Come sarà l'E-commerce B2B del futuro

L'e-commerce B2B è destinato a crescere sempre di più. Si parla di un settore ibrido dove virtuale e fisico si integreranno dando vita a interessanti novità

Alt text

Quando pensiamo all’e-commerce solitamente ci vengono in mente imprese B2C, che si rivolgono al cliente finale. In realtà, il commercio elettronico B2B interessa una grande fetta di mercato e, secondo le previsioni, è destinato a espandersi sempre di più. Ci sono diversi studi che lo confermano. Tra questi spicca l’analisi effettuata da Euromonitor International in collaborazione con Alibaba dal titolo “The Future of B2B E-Commerce: Online Platforms”. Lo studio ha interpellato sia buyer che seller provenienti da diversi Paesi del mondo, tra cui l’Italia, che hanno approfondito il ruolo dell’e-commerce Business To Business dando il proprio parere sul futuro del settore. Nel report non mancano analisi di mercato e uno studio sulle tendenze del momento. Nasce così un documento ricco di spunti.

E-commerce B2B: come sarà in futuro

Secondo le previsioni, nei prossimi 5 anni l’e-commerce B2B continuerà a crescere raggiungendo il 16,4% in Italia entro il 2026. Tra i Paesi in cui crescerà maggiormente troviamo Germania col 32,6% e Spagna con il 25,3%. La pandemia ha influenzato in modo importante il settore, infatti negli ultimi due anni abbiamo assistito alla cancellazione delle fiere di settore in presenza, ma anche all’interruzione delle catene di approvvigionamento, agli incontri virtuali e non di persona.

Tutti questi cambiamenti hanno portato le imprese a usare sempre di più gli strumenti digitali per trovare nuovi clienti e collaboratori. Le grandi imprese si sono adattate velocemente, mentre le PMI hanno fatto più fatica, anche perchè non avevano nell’immediato le risorse adatte per cambiare modo di operare. Sicuramente tutte le aziende, a prescindere dalle dimensioni, pensano che l’e-commerce sia oggi una realtà su cui investire e sarà sempre più diffuso nel B2B.

B2B: un futuro ibrido

Secondo il campione di persone intervistate, il futuro sarà ibrido: nonostante il ritorno agli incontri, agli accordi e alle vendite in presenza, molte attività verranno gestite grazie al digitale. Le piattaforme online si sono dimostrate molto utile per gestire le transazioni e la logistica. Le fiere saranno comunque cruciali per intrecciare nuove partnership e dovranno essere svolte in presenza. Su questo punto esistono però delle differenze tra i diversi settori.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Per l’abbigliamento, ma anche il Beauty e il Personal Care, le fiere continueranno ad essere determinanti anche per reperire clienti e vendere prodotti, mentre per i venditori di gioielli, cibo e bevande ma anche macchine avranno una rilevanza minore. Le piattaforme dovranno migliorare sempre di più per diventare un punto di incontro affidabile tra compratori e venditori e anche i grandi colossi online si stanno muovendo per offrire questi servizi alle aziende, sia quelle di grandi dimensioni che le PMI.

Le tendenze del mercato B2B

Il mercato B2B a livello mondiale è stato stimato 6.64 trilioni di dollari nel 2020 e si stima una crescita del 18,7% dal 2021 al 2028. Il profilo dell’acquirente B2B si è evoluto: nel 2020 il pubblico è composto prevalentemente da millennial, una generazione più abituata all’uso di strumenti digitali rispetto alle precedenti ma che, allo stesso tempo, è molto esigente e vuole un’esperienza personalizzata e soddisfacente anche in questo caso. Fino a qualche anno fa, l’utenza di queste piattaforme era composta principalmente dalla generazione dei baby boomer e della Generazione X, che usavano strumenti più “analogici” ovvero usavano schede tecniche, documenti cartacei, vendite in presenza, con tanto di prove dei prodotti e riunioni in presenza.

Il pubblico è cambiato, quindi bisogna rivoluzionare anche il modo di fare marketing B2B. Gradualmente le chiamate a freddo o gli incontri di persona sono stati sostituiti da strategie online. Per esempio, oggi il cliente B2B prima di acquistare effettua 12 ricerche online, mentre il 55% del budget del marketing B2B è destinato a iniziative digitali e customer experience. Una buona strategia di marketing è costituita da un mix di attività che permettono di aumentare la visibilità dell’e-commerce e reperire clienti.

Raggiungere questo obiettivo è possibile affidandosi a strumenti e professionisti competenti adeguati. Il team di Italiaonline supporta aziende di ogni settore e dimensione che desiderano realizzare e gestire un progetto di e-commerce B2B.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Tags:
Caricamento contenuti...