Home Page Business

Quando, come e perché fare il restyling del proprio sito web

Scopri sul nostro blog quando, come e perché fare un restyling del proprio sito web. E, se hai bisogno di una consulenza esperta, chiedi a Italiaonline.

Alt text

Quando vuoi scoprire qualcosa, qual è di solito il primo posto in cui vai a cercarla? Nove volte su dieci, la risposta sono i motori di ricerca: attraverso di essi possiamo accedere a siti web rilevanti che producono servizi, prodotti o informazioni.

In viaggio con un dispositivo mobile o durante una pausa caffè con un tablet, al lavoro o a casa su un PC, la maggior parte delle persone visita quotidianamente diversi siti Web. Basta questo per comprendere quanto sia importante avere un sito sempre aggiornato, in grado di rispondere alle domande degli utenti.

Come capire se un restyling è necessario

Così come per i contenuti, anche il design (o l’occhio se si vuole far uso di un classico detto) vuole la sua parte. Per questo dopo un determinato periodo è necessario effettuare un restyling grafico del sito web. Si tratta di un processo che spesso può spaventare chi è proprietario di un sito. Questo deriva dalla paura di poter perdere i propri contenuti o semplicemente di vedere cancellati tutti gli sforzi fatti finora. C’è invece chi è spaventato per il costo del restyling di un sito web, qualcosa che però non può essere definito senza tenere conto delle tante variabili in gioco.

Realizza il sito dei tuoi sogni
con i nostri esperti

Scopri come

La ricerca è una parte cruciale del processo di restyling del tuo sito web: è il modo migliore per scoprire cosa funziona e cosa no e per approfondire ciò che vogliono i tuoi clienti target. Quando inizi a pensare a una riprogettazione (o aggiornamento), ci sono alcune domande sul tuo sito web esistente e sui clienti a cui devi essere in grado di rispondere:

  • Quali sono le tue pagine più preziose in questo momento?
  • Chi arriva sul tuo sito web e perché?
  • Quale specifica esigenza misurabile del cliente non viene soddisfatta dal sito web attuale?
  • Per cosa il resto del tuo team / azienda utilizza il sito web?
  • Quali pagine ed elementi funzionano bene?
  • Come misurerai il successo della riprogettazione?

Pensa al processo di riprogettazione del sito web come ad una ristrutturazione della casa. Non inizieresti una ristrutturazione facendo oscillare il tuo martello in direzioni casuali e abbattendo i muri senza prima controllare se sono portanti. Allo stesso modo, prima di iniziare un restyling del sito web, dovresti avere una mappa chiara dell’ecosistema del tuo sito e sapere quali pagine devono essere gestite con cura rispetto a quelle che devono invece essere cancellate e ricostruite da zero.

Un modo per farlo è indagare sulla relazione tra traffico e conversioni. A seconda di come i due sono collegati, ciascuna delle pagine del tuo sito web rientrerà in una delle quattro probabili categorie:

  • Pagine ad alta conversione, alto traffico
  • Pagine ad alta conversione, basso traffico
  • Alto traffico, pagine con poca conversione
  • Basso traffico, pagine con poca conversione

Per comprendere al meglio di cosa stiamo parlando e conoscere tutto quello che è necessario prima di chiedere un preventivo per il restyling di un sito web, ecco sette aspetti da considerare:

  • Facilità d’uso
  • L’importanza dei percorsi di collegamento
  • Contenuti sui visitatori
  • Reattività
  • Seo
  • Sito multilingue
  • Comprendere il restyling

Facilità d’uso

Non importa quale sia la tua scelta di design: il tuo sito web dovrebbe essere sempre chiaro e facile da usare. Un visitatore medio trascorre solo 3 secondi sulla pagina web prima di decidere se leggere di più o se andarsene, quindi è diventato sempre più importante ricordare: a chi serve il tuo sito web? I tuoi potenziali clienti? I tuoi clienti esistenti? O i tuoi dipendenti? O forse tutti e tre? Un sito web che ha come base di utenti primaria dei potenziali clienti ha requisiti diversi rispetto a un sito web che deve servire un’altra tipologia di user. Cosa bisogna fare quindi? Identificarli.

Cerca di comprendere chi sono gli utenti che navigano sul tuo sito web e cosa è importante per loro, quindi inizia ad analizzare ciò che stanno cercando e cosa hanno trovato. Usa queste informazioni come base per ciò che dovrebbe essere incluso nella prima pagina, quanti contenuti avrai e quale tipo di navigazione soddisferà al meglio le esigenze del tuo gruppo target.

Quando si parla di restyling di un sito web è importante ricordarsi sempre che le basi per avere successo sono avere un sito user-friendly con una navigazione chiara, contenuti facili da leggere e reattività. Tutto questo indipendentemente da ciò che stai utilizzando: pc, cellulare o tablet.

L’importanza dei percorsi di collegamento

Il collegamento del contenuto delle pagine web migliora l’esperienza dell’utente oltre a fornire una migliore conversione. Dalla prima pagina all’offerta di servizi e ai dettagli di contatto, le sottopagine / sezioni del tuo sito web dovrebbero essere collegate insieme per fornire informazioni utili, mantenere i tuoi visitatori coinvolti e aumentare il loro tasso di fidelizzazione.

