Home Page Business

Cibo sostenibile: gli italiani sempre più attenti

La sostenibilità ambientale per preservare il pianeta passa anche dalla sostenibilità alimentare e sempre più italiani sono attenti al cibo, da dove viene e alla riduzione degli sprechi

Alt text

I consumatori italiani sono sempre più attenti alla sostenibilità alimentare, che viaggia di pari passo alle politiche di sostenibilità ambientale per poter preservare il pianeta. Non basta ridurre i combustibili fossili per realizzare un’economia più green: nel settore alimentare, le reti che producono e trasformano il cibo contribuiscono alle emissioni globali di gas serra per una percentuale tra il 21% e il 37%. Negli ultimi anni i consumatori sono sempre più consapevoli di ciò e stando ai dati dell’indagine IBM Food Sustainability Study, redatta da Morning Consult e IBM, nove italiani su dieci è sempre più attenta al cibo sostenibile, ritenendo importante il percorso che segue prima di arrivare in tavola e sono disposti a spendere di più per favorire le produzioni etiche e responsabili.

Cibo sostenibile: quanto costa agli italiani

L’IBM Food Sustainability Study è stato condotto tra Stati Uniti ed Europa e ha coinvolto un campione di 3500 persone, tra cui 988 italiani, evidenziando come l’attenzione verso la sostenibilità alimentare sia sempre più forte. In particolare, il 93% degli italiani intervistati sostiene di ritenere importante conoscere la catena che porta il cibo dal produttore alla propria tavola, mentre l’87% preferisce che il cibo provenga da coltivazioni e allevamenti etici e responsabili.

Nel 2020 emerge come soprattutto le generazioni più giovani siano disposte a spendere di più per acquistare cibi sostenibili, essendo anche pronti a cambiare gli ingredienti per le tradizionali cene festive, come a Natale o Pasqua. Anche lo spreco alimentare è un fattore importante per il 75% degli intervistati italiani, con il 92% che si è detto più disponibile a spendere in supermercati dove ci siano iniziative atte a ridurlo, come ad esempio donare il cibo piuttosto che gettarlo.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Cibo sostenibile: l’importanza dell’etichettatura

Tra le caratteristiche che gli italiani considerano più importanti quando si parla di cibo sostenibile ci sono la provenienza e i benefici per la salute. In particolare, il 37% degli intervistati ne valuta il valore nutrizionale, mentre il 28% ritiene che sia importante la sicurezza della provenienza e un altro 28% fa attenzione alla capacità di ridurre i problemi di salute pubblica che derivano dall’uso di pratiche non sostenibili.

Per questo motivo, l’etichettatura assume sempre una maggiore importanza nei consumatori per orientarli nell’acquisto. Ad esempio, il 50% si dice più propenso ad acquistare un prodotto che sia biologico e il 43% preferisce acquistare cibi non-OGM. La tecnologia viene in aiuto del settore alimentare con la blockchain, che consente di rintracciare il percorso del cibo, il cui utilizzo è ritenuto utile da nove italiani su 10. Questo perché per il 70% è importante conoscere l’autenticità di un alimento e per il 66% la vera durata di conservazione, così da poter fare non solo acquisti più consapevoli per aiutare l’ambiente, ma anche riuscire a valutarne al meglio la freschezza al momento dell’acquisto e ridurre al massimo gli sprechi alimentari.

Chi ha o desidera sviluppare un e-commerce di prodotti alimentari può sfruttare queste informazioni per migliorare le vendite: i consumatori saranno sempre più disposti ad acquistare cibo online, inoltre aumenta la loro attenzione verso le caratteristiche legate alla sostenibilità. Metterle in risalto nel proprio negozio potrebbe davvero fare la differenza in una strategia di marketing!

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Tags:
Caricamento contenuti...