Home Page Business

Legge di Bilancio 2021: novità e bonus per imprese e lavoratori

Dalla cassa integrazione per gli autonomi agli incentivi per le nuove assunzioni: l'approvazione definitiva della manovra si avvicina. Ecco i dettagli

Alt text

Le Legge di Bilancio 2021 contiene numerose novità che riguardano le imprese e il mondo del lavoro. La manovra verrà approvata entro fine anno ed entrerà in vigore all’inizio del 2021. Nel frattempo, sono stati autorizzati dalla Commissione di Bilancio diversi emendamenti, ma per l’approvazione definitiva si dovrà attendere ancora qualche giorno. In ogni caso non ci saranno grandi novità o stravolgimenti, ecco perchè è utile capire quali sono le principali novità per le aziende e i lavoratori.

Il pacchetto è costituito in totale da 320 emendamenti per un totale di risorse che sfiora i cinque miliardi di euro. Le misure toccano tutti gli ambiti della società, dalla famiglia ai lavoratori e le imprese. L’obiettivo è fornire il supporto per la ripartenza dell’economia e per evitare in tutti i modi una crisi economica dopo l’emergenza sanitaria. Tra le novità più interessanti per i lavoratori spiccano la cassa integrazione Iscro, l’assegno di ricollocazione per disoccupati Naspi, il blocco dei licenziamenti, incentivi per l’assunzione e altri bonus.

Legge di Bilancio 2021: novità per i lavoratori autonomi

Una delle più importanti misure per il mondo del lavoro è la cosiddetta Iscro (Indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa) rivolta ai lavoratori con partita IVA iscritte alla gestione separata INPS. Questi lavoratori sono più di 300 mila in Italia. Si tratta di una misura sperimentale per il biennio 2021-2023. Verrà corrisposta per sei mensilità e permetterà di incassare fino a 800 € al mese. Ci saranno dei requisiti precisi per accedere alla Iscro.

Inoltre, è prevista la sospensione dei contributi per gli autonomi con reddito fino a 50mila euro e che abbiano avuto nel 2020 un calo di almeno il 33% di fatturato rispetto al 2019. Parliamo quindi del cosiddetto “anno bianco” con esonero dei minimali contributivi per i professionisti indipendenti più danneggiati dal Covid-19.

Ci saranno anche incentivi fiscali sempre per questa fascia di professionisti.

Blocco licenziamenti e proroga cassa integrazione dipendenti

I lavoratori dipendenti potranno usufruire di una proroga della cassa integrazione ordinaria per ulteriori 12 settimane collocate dal 1° gennaio 2021 al 31 marzo 2021. Mentre la cassa integrazione in deroga potrà essere collocata tra il 1° gennaio 2020 al 30 giugno 2021. Inoltre, ci sarà il blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo 2021. I datori di lavoro avranno poi accesso ad un esonero contributivo da definire meglio.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Legge Bilancio 2021: bonus assunzioni e novità per i dipendenti

La manovra prevede anche il Bonus Assunzioni 2021: i datori di lavoro che assumono dipendenti under 35 non dovranno pagare i contributi per 3 anni per un massimo di 6.000 € o anche 4 anni in alcuni casi.

L’esonero contributivo al 100% spetta a una serie di lavoratori, tra cui donne disoccupate delle Regioni del Sud Italia e nel resto del Paese che non abbiano un impiego da almeno 24 mesi. Inoltre, è stata approvata anche una decontribuzione per le aziende del Settentrione.

La Legge di Bilancio 2021 prevede anche la proroga del rinnovo dei contratti a termine senza causale fino al 31 marzo 2021. Inoltre, la manovra rivede anche il contratto di espansione che viene esteso anche alle aziende con più di 250 dipendenti (prima invece era attivabile solo da imprese con meno personale). Questo strumento consente di accompagnare i dipendenti alla pensione: si può quindi avere se mancano 5 anni al pensionamento. L’obiettivo è incentivare il ricambio generazionale nelle aziende.

La Legge prevede anche 25 milioni che andranno in un fondo che mira a stabilizzare i lavoratori precari degli enti pubblici di ricerca, fondamentali per la digitalizzazione del Paese.

Nella manovra è presente un fon di 500 milioni di euro. Servirà per raggiungere diversi obiettivi. Uno di questi è rivolto ai disoccupati che percepiscono la Naspi da oltre 4 mesi che grazie al fondo avranno un assegno di ricollocazione. L’altra parte del fondo verrà usata per il progetto Garanzia di Occupabilità (GOL) sempre finalizzato all’aumento del livello occupazionale.

Infine, è in arrivo un credito di imposta del 40% per l’acquisto di beni strumentali e per la partecipazione a corsi formativi per il mondo della ristorazione.

Tutte queste iniziative dovranno essere confermate con l’entrata in vigore della Manovra all’inizio del 2021.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...