Home Page Business

Bravo Innovation Hub: bando Invitalia per la crescita delle startup

L'acceleratore per startup si rivolge alle giovani imprese innovative del Mezzogiorno operanti nel settore cultura e turismo. Ecco chi può partecipare

DATA APERTURA dal 1 ott 2020 al 3 nov 2020
regione Campania

L’Agenzia Invitalia ha creato l’acceleratore per startup Bravo Innovation Hub. Il progetto è stato presentato a Brindisi, sede in cui si svolgeranno tutte le attività, dal sottosegretario al MISE, Mariella Liuzzi e altre importanti istituzioni.

Il bando attualmente attivo è rivolto a tutte le startup del Mezzogiorno del settore turismo e cultura che desiderano affrontare un percorso di crescita e sviluppo grazie all’aiuto di esperti consulenti. Le aziende potranno presentare il proprio progetto ad un gruppo di investitori e avere così ulteriori vantaggi. Il bando disponibile nella piattaforma Invitalia è aperto a tutte le imprese innovative con specifici requisiti.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Bravo Innovation Hub + Turismo + Cultura
  • A chi è rivolto il bando: startup culturali e turistiche del Mezzogiorno
  • Fondi disponibili: circa 41.6300 €
  • Ente che eroga il finanziamento: Invitalia
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 1° ottobre al 3 novembre.

Obiettivo e fondo stanziato

Bravo Innovation Hub + Turismo + Cultura è il bando collegato al progetto connesso al primo acceleratore di startup creato da Invitalia. L’obiettivo è sostenere le imprese della filiera cultural-turistica in modo da velocizzare la loro entrata nel mercato di riferimento e la loro crescita, oltre ad aumentare il loro livello di competitività nazionale e internazionale e permettere di trovare nuovi partner strategici e commerciali. L’iniziativa è promossa dalla Direzione Generale per gli Incentivi alle Imprese del MISE (Ministero dello Sviluppo Economico).

Il fondo complessivo ammonta a circa 41.6300 € in quanto ogni imprese avrà benefici del valore totale di 41.630 € e verranno selezionate 10 imprese beneficiarie.

Soggetti interessati

Possono partecipare al programma le aziende e società costituite a partire dal 1° gennaio 2016 che offrono soluzioni innovative nei diversi ambiti della filiera turistico-culturale: dalla tutela a fruizione del patrimonio culturale, archeologico, storico, a soluzioni legate a realtà aumentata e gamification, turismo sostenibile, soluzioni innovative per migliorare l’accessibilità e l’esperienza dei viaggiatori e interventi di rigenerazione urbana.

Le imprese devono avere sede operativa in una delle seguenti regioni del Mezzogiorno: Basilicata, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia. Questo requisiti deve essere presente al momento dell’invio della domanda e per tutta la durata del programma.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Contributo

L’agevolazione ha un valore di 40.000 € e comprende un contributo di 20.000 €, spazi di lavoro nella sede dell’acceleratore, percorsi di formazione personalizzati, mentoring e coaching, percorso di assessment per idenficare i punti di forza e quelli di debolezza del progetto aziendale, iniziative di networking, business matching e open innovation.

Infine è previsto un evento conclusivo – chiamato Demo Day – dove i beneficiari presenteranno i propri progetti a investitori nazionali e internazionali, tra cui CDP Venture Capital SGR – Fondo Nazionale Innovazione.

Il percorso di accelerazione è costituito da 35 giornate e le imprese devono garantire la loro presenza. Le attività saranno svolte a Brindisi, presso il Palazzo Guerrieri. In caso in cui la presenza fisica non fosse possibile, si svolgeranno da remoto. Il programma durerà 12 mesi e si svolgerà da dicembre 2020 a marzo 2021. I benefici sono concessi ai sensi del Regolamento “de minimis”.

Spese ammesse dal bando

Non esiste un elenco di spese ammesse al bando.

Termine di scadenza

Le domande possono essere inviate dalle ore 12:00 del 1° ottobre alle ore 12:00 del 3 novembre.

Procedure e invio domanda

Per partecipare al bando è necessario inviare la Domanda di Partecipazione e la Dichiarazione Riepilogativa, arricchite da firma digitale. I moduli sono disponibili sul sito di Invitalia e devono essere essere correttamente compilati. Occorre inviarli esclusivamente in via telematica all’indirizzo PEC: finanzaimpresa@pec.invitalia.it.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande di partecipazione saranno gestite e valutate dall’Agenzia Invitalia secondo i criteri elencati nella casella del Regolamento Ufficiale del Bando, dove è apportato anche il relativo punteggio.

Entro il 27 novembre 2020 sarà pubblicata su sito di Invitalia e su quello del PON la graduatoria definitiva: le prime 10 imprese dell’elenco avranno accesso al programma di accelerazione. In seguito, Invitalia invierà una comunicazione via PEC alle imprese beneficiarie che entro 5 giorni dovranno accettare il beneficio e impegnarsi a seguire il programma di accelerazione. Nel caso si rifiuto verranno contattate le imprese che occupano le posizioni successive della graduatoria. Il contributo può essere revocato nel caso in cui l’impresa beneficiaria violi li patto sottoscritto con Invitalia.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Tutte le informazioni sul bando e i moduli sono disponibili sulla pagina Bravo Innovation Hub del sito di Invitalia.

Il responsabile del programma è la dottoressa Federica Garbolino.

Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero 848.886.886 dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00 oppure scrivere nell’area riservata della piattaforma Invitalia.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...