Home Page Business

Provincia autonomia di Bolzano, fondo rotativo per le nuove PMI

Leasing e Mutui agevolati destinati ad avvio e ampiamento di aziende che operano nel territorio di Bolzano. Scopri i dettagli e invia la domanda

DATA APERTURA dal 28 apr 2018 fino ad esaurimento fondi
regione Trentino-Alto Adige/Südtirol

Le PMI sono il motore del tessuto economico italiano: la loro attività impatta anche sui territori in cui operano, che in questo modo diventano innovativi e competitivi. Ecco perché è importante sostenere la nascita e il loro ampliamento. La Provincia Autonoma di Bolzano rinnova il suo accordo con le Banche del territorio per concedere mutui agevolati agli imprenditori e aspiranti tali che ne fanno richiesta.

Le domande devono essere inviate via PEC all’ufficio competente della Provincia che, insieme all’istituto bancario accreditato, valuta la concessione o meno del prestito agevolato.

Scheda riassuntiva Fondo di rotazione Provincia autonoma di Bolzano

  • Nome del bando: Fondo di rotazione – investimenti aziendali – Settori artigianato, industria, commercio e servizi
  • A chi è rivolto il bando: nuove imprese del territorio
  • Ente che eroga il finanziamento: Banche convenzionate + Provincia autonoma di Bolzano
  • Le date da segnarsi sul calendario: non c’è scadenza

Obiettivo

L’obiettivo dell’intervento è quello di sostenere la nascita di nuove PMI. Nello specifico sostiene gli investimenti in beni mobili, immobili e nell’assunzione di personale da parte di specifiche categorie di imprese e liberi professionisti operanti nella Provincia Autonoma di Bolzano.

Il limite massimo annuo degli investimenti ammessi è:

  • Per le piccole imprese (meno di 50 dipendenti): 1.200.000 euro
  • Per le medie e grandi imprese: 2 milioni di euro

Soggetti interessati

Il provvedimento si rivolge ai liberi professionisti che hanno registrato la Partita IVA da cinque anni e non oltre. Inoltre, si rivolge alle aziende appartenenti alle seguenti categorie:

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

  • Artigianato
  • Industria
  • Commercio
  • Servizi
  • Trasporto

Nella Delibera n.375 del 24 aprile 2018 sono elencati i codici ATECO delle aziende ammesse. I richiedenti devono svolgere la propria attività nel territorio di Bolzano.

Contributo

L’agevolazione viene concessa sottoforma di mutuo agevolato o leasing dal fondo di rotazione, la cui misura non può superare il 20% delle spese ammissibili e del 10% delle medie e grandi imprese.

Il prestito si può restituire in un massimo di 15 anni per i beni immobili e di 10 anni per i beni mobili, compreso 1 anno di preammortamento. La durata del finanziamento leasing è uguale a quella del relativo contratto e non può superare 20 anni per i beni immobili e 10 anni per i beni mobili.

La Provincia partecipa al finanziamento con una quota che non può superare le seguenti percentuali:

  • Mutuo o leasing fino a 10 anni: 50%.
  • Mutuo o leasing fino a 15 anni: 45%.
  • Mutuo o leasing fino a 20 anni: 40%.

Inoltre, per i beni immobili è prevista una detrazione del 10% della quota della Provincia.

Spese ammesse dal bando

Le spese ammesse che riguardano i beni immobili sono:

  • Nuova costruzione, ristrutturazione, ammodernamento e ampliamento.
  • Acquisto immobili aziendali.
  • Acquisto aree produttive.
  • Lavori in economia se iscritti a bilancio sotto la voce beni ammortizzabili.

Le spese ammesse per i beni mobili sono:

  • Ristrutturazione.
  • Acquisto nuovi macchinari, impianti, arredamenti e strumenti aziendali.
  • Acquisto mezzi di trasporto e relativi allestimenti, inclusi i mezzi speciali.
  • Altri investimenti per il settore autotrasporto.

Termine di scadenza

Non esiste una data di scadenza, l’unico termine è che le domande devono essere inviate prima dell’avvio dell’investimento.

Procedure e invio domanda

Occorre presentare la domanda di mutuo o leasing agevolato prima di avviare l’investimento. Nel caso di acquisto di un’area per l’avvio o l’ampliamento dell’attività, la domanda deve essere prima della stipula del contratto di compravendita. Le domande devono essere redatte su apposita modulistica e corredate da eventuali preventivi di spesa e altre offerte. Se i lavori richiedono una concessione edilizia, è necessario allegare alla domanda il progetto approvato, la concessione edilizia e la relazione tecnica.

Il modulo della domanda, appositamente completato e corredato con tutta la documentazione necessaria, e marca da bollo di 16€ deve essere inviato alla Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige – Ripartizione 35 Via Raiffeisen, 5 39100 Bolzano (BZ) tramite uno dei seguenti indirizzi PEC

  • artigianato@pec.prov.bz.it.
  • industria@pec.prov.bz.it.
  • commercio@pec.prov.bz.it.

Il finanziamento agevolato dal fondo di rotazione è concesso previa presentazione della lettera di approvazione e della relazione istruttoria di un istituto di credito o di un istituto di leasing convenzionato.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Dopo l’invio della domanda, l’ufficio provinciale competente si assicura che la modulistica sia completa. In caso negativo, viene comunicato al richiedente che può completarlo entro un termine di 30 giorni. Le domande non integrate entro 30 giorni vengono archiviate.

In seguito, le domande complete vengono esaminate in ordine cronologico di arrivo e sottoposte ad istruttoria sia da parte dell’ufficio provinciale che da parte dell’istituto mutuante accreditato.

Se tutta la documentazione risulta approvata, l’istituto di credito e l’ufficio provinciale dispongono la concessione del contributo, comunicandolo direttamente all’impresa richiedente.

Dal canto suo, l’azienda a cui viene concesso il mutuo deve rispettare gli obblighi previsti dal contratto e pubblicati all’interno della Delibera del 24 aprile 2018 n. 375 pena la revoca.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Caricamento contenuti...