Home Page Business

Che ruolo ha un incubatore di start up

Cos'è e come funziona un incubatore di start up? Qual è il suo ruolo nello sviluppo di nuove aziende?

Alt text

L’incubatore di start up ha un ruolo molto importante nel processo di sviluppo delle nuove aziende. Un’organizzazione di questo tipo, infatti, accelera lo sviluppo di un territorio, aumenta le possibilità di sopravvivenza delle start up e fa da ponte tra queste imprese innovative e le altre aziende.

Cosa significa incubatore di start up e a cosa serve

Il decreto legge 179 del 2012 definisce “incubatore certificato” una società di capitali che offre servizi per sostenere la nascita e lo sviluppo di start up innovative.

La Commissione Europea ha contribuito a far chiarezza sulla definizione di “incubatore di start up innovative”, in quanto luogo dove gli imprenditori trovano le strutture, i servizi e le competenze necessarie a soddisfare i loro bisogni e a sviluppare le loro idee di business trasformando queste in realtà sostenibili.

In sostanza, quindi, si tratta di una società che supporta le start up durante le loro prime fasi di vita, fornendo risorse e servizi fondamentali allo sviluppo dei nuovi progetti d’impresa. Una start up può far parte di un incubatore per un periodo che, generalmente, non supera i 3 anni.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Tra i servizi e le risorse messe a disposizione delle start up ci sono:

  • condivisione di spazi fisici e di coworking;
  • accesso ad alta velocità alla rete Internet;
  • attività di networking;
  • ricerche e servizi di Marketing;
  • consulenza strategica;
  • servizi legali;
  • servizi di gestione contabile e finanziaria;
  • accesso a prestiti bancari, fondi di garanzia per le PMI, bandi e incentivi;

All’interno della macrocategoria “incubatore di start up” bisogna distinguere tra incubatori pubblici e incubatori privati: mentre i primi, generalmente, si pongono come obiettivo quello di sostenere la strategia di innovazione e competitività di un Paese (o di una particolare area geografica), i secondi sono finalizzati alla partecipazione azionaria al capitale della start up, che viene remunerata con la vendita di quote dell’azienda.

Nella maggior parte dei casi, a livello mondiale, gli incubatori sono organizzazioni no profit, ma alcuni di essi integrano contributi pubblici e privati mentre altri ancora sono totalmente finanziati da enti privati (generalmente si tratta di grandi imprese del settore hi-tech).

Quali vantaggi offre un incubatore di start up

Sono diversi i vantaggi per chi decide di ricorrere all’aiuto di un incubatore di start up. Avere a disposizione uffici e postazioni di lavoro attrezzate e collegate alla Rete ha degli evidenti benefici a livello operativo e permette di ridurre anche alcuni costi di gestione. L’opportunità di essere inseriti all’interno di una rete imprenditoriale già attiva, poi, dà la possibilità di allargare il proprio network di conoscenze e sviluppare nuove idee grazie al confronto con altri startupper.

Caricamento contenuti...