Home Page Business

Portfolio grafico online: come realizzarlo correttamente

Per chi si lavora nel settore della grafica, disporre di un portfolio curato è fondamentale per trovare nuovi clienti online. Ecco qualche suggerimento per crearne uno.

Alt text

Se un tempo avere un CV era sufficiente per proporsi ai potenziali datori di lavoro, in un universo professionale evoluto e sfaccettato come quello odierno sono molti altri i modi di presentarsi al pubblico e sperare di attrarre le migliori collaborazioni. Specialmente se lavori nel settore creativo e ti occupi di graphic design ti sarai sicuramente trovato di fronte alla necessità di creare un portfolio online da utilizzare come efficace biglietto da visita. Un portfolio ben strutturato e convincente non è solamente un elenco dei progetti che hai portato a termine e non è nemmeno un semplice curriculum con un elenco sintetico di formazione, cooperazioni e background professionale.

È molto di più: considerabile una vetrina completa sulla tua professionalità e sulla tua personalità, dev’essere curato nei minimi dettagli per servire davvero al suo scopo di catturare l’interesse e generare profittevoli interazioni.

Quali sono però gli step principali da compiere quando vuoi dar vita ad un portfolio grafico online dal forte appeal? Ecco le principali domande da farti per costruirlo e qualche prezioso suggerimento pratico.

Crea il tuo sito in autonomia!

Scopri come

Cosa vuoi mostrare ai potenziali clienti?

La grafica è il tuo pane quotidiano e d’istinto la prima cosa a cui pensi quando ti lanci nella creazione del tuo portfolio come graphic designer è la sua veste visiva. Ma c’è un passaggio precedente che devi affrontare: dovrai infatti sederti a tavolino e dedicarti ad un’analisi di stampo strategico che ti porti ad identificare alcuni punti essenziali per procedere, incluso lo studio della concorrenza.

Innanzitutto, quali sono i lavori che vorresti mostrare al pubblico e perché? Che tu abbia un ampio archivio di lavori già eseguiti o solamente pochi progetti personali da esporre, prova a pensare, prima di ogni altra cosa, come vuoi posizionarti sul mercato. Non tutti i designer si occupano dello stesso tipo di attività e soprattutto ognuno ha un carattere unico ed uno stile inconfondibile. Assicurati di selezionare quindi tra le tue opere creative, quelle che esprimono meglio chi sei, cosa sai fare e cosa vorresti fare in futuro, inserendo a portfolio case studies variegati che mostrino tutto il ventaglio delle tue abilità.

Non dimenticarti comunque che il portfolio non è un opera statica, tutt’altro: ogni qualvolta vorrai modificarlo, aggiornarlo o renderlo più attinente a ciò che fai nel momento presente, potrai ritoccarlo per far sì che somigli sempre al professionista che sei e che diventi nel tempo.

Come vuoi mostrare i contenuti nel tuo portfolio?

Dopo l’imprescindibile fase di analisi e selezione tattica dei tuoi progetti puoi finalmente tuffarti nella realizzazione grafica del tuo portfolio. Anche in questo caso, non perdere di vista il fatto che il portfolio che creerai dovrà rispecchiare il tuo punto di vista sul settore del design ed essere pura espressione del tuo personal brand. Fattori come layout, organizzazione, colori e font dovranno rappresentare il tuo modo di fare grafica. Minimal, eccentrico, innovativo, fuori dagli schemi o essenziale: qualunque sia il tuo tocco personale, inseriscilo anche nella veste visiva del tuo portfolio.

Se lavori o desideri lavorare prevalentemente in un determinato settore commerciale, assicurati di chiarire anche questo concetto attraverso gli elementi grafici del tuo portfolio: insomma, come già evidenziato, prima decidi come preferisci che il tuo brand venga percepito dall’esterno e solo in un secondo momento realizzi il contenitore grafico che sia diretta materializzazione del tuo stile personale.

Puoi decidere di creare un sito web-portfolio completamente da zero oppure di impiegare utili templates reperibili in rete che ti forniscano una base customizzabile e puoi anche ispirarti liberamente al portfolio dei migliori designer in circolazione, tenendo sempre bene a mente che copiare è scorretto oltre che un assoluto nonsense per il tuo lavoro prettamente creativo.

Cos’altro vuoi far sapere di te?

Un portfolio ben organizzato non è niente più niente meno che un eccellente strumento di marketing: deve avere l’effetto di agganciare l’attenzione dei potenziali clienti, mantenerla viva e portarla ad una conversione che sia un contatto o una proposta di cooperazione. Ovviamente, hai la massima libertà espressiva quando crei la tua vetrina sul web, ma come creare un portfolio online che sia chiaro, semplice da fruire e accattivante? Integrando in esso alcune sezioni fondamentali.

Innanzitutto, prima ancora di addentrarti nei dettagli del tuo portfolio, assicurati di costruire una homepage che comunichi con trasparenza chi sei e cosa fai. Usa elementi grafici originali, del copy dal forte engagement o funzionalità interattive che fungano da hook irresistibile per chiunque capiti sulla tua landing page, ma non sottovalutare la potenza della semplicità e di una buona user experience di un sito web: offri chiare indicazioni all’utente su come proseguire la navigazione e dove trovare le informazioni che cerca, per spingerlo a continuare ad esplorare il tuo portfolio online.

