Tendenza NFT: cosa sono e come usarli nel marketing digitale

Gli NFT, o Token Non Fungibili, da opere d’arte digitali a strumento per i brand: come utilizzarli per fare marketing

Alt text

L’era della blockchain e delle criptovalute apre a un nuovo strumento digitale: i Token Non fungibili, anche detti NFT. Questi oggetti sono “non fungibili”, cioè non replicabili, rappresentano delle vere e proprie opere d’arte con tanto di certificato di unicità in quella che è la nascente “crypto art”.

L’importanza degli NFT sta rapidamente crescendo e anche il loro valore economico diventa sempre più alto. Da oggetti digitali da collezione a risorse per il marketing dei brand il passo è breve. Anche se gli NFT non possono essere considerati uno strumento da impiegare nelle proprie di strategie di marketing in senso stretto, i brand potranno utilizzarli per aprire nuove frontiere nel campo dell’advertising. Ad esempio, le aziende potranno usarli per promuovere il loro brand con dei loghi NFT unici, personalizzati e da collezionare.

NFT: cosa sono e come funzionano

Gli NFT, acronimo di Token digitali non fungibili, esistono nel mondo della blockchain e sono oggetti totalmente digitali, proprio come le criptovalute. A differenza dei bitcoin, che sono intercambiabili tra loro in quanto moneta virtuale, gli NFT non sono intercambiabili. Una volta che l’asset digitale viene archiviato su una blockchain protetta, solo chi possiede la chiave crittografata potrà accedere all’NFT originale, come se si trattasse di un certificato di unicità dell’opera.

Tra i primi NFT più famosi c’è il CryptoKitties dello studio canadese Dapper Labs: figurine digitali di gatti uniche nel loro genere che ben presto sono diventati oggetti da collezione. Con i token non fungibili si apre la crypto art e negli ultimi mesi opere come The Last 5000 days dell’artista Beeple sono state messe in vendita dalla celebre casa d’aste Christie’s per il prezzo record di 69,3 milioni di dollari.

NFT e crypto art: il mercato dei collezionisti digitali

I collezionisti possono essere considerati come i consumatori più fedeli a un marchio e Il collezionista è il consumatore più fedele del marchio. Gli NFT rappresentano quindi un modo per instaurare una relazione di tipo artista-collezionista e il loro valore come opere d’arte digitali è in aumento. Il sito Crypto Art permette di monitorare il valore di vendita delle opere NFT vendute negli ultimi mesi, evidenziando non solo la crescita del valore delle singole opere, ma anche l’aumento dell’interesse da parte dei collezionisti. Un interesse che può essere cavalcato dai brand per ampliare il proprio business.

Comunica con i tuoi clienti quando e dove vuoi,
crea le tue campagne di Direct Marketing!

Scopri come

Come creare valore per i brand con gli NFT

La crescente importanza che gli NFT stanno acquistando ha attirato l’attenzione dei marketer e del mondo dell’advertising. Sempre più brand come Nike, Louis Vuitton e F1 Tracing hanno mostrato un maggior interesse verso questi oggetti del collezionismo digitale, che consentono di aprire nuove strade inesplorate per la promozione delle aziende.

Gli NFT possono essere utilizzati per finanziare nuove iniziative del brand, creare esperienze di fruizione totalmente digitali e innovative, oltre che rendere un evento un’esperienza unica. Trovare il modo di sfruttare questo trend tecnologico può offrire l’opportunità di amplificare la strategia di marketing di un’azienda.

NFT: unicità ed esclusività per l’influencer marketing

Il punto di forza degli NFT deriva proprio dalla loro natura di unicità ed esclusività, grazie alle certificazioni digitali che spingono i collezionisti ad acquistare le crypto opere d’arte. Proprio su unicità ed esclusività possono puntare i brand per promuovere i loro prodotti. Ad esempio, nel mondo della moda sono ormai diverse le maison che predispongono la vendita di collezioni digitali in edizione limitata da acquistare tramite token.

Tra queste c’è Gucci, che ha lanciato nel mese di marzo 2021 il suo primo paio di sneaker firmate da indossare solo online grazie all’app fashion-tech dello studio bielorusso di design Wanna. Le sneaker Virtual 25 disegnate dal direttore creativo Alessandro Michele non esistono nella realtà, diventando di fatto un accessorio del tutto digitale. Seguendo questa logica, diventa facile immaginare come una intera collezione di moda possa diventare una serie esclusiva di NFT unici da collezionare, attirando l’interesse dei consumatori.

L’uso dei token non fungibili trova applicazione anche nell’influencer marketing, dove gli NFT diventano un’occasione per gli influencer di monetizzare con delle campagne esclusive. I creator potrebbero offrire ai propri follower l’accesso esclusivo a chat e gruppi privati per assistere a lanci di prodotti e contenuti. Gli NFT potrebbero quindi essere utilizzati come call to action e il loro monitoraggio offre spunti per l’andamento delle campagne di marketing, mentre i creator possono monetizzare attraverso il coinvolgimento della propria community.

Comunica con i tuoi clienti quando e dove vuoi,
crea le tue campagne di Direct Marketing!

Scopri come

Caricamento contenuti...