Home Page Business

Regione Toscana: microcredito per startup e nuove imprese

Gli aspiranti imprenditori toscani possono inoltrare la domanda fino all’11 settembre 2020. Ecco come ottenere il finanziamento

DATA APERTURA dal 1 sett 2018 al 11 sett 2020
regione Toscana

La Regione Toscana concede finanziamenti a tasso zero per la creazione di nuove micro, piccole e medie imprese e startup all’interno del proprio territorio. Il bando era stato approvato tramite il Decreto Dirigenziale n. 13454 del 22 agosto 2018. Ora l’ente ha deciso di chiudere i termini per presentare le domande per richiedere il contributo l’11 settembre 2020. Rimangono quindi ancora poche settimane per inoltrare la propria richiesta. È un’occasione per tutti gli aspiranti imprenditori, soprattutto per i giovani che desiderano concretizzare il proprio progetto e vederlo crescere col tempo.

Scheda riassuntiva bando

  • Nome del bando: Microcredito: finanziamenti per start up e nuove imprese
  • A chi è rivolto il bando: imprese e liberi professionisti della Regione Toscana
  • Ente che eroga il finanziamento: Regione Toscana
  • Le date da segnarsi sul calendario: Data fine invio domande: 11 settembre 2020

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando è agevolare la nascita di micro, piccole e medie imprese artigiane, industriali, manufatturiere, turistiche, culturali, commerciali e altre appartenenti al settore terziario. L’avvio delle attività imprenditoriali sarà incentivato tramite il microcredito, che permetterà anche di consolidare lo sviluppo economico e aumentare il livello di occupazione del territorio.

Il bando usa le risorse del Fondo di Microcredito (riferimenti normativi: articolo 37 del Reg. UE n. 1303/2013 con risorse derivanti dal Piano finanziario dell’azione 3.5.1 del Por Fesr 2014-2020). A queste sono state integrate ulteriori riserve nonché incrementi di risorse regionali del POR FESR Toscana 2014-2020 e nazionali, al fine di aumentarne l’efficacia.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Soggetti interessati

Possono presentare la domanda di contributo le micro, piccole e medie imprese e i liberi professionisti. I progetti devono essere eseguiti nella Regione Toscana.

Possono partecipare anche le persone fisiche intenzionate ad aprire entro 6 mesi dall’ammissione della domanda, un’attività imprenditoriale e che costituiscono una micro o piccola impresa (MPI) o un’attività di lavoro autonomo con Partita IVA. Possono essere sovvenzionate le piccole imprese non quotate e senza utili che sono state costituite dopo una fusione. Inoltre, le imprese richiedenti devono rientrare nella classificazione delle attività Ateco Istat 2007 (l’elenco dei codici è pubblicato nel bando).

Contributo

L’agevolazione viene concessa sotto forma di finanziamento a tasso zero, nella misura del 70% delle spese totali ammissibili. L’importo massimo del finanziamento è di 24.500 euro. La durata del finanziamento è di 7 anni ed è previsto un prea-mmortamento di 3 mesi. Il rimborso avviene in rate trimestrali.

Spese ammesse dal bando

Sono ammesse le seguenti spese, che devono essere sostenute a partire dal giorno successivo alla presentazione della domanda:

  • Spese per beni materiali, come attrezzature, impianti e altri beni funzionali all’attività dell’impresa;
  • Spese per beni immateriali, come diritti di brevetti, licenze e altre forme di proprietà intellettuale
  • Spese per capitale circolante (limite del 30% dell’investimento).

Si può acquistare anche materiale usato, a patto che:

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

  • il venditore rilasci una dichiarazione con la provenienza esatta del materiale e nell’ambito egli stesso non abbia avuto accesso a contributi pubblici negli ultimi sette anni;
  • il prezzo del materiale usato non deve essere superiore a quello di mercato nuovo
  • le caratteristiche del prodotto devono essere conformi alle norme e standard legati a quel determinato articolo e attestate da un perito tecnico.

I programmi di investimento ammissibili non possono essere inferiori a 8 mila euro e superiori a 35 mila euro. Occorre rendicontare l’intero valore dell’investimento.

Termine di scadenza

Le domande possono essere inviate fino all’11 settembre 2020, secondo il decreto dirigenziale 12206 del 5 agosto 2020 della Regione Toscana.

Procedure e invio domanda

La domanda di partecipazione deve essere presentata in modalità telematica, tramite la piattaforma Toscana Muove, previa registrazione e ottenimento delle credenziali di accesso. Per compilare la domanda occorre fare il login e accedere all’area “Accesso Utenti Registrati”. È richiesto il pagamento della marca da bollo e la firma digitale.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande vengono gestite in base all’ordine cronologico di arrivo con un’istruttoria di ammissibilità, in cui si verifica che il richiedente abbia i requisiti descritti nel bando. L’ente responsabile dell’istruttoria può richiedere l’integrazione di eventuali documenti: il richiedente è tenuto a presentarli entro 10 giorni, pena l’esclusione dal contributo.

Dopo aver verificato la sussistenza dei requisiti, l’ente delibera la concessione del contributo. L’istruttoria ha una durata di 45 giorni dalla data di presentazione della domanda, salvo eventuali giorni di attesa dei documenti da integrare. Dopo la concessione ed entro 120 giorni dalla data di comunicazione della concessione, l’ente gestore può effettuare dei controlli che hanno l’obiettivo di verificare l’andamento dei lavori secondo quanto disposto dall’accordo col beneficiario, che può comunque richiedere delle modifiche al suo progetto.

Eventuali cambiamenti devono quindi sempre essere effettuati previa autorizzazione degli organi competenti. L’erogazione del finanziamento avviene su istanza del beneficiario attraverso l’apposita procedura online del portale Toscana Muove. Il beneficiario deve presentare la rendicontazione delle spese effettuate. Il contributo può essere revocato in maniera totale o parziale in base agli obblighi violati dal beneficiario.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutti gli allegati si possono consultare o scaricare dal sito web della Regione Toscana.

Per eventuali informazioni legate al bando è possibile scrivere all’indirizzo e-mail: info@toscanamuove.it.

Per assistenza telefonica è possibile chiamare il numero verde 800 327 723 dal lunedì al venerdì ore 08.30-17.30.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...