Home Page Business

Cos'è la Business Intelligence e perché è importante farla

Consigli per fare una Business Intelligence e imparare a sfruttarla a proprio favore per far crescere il proprio business aumentando clienti e guadagni

Alt text

La fase della raccolta e dell’analisi dei dati è molto importante per il successo di un’azienda, grande o piccola che sia, in quanto consente di conquistare un vantaggio competitivo rispetto alle imprese concorrenti.

Troppo spesso, però, questa fase viene trascurata da chi gestisce un’azienda. Sovente, infatti, anche chi è in possesso di numerose informazioni strategiche, non sa come sfruttarle in maniera efficace. È importante, invece, tenere bene a mente che i dati sono e devono essere utilizzati come supporto fondamentale per l’assunzione di decisioni strategiche e operative.

Ma come? Attraverso la Business Intelligence, uno strumento importantissimo a cui è dedicata questa guida completa. Ora capiremo insieme di cosa si tratta nello specifico e come sfruttarla al meglio per il successo della propria azienda.

Gestisci e fidelizza
i tuoi clienti con facilità!

Scopri come

Cos’è la Business Intelligence

La definizione di Business Intelligence è emersa per la prima volta nel 1958. A coniare questa locuzione è stato Hans Peter Luhn, un ricercatore e inventore tedesco che in quel momento lavorava per IBM.

L’espressione “Business Intelligence” fa riferimento ai processi aziendali finalizzati a raccogliere e analizzare dati e informazioni strategiche, ma anche alla tecnologia utilizzata per realizzare questi processi e ai risultati ottenuti con gli stessi.

Per quanto riguarda, più nello specifico, i processi aziendali, nel concetto di Business Intelligence si fanno rientrare sia quelli con oggetto il passato o il presente e che hanno l’obiettivo di osservare i risultati delle proprie performance, approfondire le cause di eventuali problemi o, più in generale, capire alcuni fenomeni, sia quelli finalizzati a stimare o predire il futuro, che creano o simulano scenari diversi.

L’obiettivo preciso di ogni sistema di Business Intelligence deriva dalla visione aziendale e dagli obiettivi della stessa. Generalmente, i dati sono raccolti per il controllo di gestione e per scopi direzionali interni e, cioè, per supportare con l’evidenza dei dati le decisioni dei dirigenti.

A livello di tecnologia, la Business Intelligence può essere intesa come lo strumento che trasforma i dati e le informazioni in conoscenza. Più concretamente, si tratta di un software in grado di acquisire e “manipolare” masse di dati per fornire report, statistiche e grafici che vengono aggiornati in maniera costante.

I dati “manipolati” da questi sistemi non sono mai quelli originari presenti sul database-fonte da cui vengono acquisiti, dalle campagne LinkedinAds ai tassi di conversione legati ad attività di sms marketing.

Dopo la prima fase di raccolta dei dati (che possono essere di vario tipo, cioè ad esempio demografici, sociografici o psicografici), infatti, i sistemi di Business Intelligence procedono alla pulizia, alla validazione e all’integrazione dei dati stessi, che successivamente vengono poi elaborati, aggregati e analizzati.

I dati generati possono essere archiviati in particolari database che ne conservano le qualità informative. Questi database prendono il nome di data warehouse.

Cosa fa la Business Intelligence e perché è importante

Sono molteplici i motivi per cui un’azienda può aver bisogno della Business Intelligence. Attraverso di essa, infatti, è possibile:

  • analizzare il comportamento dei clienti;
  • monitorare le prestazioni aziendali;
  • individuare il modo per aumentare i profitti;
  • identificare le aree in cui si possono aumentare i profitti;
  • confrontare i dati con quelli della concorrenza;
  • identificare i trend del mercato;
  • prevedere il successo di nuove iniziative.

Come abbiamo già accennato, la Business Intelligence può essere definita come ciò che trasforma i dati e le informazioni in conoscenza. Essa, infatti, semplifica il processo di comprensione e analisi dei dati anche a chi non possiede un background di conoscenze tecniche in materia.

Attraverso la Business Intelligence, i processi decisionali e gestionali dell’azienda diventano data-driven, cioè orientati dai dati. Il risultato, se l’intero processo viene eseguito correttamente, è un miglioramento generale delle performance aziendali, sebbene possa essere applicato anche ad ambiti più circoscritti come il miglioramento della user experience del sito web.

I sistemi moderni di Business Intelligence garantiscono altri benefici specifici a chi li utilizza, come l’economicità dei processi (che sono automatizzati e osservabili e gestibili in tempo reale), l’omogeneità delle informazioni (i dati possono essere condivisi in maniera facile e rapida all’interno del team), la velocità delle decisioni (i processi decisionali, oltre che più efficaci, sono più rapidi) e la sicurezza nella gestione dei dati (anche alla luce del recente GDPR).

Gestisci e fidelizza
i tuoi clienti con facilità!

Scopri come

Caricamento contenuti...