Home Page Business

Pubblicità e privacy: cosa ne pensano i consumatori

Quali sono le qualità di una campagna pubblicitaria efficace e capace di tutelare, allo stesso tempo, la privacy degli utenti? Lo svela una ricerca Google

Alt text

Realizzare campagne pubblicitarie significa capire quali sono le preferenze del pubblico di riferimento, profilarlo in base ai gusti e ai comportamenti online. Le azioni devono sempre essere studiate per raggiungere gli obiettivi prefissati. Le inserzioni, quindi, hanno a che fare con la privacy degli utenti. Per gestire al meglio una campagna bisogna dunque trovare l’equilibrio tra la profilazione e la tutela dei dati personali.

Per comprendere qual è la posizione degli utenti nei confronti di queste tematiche, Google ha commissionato a Ipsos una ricerca su un campione di 7200 consumatori europei. In particolare, il sondaggio ha cercato di capire come gli utenti percepiscono l’uso dei dati personali nelle campagne di digital marketing. La ricerca ha fatto emergere interessanti risultati che possono essere un utile spunto per gli inserzionisti.

Perchè è importante gestire correttamente la privacy

Se viene fatto in modo etico, il marketing può rivelarsi davvero utile per gli utenti e, allo stesso tempo, portare anche un valore alle aziende. La competenza e l’attenzione alla privacy rappresentano due elementi essenziali per il successo di una campagna. Gli utenti sono disposti a rilasciare i dati personali a un brand, a patto che vengano usati in modo corretto e che siano il punto di partenza per avere qualcosa in cambio.

Per avere risultati dalle campagne, i brand devono sapere quali sono le aspettative degli utenti e superarle invece di limitarsi a rispettare la privacy. I brand che riescono non solo a soddisfare gli utenti, ma addirittura a stupirli positivamente sono più competitivi rispetto alle aziende che considerano la privacy come un impegno burocratico fine a se stesso. Queste ultime perdono la fiducia del cliente e peggiorano gradualmente la web reputation.

Privacy: 3 azioni che i professionisti devono garantire agli utenti

Nella sua indagine, Google ha intercettato tre azioni che i professionisti dovrebbero eseguire per costruire campagne efficaci e rispettose della privacy degli utenti. Gli annunci devono essere:

Crea la tua campagna pubblicitaria online o affidati ai nostri esperti

Scopri come

  • significativi
  • memorabili
  • gestibili

Rendere il marketing significativo

Le aspettative che gli utenti nutrono nel marketing sono alte. In particolare, secondo la ricerca le persone desiderano avere esperienze di valore con i brand. Inoltre, i consumatori rilasciano più facilmente i dati quando hanno qualcosa in cambio.

Quindi, alla campagna di marketing che magari richiede un indirizzo mail deve seguire un omaggio, un premio o meglio una sorta di ringraziamento per aver avuto quel contatto. Inoltre, quando si crea un annuncio pubblicitario è cruciale fare attenzione al target, perchè le persone sono felici se un annuncio rispecchia esattamente i loro gusti e le esigenze e tende a soddisfare un bisogno specifico. Due elementi per rendere una campagna di marketing significativa sono il contesto e il tempismo: se le persone sono quasi convinte a fare un acquisto, l’annuncio giusto potrebbe davvero determinare la vendita. Devono però provare davvero interesse e l’annuncio deve scatenare emozioni positive.

Rendere il marketing memorabile

La seconda qualità di una buona strategia di marketing è che sia memorabile. Ciò significa che le persone devono effettivamente ricordare di aver lasciato il proprio contatto ad un brand o a un’azienda. Quindi, quando una persona rilascia, per esempio, un contatto e-mail occorre inviarle subito un messaggio e coltivare la sua attenzione. La negoziazione per una eventuale vendita deve iniziare subito dopo il rilascio di un contatto. Se, invece, si lascia passare troppo tempo, l’utente in questione potrebbe dimenticarsi di aver comunicato il contatto e quindi vedere qualsiasi comunicazione come una sorta di azione invadente e non desiderata. L’errore di contattare i clienti cosiddetti “freddi” è comune. Infatti, il 68% del campione preso in considerazione da Google si lamenta per questo motivo e pensa che le aziende non usino correttamente i dati personali per il marketing.

La trasparenza è un’altra esigenza degli utenti ed è essenziale per creare un rapporto di fiducia. Le persone sono quindi disposte a lasciare i propri dati se l’azienda comunica chiaramente il motivo per il quale saranno usati. 8 persone su 10 confermano che le imprese dovrebbero fornire preventivamente le motivazioni dettagliate sul motivo di una raccolta dati.

Rendere il marketing gestibile

Circa l’80% del pubblico coinvolto nel report di Google lamenta di non avere il controllo dei dati che rilascia. Questo è un problema da risolvere perchè gli utenti vogliono sapere sempre quali dati hanno rilasciato. In poche parole vogliono avere il controllo dei loro dati. Inoltre, gli utenti dovrebbero sapere come i dati sono usati e avere la possibilità di disattivare o eliminare informazioni personali quando lo ritengono opportuno.

Crea la tua campagna pubblicitaria online o affidati ai nostri esperti

Scopri come

Questi sono i requisiti per creare campagne di marketing che siano efficaci ma che, allo stesso tempo, tutelino gli utenti e la loro privacy. Le aziende interessate a questo tipo di attività possono inserirla fin da subito nella strategia di marketing. Italiaonline mette a disposizione i suoi esperti competenti e professionali per affiancare gli imprenditori nella creazione di campagne pubblicitarie efficaci.

Caricamento contenuti...