Home Page Business

Ux Writing: perché è importante per il tuo e-commerce

Scrivere dei contenuti sul proprio sito senza curare la User Experience può avere effetti disastrosi. Per questo motivo molte aziende stanno considerando l’importanza dell’UX Writing e di rivolgersi a professionisti del microcopywriting. Scopri di più in questo articolo

Alt text

Sono sempre di più le piccole e medie imprese che si rendono conto di quanto sia importante ottimizzare la User Experience del proprio e-commerce non soltanto da un punto di vista di design, ma anche da un punto di vista di quei testi in grado di aiutare le persone a concludere gli acquisti.

Per far sì che i testi entrino in maggiore empatia con gli utenti, è necessario affidarsi ad un professionista di “Ux Writing”, un copywriter che, oltre a conoscere le tecniche del Web Writing, ha una solida formazione relativa allo User Centered Design.

Per capire un po’ di più di cosa stiamo parlando, continua nella lettura di questo articolo.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Ux Writing: cos’è

Lo User Experience Writing, come spiega bene Google in un’offerta di lavoro, è quel compito svolto da colui che “contribuisce alla progettazione del design di un sito attraverso dei testi che aiutano gli utenti a completare un’azione richiesta”, come appunto quella di completare un acquisto. L’UX Writer, quindi, collabora a stretto contatto con il Web designer allo scopo principale di ottimizzare le interfacce di shop online, portali, blog e molto altro, producendo contenuti testuali di qualità.

Si tratta, tuttavia, di un lavoro differente dal tipico Web copywriting. Il professionista specializzato in questo ambito realizza dei microtesti, ovvero dei contenuti di poche parole che aiutano gli utenti a muoversi più agevolmente sul sito. La stesura di questi testi brevi è chiamata microcopywriting. Vediamo, qui di seguito, che cos’è.

Microcopywriting: cos’è

Il microcopywriting consiste nella creazione di quelle piccolissimi testi che, attraverso determinate strategie, invitano l’utente all’azione. Questi contenuti li troviamo, ad esempio, nei bottoni delle call to action, nelle headline e nei sottitoli, nelle meta description, nelle didascalie e nei tag alt oppure nei messaggi di errore, nelle pagine 404, nelle istruzioni e nelle FAQ.

Questi testi devono aiutare a vincere la poca attenzione e pigrizia da parte dell’utente, rendendo più semplice il percorso dell’utente verso la conversione.

Un microcopy efficace deve essere breve, conciso e trasparente nel suo intento. Un testo pensato per la User Experience deve inoltre sorprendere, magari strappando un sorriso. Un esempio? Medium, nella pagina di errore 404 (una pagina che non esiste ed in cui l’utente è approdato) propone storie sul tema del “perdersi”. Zeplin, invece, mentre la pagina Web sta caricando, scrive “Preparando il caffè”. Infine, un buon lavoro di microcopywriting deve essere personalizzato, così da far sentire unico e speciale l’utente.

Scopriamo, in maniera più approfondita, come fare a creare un microcopy di successo.

Ux Writing: le regole per creare microcopy vincenti

Il microcopy svolge, come abbiamo visto, la funzione di assistente che aiuta ad orientare l’utente. Seppur tu possa avere attivato sul tuo sito assistenti virtuali basati su chatbot ed intelligenza artificiale, non puoi fare a meno di perseguire l’obiettivo di essere al servizio dell’utente anche nei brevi testi presenti sul tuo e-commerce.

Il cliente, attraverso la Call To Action, ovvero la “chiamata all’azione”, va guidato in maniera molto chiara attraverso la scoperta del prodotto. Un esempio di Call to Action semplice e diretta è quella presente sul sito Paypal: “Semplificati la vita. Compra online subito”. Questa CTA indica una ragione per eseguire quell’azione (semplificare la vita) ed un’azione istantanea da compiere.

Se hai intenzione di cimentarti nel microcopywriting per il tuo e-commerce, oltre alla realizzazione di una buona Call To Action, un consiglio che possiamo darti è quello di chiamare sempre le cose con il loro nome. Evita prolissità, metafore, giri di parole. Vai dritto al punto: se l’azione che l’utente deve compiere è cliccare, utilizza “clicca”; se l’azione è quella di “prenotare”, utilizza “prenota”. Devi, infatti, pensare che l’utente è costantemente disorientato e disattento. Devi cercare di essere più basic possibile e non complicare la lingua in cui pensi.

Se vuoi che i microcopy abbiano efficacia da un punto di vista SEO, presta attenzione alle parole chiave. Nella realizzazione di Title Tags, Meta Description, Descrizione e Titolo delle immagini (tutti campi fondamentali per un buon UX Writing), devi scegliere quelle keywords che rappresentino e riassumano al meglio i contenuti del tuo e-commerce attraverso specifiche tecniche di SEO Copywriting. Questo può darti un vantaggio enorme rispetto ai tuoi competitor, rendendo i tuoi investimenti significativi.

Ad ogni modo, rivolgersi ad un UX Writer, che conosce a fondo i cardini della User Experience e della User Centered Design, è importante. Questa figura racchiude tutte le competenze ideali per fare del buon microcopywriting.

L’UX writer è content designer, architetto dell’informazione, ma anche copy.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Caricamento contenuti...