Home Page Business

Pmi italiane sempre più digitalizzate: ecco i dati

Il livello di digitalizzazione delle imprese italiane è aumentato durante la pandemia. Lo rivelano nuovi dati che permettono di capire quali sono i vantaggi del digitale

Alt text

Le imprese si affidano sempre più al digitale per migliorare l’organizzazione interna, la comunicazione, ma anche per interfacciarsi con collaboratori e clienti. Insomma, digitalizzazione negli ultimi due anni ha avuto un vero e proprio exploit tra le pmi italiane, lo rileva anche il nuovo Osservatorio delle Piccole Imprese condotto da GoDaddy e Kantar. Sono state analizzate 5.100 imprese con un numero massimo di 49 dipendenti. Lo studio è stato condotto in base ad alcuni parametri: l’attitudine al digitale e l’effettivo uso di strumenti e dispositivi innovativi. La fotografia della maturità digitale mostra che, non solo è aumentato l’uso di strumenti adeguati, ma le aziende hanno proprio modificato la prospettiva, il modo in cui guardano il mondo e affrontano il mercato. Ecco come si stanno comportando le aziende italiane e perchè oggigiorno è cruciale intraprendere un percorso di digitalizzazione.

Digitalizzazione nelle imprese italiane: i dati

Secondo lo studio, per il 54% delle imprese italiane prese in considerazione il livello di digitalizzazione è aumentato in concomitanza con l’esplosione del Covid-19. La pandemia ha consentito a tante aziende di recuperare il tempo perduto, molte infatti erano ancora indietro, ma l’emergenza le ha portate colmare il gap digitale e dotarsi di strumenti innovativi per affrontare il cambiamento e la “nuova normalità”. Molti lavoratori hanno conosciuto il mondo dello smart working, le aziende hanno integrato nuove abitudini dove l’uso di gestionali, reti, videoconferenze, vendite online sono imprescindibili.

L’analisi sottolinea anche per l’83% delle imprese intervistate, la digitalizzazione ha migliorato la competitività e ha aiutato a muoversi sia online che offline ed essere più flessibili. Uno degli elementi più importanti, che ha consentito e consente alle aziende di accogliere il digitale, in qualche modo fidarsi di tali sistemi, è la sicurezza informatica (80%) ma anche la possibilità di essere presenti online con un sito web (76%) e sui social. I canali digitali, principalmente sito e social, hanno consentito a molte aziende di mantenere i rapporti con i propri clienti che, a causa del lockdown, non si potevano gestire in presenza. Le imprese italiane si contraddistinguono per l’uso di alcuni servizi, rispetto al resto d’Europa: la fatturazione elettronica (68%) e i pagamenti digitali (50%).

Realizza un Sito web professionale
con i nostri esperti!
Scopri come

Digitalizzazione: la classificazione delle pmi

Nel report, le aziende sono suddivise in 4 classi in base al livello di digitalizzazione:

  • Digital Innovators: usano normalmente gli strumenti digitali e hanno un approccio innovativo
  • Digital Settled: visione ancora scettica sulla digitalizzazione ma dotate di dispositivi innovativi
  • Digital Starters: riconoscono i vantaggi della digitalizzazione ma non hanno ancora gli strumenti giusti per sfruttarla pienamente (sono pmi molto giovani con poche risorse ma una visione all’avanguardia)
  • Digital Sceptics: non hanno gli strumenti giusti nè un desiderio di digitalizzarsi

Le aziende Digital Starters rappresentano il 22% del mercato; le Digital Innovator sono il 24% mentre le Digital Settled sono in quantità e costituiscono il 30%. Ancora poche e di grandi dimensioni sono le Digital Innovators. Quindi, nonostante il livello di digitalizzazione sia incrementato c’è ancora tanta strada da fare.

Chi vorrebbe migliorare sotto questo punto di vista può fin da subito affidarsi ai numerosi servizi di Italiaonline, impegnata in prima linea per supportare le aziende nei percorsi di digitalizzazione. Tra i servizi più apprezzati dagli imprenditori spicca la possibilità di creare un sito aziendale in modo veloce, facile ma davvero efficace.

Realizza un Sito web professionale
con i nostri esperti!
Scopri come

Caricamento contenuti...