Se il tuo sito è orientato verso potenziali clienti, i tuoi percorsi di collegamento potrebbero essere così:

FASE 1

PRIMA PAGINA

FASE 2

OFFERTA DI SERVIZI

FASE 3

ALTRE INFORMAZIONI

FASE 4

MODULO DI CONTATTO

Un percorso di collegamento breve e conciso come questo risponde alle esigenze dei potenziali clienti e favorisce la conversione.

Contenuto incentrato sui visitatori

A seconda di chi è il tuo principale gruppo di visitatori, i tuoi contenuti dovrebbero rispondere alle loro esigenze. Sembra una cosa scontata e invece non sempre è così. Ci sono innumerevoli aziende e siti web che si concentrano ancora sulla retorica “noi, i nostri, i nostri”. Conosci la storia: “noi siamo x”, “i nostri prodotti fanno questo”, “abbiamo una storia di quello”.

Ora, mentre c’è una certa logica nel ripetere i nomi dei marchi, i valori e le informazioni generali della tua azienda, questo è l’angolo che usi per convincere i tuoi clienti della loro decisione, non per attirare la loro attenzione. Sarebbe quindi molto più logico iniziare dando ai tuoi visitatori ragioni concrete per continuare a navigare.

In generale, possiamo dire che la maggior parte dei visitatori del sito web ha due domande in mente:

  • Cosa riceverò?
  • Cosa devo fare per ottenerlo?

Quindi, quando crei contenuti, concentrati sui vantaggi. Rispondi alle domande del tuo potenziale visitatore. E solo quando hai catturato il suo interesse, continua a convincerlo che il tuo marchio è la scelta giusta per soddisfare le sue esigenze, anche sfruttando strumenti digitali come gli infoprodotti.

Reattività

Reattività significa che il tuo sito web si adatta automaticamente a diverse risoluzioni dello schermo del PC, tablet e dispositivi mobili. Al giorno d’oggi, la maggior parte delle piattaforme di siti web è reattiva per impostazione predefinita, ma alcune di quelle meno recenti devono essere codificate manualmente.

In realtà, indipendentemente dalla piattaforma che stai utilizzando, la reattività del tuo sito deve essere presa in considerazione quando si effettua un restyling, per assicurarsi che i visitatori possano visualizzare il contenuto e ottenere la migliore visualizzazione possibile dell’offerta proposta. Questo deve avvenire indipendentemente dal dispositivo o dalla risoluzione dello schermo che si va ad utilizzare, convertendosi in uno spazio mobile friendly.

La strada verso la felicità è la SEO

L’ottimizzazione dei motori di ricerca, o SEO, aumenta le possibilità che i tuoi siti web possano essere trovati nei motori di ricerca e, se fatta bene, può portare un flusso costante di nuovi visitatori al tuo sito senza esborsi. Le basi dell’ottimizzazione dei motori di ricerca richiedono di identificare le parole chiave che i visitatori useranno per trovare il tuo sito Web e quindi di utilizzarle nel titolo della pagina, nell’URL, nel corpo del contenuto, nel testo alternativo dell’immagine, nelle parole chiave e nei meta testi del tuo sito web. Facile. Almeno in teoria. Ciò che rende tutto complicato è che:

  • le parole chiave sono in continua evoluzione in base alle tendenze dei clienti
  • anche i tuoi concorrenti stanno ottimizzando le stesse parole
  • il lavoro in chiave SEO può richiedere fino a diverse settimane per mostrare un risultato concreto

Gli algoritmi dei motori di ricerca sono in continuo sviluppo. Ormai da tempo immemore è necessario tenere in considerazione anche la correlazione di parole e sinonimi, nonché la percentuale di click del sito web nel feed dei risultati del motore di ricerca e il tasso di permanenza dei visitatori del sito Web. Per questo motivo, la SEO non è un percorso facile e veloce per il successo. Tuttavia, se fatto bene, è conveniente e importante per chiunque desideri che il proprio sito web riceva traffico gratuito dai motori di ricerca.

Siti web multilingua

Quando si parla di restyling del sito web è importante capire anche se deve servire i visitatori in diverse versioni linguistiche. Ci sono due punti molto importanti da considerare in cima a tutto il resto:

  • la logica di navigazione, cioè le versioni linguistiche devono essere chiaramente presenti e facili da usare
  • il contenuto del sito web tradotto e localizzato non viene automaticamente ottimizzato per la lingua del gruppo target. I traduttori professionisti scelgono il termine linguistico migliore per descrivere il contenuto. Lo usano attraverso la traduzione senza pensare in termini di SEO.

Per tenere conto della SEO quando si producono versioni in lingue diverse, è necessario eseguire l‘analisi SEO multilingua prima della traduzione e utilizzarla come base per la traduzione, magari rivolgendosi ad esperti del settore che possano garantire una manutenzione costante dello spazio web.

Il rinnovo del sito web non finisce mai

Ultimo, ma non meno importante, è ricordare che la riprogettazione del sito Web è un processo senza fine. Le piattaforme e la tecnologia sono in continuo sviluppo, i browser cambiano, i dispositivi cambiano, le tendenze nel design e anche le esigenze e le parole chiave dei clienti si evolvono. I siti Web di successo restano al passo con gli sviluppi e continuano a soddisfare le esigenze dei visitatori, mentre quelli il cui contenuto rimane statico, lentamente ma inesorabilmente, scoprono che il flusso dei visitatori tende a diminuire.

Arriviamo così alla domanda cruciale: da quanto tempo il tuo sito non viene rinnovato? Solo rispondendo a questo quesito è possibile iniziare a ragionare su un eventuale costo del restyling per un sito web.

Caricamento contenuti...