Home Page Business

Alt Text: cos'è e perché inserirlo nelle immagini del tuo sito

Anche le immagini sono importanti per l’ottimizzazione SEO di un sito web e la sua indicizzazione: cos’è e come gestire l’alt text

Alt text

Quando si parla di ottimizzare i contenuti del proprio sito web in ottica SEO, non si parla solo di quelli testuali ma anche di quelli visivi. Le immagini sono importanti quanto un testo ben scritto con le giuste keyword e, se gestite nel modo giusto, garantiscono un aumento di traffico organico dalla Ricerca Immagini di Google. Si tratta di un motore di ricerca parallelo e verticale, dove delle immagini con i parametri settati nella maniera corretta possono fare in modo serio la differenza in termini di performance del sito web aziendale. Tra i tag di cui tenere conto nell’ottimizzazione delle immagini c’è l’alt text, detto anche testo alternativo, cioè una stringa di codice HTML che in genere non è visibile agli utenti della pagina, ma le rende accessibili per quegli utenti non vedenti che usano programmi di lettura dello schermo. Un’attenzione all’accessibilità e all’usabilità per tutti che Google premia con migliori posizioni nella sua pagina dei risultati di ricerca.

Alt text: cos’è e a cosa serve

Il testo alternativo o alt text è una stringa testuale di codice HTML che descrive un’immagine presente in una pagina web. Si tratta di un tag necessario ad assicurare la massima accessibilità, affinché l’immagine possa essere “letta” anche da fonti alternative, come previsto dalle linee guida del World Wide Web Consortium (W3C).

Il tag permette quindi di inserire una descrizione dell’immagine, che potrebbe essere letta da un software per persone non vedenti che legge loro la pagina web, oppure per gli utenti che usano un PC obsoleto dove l’immagine non viene caricata e si vede solo la sua descrizione. In entrambi i casi, l’alt text permette di comprendere cosa rappresenta l’immagine nella pagina web, anche senza vederla. Possiamo quindi concludere che l’alt text serve per trasmettere il significato dell’immagine all’utente e non c’è bisogno di usare una descrizione approfondita delle caratteristiche visive del contenuto.

Alt text: perché è importante per la SEO

L’obiettivo principale dell’uso dell’alt text è quello di rendere le immagini accessibili al maggior numero di utenti possibile. Da un punto di vista esclusivamente SEO, aiuta gli user agent che non possono vedere le immagini a comprendere l’argomento del contenuto: aumentando la comprensione del motore di ricerca, si può ottenere una migliore indicizzazione. Oltre all’accessibilità e a migliorare la pertinenza del contenuto, ottimizzandolo in modo SEO compliant per la Ricerca Immagini di Google, questo tag svolge anche un’altra funzione. Gli alt text possono venire utilizzati come anchor text per i link delle immagini.

Dove appare il tuo sito?
Ottimizzalo in chiave SEO con i nostri esperti!
Scopri come

Proprio per tutti i motivi sopracitati, sono due gli errori SEO più comuni che si possono fare con i contenuti visuali del proprio sito web aziendale. Il primo è non inserire affatto l’alt text, creando problemi di accessibilità e mancata indicizzazione del contenuto stesso. Il secondo è infarcire l’alt text di keyword inutili e ridondanti, ma che soprattutto non sono pertinenti all’immagine e non la descrivono. Un altro errore, è aggiungere l’alt text a tutte le immagini: se si usa un’immagine come pura decorazione al sito, e che non ha valore di contenuto o significati importanti, il tag diventa un fastidio che non aiuta in ottica SEO al miglioramento del sito web agli occhi dei motori di ricerca.

Alt text: come gestirlo

Ora che è chiaro il ruolo svolto dal tag, passiamo a vedere come gestirlo nel modo corretto per implementarlo nel proprio sito web. L’attributo al tag alt nel codice HTML è . I CMS come WordPress permettono di modificare l’alt text senza bisogno di lavorare sul codice HTML, ma inserendo direttamente la descrizione in un apposito campo tra le impostazioni dell’immagine. Per scrivere un alt text valido, prima di tutto bisogna individuare le parole chiave per cui si vuole posizionare il contenuto e scegliere quelle che siano anche pertinenti alla descrizione dell’immagine stessa.

Il testo alternativo deve quindi essere breve e preciso, usando il minor numero possibile di parole per descrivere in modo accurato l’immagine. Fondamentale anche la chiarezza, dato che l’obiettivo è spiegare l’immagine a chi non vi ha accesso e non fare keyword stuffing. Proprio per i motivi precedenti, va evitata la ridondanza: inutile scrivere “foto di” o “immagine di”, dato che il motore di ricerca la rileva già come un contenuto visuale e non c’è bisogno di fare ripetizioni. Scrivere un buon alt text richiede quindi la domanda: come posso spiegare in modo chiaro e in poche parole l’immagine, utilizzando le giuste keyword? Tenendo a mente queste regole, si potrà procedere all’ottimizzazione SEO dell’alt text dei contenuti visuali del proprio sito web.

Dove appare il tuo sito?
Ottimizzalo in chiave SEO con i nostri esperti!
Scopri come

Caricamento contenuti...