ed è gestito da Invitalia, ha una dotazione di 9,5 milioni di euro.

Soggetti interessati

Possono partecipare le startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese e costituite da meno di 24 mesi. Le aziende devono quindi avere piccole dimensioni e trovarsi nella fase di avvio dell’attività, sperimentazione dell’idea d’impresa (pre-seed) o di test del mercato finale per misurare l’interesse per il prodotto/servizio (seed). Possono partecipare anche le persone fisiche che hanno però intenzione di costituire una startup, con l’impegno di costituire la società dopo l’ammissione all’agevolazione.

Contributo

L’agevolazione viene concessa sotto forma di contributo a fondo perduto che copre fino all’80% dell’investimento per l’acquisto di servizi forniti da incubatori, acceleratori ed enti simili. L’importo massimo del contributo è di 10 mila euro.

Un secondo tipo di agevolazione è rappresentato un contributo a fondo perduto del 100% dell’investimento nel capitale di rischio con un massimo di 30 mila euro. Questo secondo aiuto è destinato a startup che completeranno il piano di attività ammesso con la linea di intervento 1. Per ottenere il contributo collegato all’investimento, l’operazione deve essere eseguita in equity, garantire una durata di 18 mesi, avere un importo maggiore di 10 mila euro e non raggiungere la quota di maggioranza nel capitale sociale.

Spese ammesse dal bando

Le aziende che vogliono partecipare al bando devono presentare un progetto imprenditoriale innovativo e richiedere i seguenti servizi: consulenza organizzativa, operativa e strategica per lo sviluppo e la realizzazione del progetto, gestione della proprietà intellettuale, supporto all’autovalutazione della maturità digitale, sviluppo e scouting di tecnologie, prototipazione e preparazione di progetto di crowdfunding. Sono agevolabili anche altri servizi riguardanti l’incubatore, come l’affitto dello spazio e di tutto il necessario per la connessione.

Gestisci la tua Presenza Online?
su motori di ricerca, siti e social da un unico punto

Scopri come

Termine di scadenza

Lo sportello apre alle ore 12:00 del 24 giugno 2021 e sarà attivo fino a esaurimento dei fondi disponibili.

Procedure e invio domanda

Per partecipare al bando occorre accedere al portale web di Invitalia e presentare la domanda esclusivamente in via telematica. Per accedere alla procedura è necessario registrarsi ai servizi online di Invitalia, avere un indirizzo di posta elettronica certificata. Dopo aver ottenuto le credenziali, occorre compilare online la domanda, caricare il business plan e tutti i documenti richiesti. Infine, è cruciale avere la firma digitale.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande vengono valutate da Invitalia in base all’ordine di arrivo e fino all’esaurimento dei fondi disponibili. Il risultato dell’istruttoria viene comunicato direttamente alla startup o soggetto beneficiario. In caso di violazione, il contributo viene revocato.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Tutte le informazioni, la modulistica e i contatti per avere maggiori informazioni sul bando sono disponibili sul sito web Invitalia.

Vuoi migliorare la presenza online della tua startup? Italiaonline ti propone un ventaglio di servizi pensati appositamente per le tue esigenze!

Gestisci la tua Presenza Online?
su motori di ricerca, siti e social da un unico punto

Scopri come

Caricamento contenuti...