Home Page Business

A cosa serve accorciare le URL del sito web e come si fa

Parliamo di URL (Uniform Resource Locator): quella stringa tradotta come ‘indirizzo’, che identifica ogni risorsa presente sul web. In questo articolo ci soffermiamo sulla pratica di creare URL brevi e cerchiamo di capire come si fa e a cosa serve.

Alt text

Per le piccole e medie imprese è vitale farsi riconoscere come marchio e tracciare ogni tipo di interazione effettuata dagli utenti sul proprio sito web. Accorciare le URL è una delle pratiche consigliate per mettere in atto queste strategie di digital marketing. Scopri come fare per sfruttarne tutti i vantaggi.

Quali sono i vantaggi di accorciare URL?

La generazione di URL è solitamente prodotta automaticamente dal sistema. Accorciare la stringa così generata è in realtà molto semplice, anche grazie alle app di accorciamento URL delle quali parleremo. Capire come trasformarla in buona pratica in ottica di digital marketing, invece, richiede un minimo di approfondimento. Cominciamo con l’individuare le ragioni che possono spingerci ad usare URL corte:

  • ‘Griffare’ i contenuti: se dobbiamo condividere un link tramite sistemi di messaggistica istantanea, come WhatsApp o Telegram, oppure su piattaforme social (Twitter / Facebook) possiamo ricorrere a URL abbreviate. Restando in ambito social, infatti, una URL personalizzata e corta aiuta la memorizzazione del brand e ne conferma l’autorevolezza.
  • Migliorare l’appeal dell’indirizzo: una URL abbreviata è più pulita e più professionale rispetto ad una stringa casuale di lettere e di numeri. Non a caso alcuni grandi marchi, hanno puntato su URL corte e personalizzate, come ad esempio Amazon che diventa to, Facebook che ha URL abbreviate in fb.me e Nike che inizia molti dei propri collegamenti con swoo.sh, facendo riferimento all’iconico logo, lo Swoosh.
  • Tracciare i link: alcune app consentono di abbreviare l’URL e di tracciarne l’attività all’interno di una campagna a seconda della fonte di provenienza, ad esempio clic provenienti da Google, Facebook, Twitter etc.

Consigli tecnici per accorciare le URL

Prima di procedere all’abbreviazione dell’URL è importante sapere come bisogna agire sulle tre parti che la costituiscono:

  • Dominio: è la sezione che ti identifica come marchio unico e dovrà perciò includere il nome del tuo brand.
  • TLD (Top Level Domain): si tratta della porzione che sta dopo il punto, ad esempio .com, .org, .edu, .net etc. Il rilascio di nuovi TLD è costante e questo ti permetterà di trovare quello più in linea con la tua attività.
  • Slug: consiste nell’ultima parte dell’URL e identifica la pagina all’interno del sito web. Dovrai considerarla come un sommario e per tale motivo dovrà contenere la keyword per il contenuto di quella pagina.

Quali siti usare per l’abbreviazione delle URL?

Sperimentare i vari strumenti per accorciare le URL, personalizzarle per ottimizzare la SEO del tuo sito e tracciare i link, è un buon modo per farsi un’idea delle opzioni disponibili. Eccone alcuni dai quali è possibile iniziare:

  • Rebrandly: accorciatore di URL per collegamenti corti e personalizzati da condividere per esempio su Facebook, Twitter, LinkedIn etc. L’account gratuito dà la possibilità di creare fino a 1000 collegamenti brevi.
  • do: si può utilizzare, con o senza registrazione, dalla homepage, copiando e incollando il link da accorciare. Il piano che prevede la registrazione consente funzionalità aggiuntive come rapporti dettagliati su ogni clic e il dominio personalizzabile.
  • com: un tool online molto utile per creare URL brevi e coerenti con il marchio aziendale. Per accorciare una nuova URL è sufficiente incollare il link nel campo indicato e premere “Make TinyURL!”. I link sono generati con caratteri casuali, ma puoi comporre in modo personale il tuo link accorciato utilizzando il campo “Custom Alias”.

Un capitolo a parte merita Bitly, uno degli strumenti più apprezzati per accorciare le URL. La versione free è molto basica e ha funzionalità limitate, mentre quella premium prevede piani a pagamento (dai 35 $ dollari al mese) che permettono la personalizzazione dell’URL e il monitoraggio avanzato del link. Questi sono i passaggi per creare un link breve personalizzato:

Realizza il sito dei tuoi sogni
con i nostri esperti

Scopri come

  1. compra un dominio pertinente al tuo business;
  2. crea un account su ly laddove andrai ad inserire l’URL per accorciarla, tenendo presente che la lunghezza massima può essere di 15 caratteri.
  3. verifica il tuo account e fai log-in;
  4. configura le impostazioni per modificare l’URL dal generico ly alla tua URL personalizzata. Dal pannello delle impostazioni, accedi ai settaggi avanzati e clicca su Branded Short Domains. Riceverai le istruzioni per configurare i tuoi registri DSN puntando a bit.ly. Dopo circa 24-48 ore le nuove impostazioni dovrebbero essere operative. Per approfondire le informazioni tecniche sul settaggio delle URL accorciate ti rimandiamo a bit.ly support.

Caricamento contenuti...