La sezione dedicata ai tuoi lavori è senza dubbio il core del tuo portfolio e ad essa vanno riservate attenzioni particolari. Non limitarti quindi a mostrare una semplice grafica, un mock up, un logo o un rendering, bensì racconta ogni tuo progetto con la giusta dovizia di particolari, descrivendo il percorso che ti ha condotto alla sua realizzazione ed aggiungendovi anche (quando disponibili) i feedback dei clienti soddisfatti delle tue prestazioni. Ogni singolo progetto grafico così godrà di una vita a sé e narrerà non solo una grafica ma un piccolo successo professionale.

Puoi infine utilizzare la sezione “About” per parlare più ampiamente della tua biografia e del tuo background lavorativo: inserisci qui ogni tipo di corso formativo, certificato e collaborazione significativa tu abbia nel tuo bagaglio e cogli l’occasione per aprire una breccia anche sulla tua filosofia e sui valori lavorativi e personali che ti motivano. Ogni punto contribuirà a delineare il tuo personal branding.

Cruciale poi inserire tutti i riferimenti che un potenziale cliente può utilizzare per mettersi in contatto con te. Email, telefono, accounts social, Whatsapp, form di contatto, Messenger, Telegram: inserisci ogni possibile via di contatto ed una chiara call to action che inviti ad utilizzarla per raggiungerti.

Rendi visibile il tuo portfolio grafico

Una volta che hai creato il tuo portfolio da designer e ne hai rifinito ogni dettaglio al meglio, per renderlo un vero asso nella manica dovrai pensare anche a come promuoverlo online, per fornirgli la giusta visibilità e convogliarvi buoni volumi di traffico.

Alla base della visibilità di ogni sito web, ed anche del tuo portfolio, c’è ovviamente l’ottimizzazione per i motori di ricerca. Lavorare sulla tua opera lato SEO è un passo irrinunciabile, per assicurarti che esso appaia in ottime posizioni nella pagina dei risultati di ricerca ed arrivi concretamente all’attenzione dei clienti che ti interessa incuriosire. Dovrai curare la parte di SEO più tecnica del tuo sito web, verificando che sia costruito secondo le più avanzate best practices a livello di codice e che goda di buona fluidità e velocità di caricamento.

Dovrai inoltre eseguire una buona keyword research per capire quali sono le migliori parole chiave da utilizzare nei tuoi contenuti, ossia quelle più pertinenti con il tuo lavoro e che godono inoltre di un buon volume di ricerche mensili: usale in maniera oculata nei punti chiave del tuo sito web, come la home page ed i principali metadati del sito web, ossia tag titles, headings, alt text delle immagini e così via. Considera anche di aggiungere qualche parola chiave che possa intercettare le query di ricerca locali, se desideri essere trovato anche sul territorio in cui si trova il tuo ufficio o la sede della tua attività.

Procedendo nel lavoro di ottimizzazione del tuo portfolio digitale, tieni sempre conto dell’elevato volume di ricerche che oggigiorno vengono effettuate da mobile, e non sottovalutare l’importanza di una versione del tuo portfolio mobile-friendly. L’impostazione dell’intero layout del sito dovrà essere rimaneggiata di conseguenza, ma è impossibile in un’epoca dominata dai dispositivi mobile pensare di creare uno spazio virtuale che non sia responsive e al 100% fruibile anche in mobilità.

Oltre a cercare di crescere in termini di posizionamento in maniera organica, puoi anche decidere di sfruttare i benefici dell’advertising online ed avviare performanti campagne su piattaforme come Google Ads, per unire ai vantaggi del posizionamento organico anche il potere della pubblicità a pagamento sui motori di ricerca.

I social media possono inoltre essere un ulteriore mezzo di diffusione del tuo lavoro: puoi infatti decidere di aprire uno o più account social, scegliendo tra quelli che possono essere più in linea con il tuo lavoro di graphic designer. Oltre ai più classici Facebook, Instagram e Pinterest, ad esempio potresti decidere di inserire il tuo profilo anche su piattaforme specificamente dedicate al mondo dei creativi, come Behance o Dribbble: si tratta di spazi online dove puoi pubblicare i tuoi lavori, interagire con altri utenti, ricevere feedbacks e, perché no, instaurare fruttuose relazioni lavorative.
Una volta che avrai capito quindi cosa mostrare alla tua audience, come racchiudere il meglio della tua qualità professionale in un portfolio ben fatto e trovato i canali giusti per promuoverlo e renderlo un valido punto di ingresso per flussi sempre freschi di nuovi potenziali clienti, avrai tra le mani un eccellente supporto che ti permetterà, oggi come in futuro, di muoverti con maggiore sicurezza e con sempre crescenti possibilità nell’oceano di opportunità offerte dal world wide web.

Crea il tuo sito in autonomia!

Scopri come

Caricamento contenuti...