Home Page Business

Contributi alle imprese, 350.000 euro dalla regione Umbria

Le attività commerciali ubicate nell’area Terni-Narni hanno accesso al contributo della regione per la digitalizzazione d’impresa: scopri i dettagli

DATA APERTURA dal 9 nov 2019 al 31 mag 2020
regione Umbria

L’Italia è un Paese articolato, in cui convivono realtà imprenditoriali molto diverse tra loro. Alcune di queste sono ubicate in territori svantaggiati e hanno quindi bisogno di un sostegno aggiuntivo per sopravvivere e crescere in un mercato globale sempre più competitivo. Con questo intento, la Regione Umbria ha stanziato un fondo di 350mila euro per le imprese commerciali ubicate nell’Area di crisi complessa Terni-Narni. La misura rientra tra quelle previste dall’Accordo PRRI (acronimo di Programma per l’attuazione del Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale). Ecco chi può partecipare e quali sono i dettagli del bando.

Scheda riassuntiva bando

  • Nome del bando: Bando a sportello per la concessione di contributi alle imprese commerciali di cui all’Accordo di programma (PRRI) del 30.3.2018
  • A chi è rivolto il bando: imprese commerciali del Comune di Terni
  • Fondi disponibili: 350mila euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Regione Umbria
  • Le date da segnarsi sul calendario: Data inizio invio domande: ore 8:00 del 9 novembre 2019. Data fine invio domande: ore 23:59 del 31 maggio 2020

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando della Regione Umbria è sostenere la crescita delle attività commerciali che operano nell’area di crisi complessa Terni-Narni. La misura contribuisce così al raggiungimento degli obiettivi previsti dall’Accordo del Programma PRRI sottoscritto il 30 marzo 2018. In particolare, l’accordo prevede una serie di incentivi dedicati alla digitalizzazione delle imprese di piccole e medie dimensioni. Per sostenere le iniziative sono stati stanziati 350mila euro.

Soggetti interessati

La misura è rivolta alle piccole e medie imprese in forma singola o associata (consorzio o contratto di rete) che esercitano attività commerciale e hanno sede operativa nel comune di Terni.

Non possono partecipare attività commerciali che non si rivolgono al pubblico, farmacie, vendita carburanti, commercio all’ingrosso, in aree pubbliche e in forma itinerante. Inoltre, le attività ammesse devono rispettare i requisiti aggiuntivi descritti nel bando.

Contributo

La misura per le imprese singole prevede un contributo a fondo perduto che copre il 50% delle spese ammissibili sostenute.

Per le imprese che si presentano in forma aggregata è invece previsto il contributo a fondo perduto per il 70% delle spese ammissibili.

Spese ammesse dal bando

Le spese ammissibili devono avere un importo minimo di 15mila euro per le imprese singole e di 75mila euro per le imprese che si presentano in forma associata.

Le attività della singola impresa devono essere finalizzate alla digitalizzazione dell’offerta commerciale. Le attività ammesse dalle imprese in forma aggregata devono riguardare la comunicazione e il marketing a favore della “rete” e finalizzati all’incremento della competitività globale. Ogni impresa facente parte dell’aggregazione non può investire meno di 1.000 euro.

Le spese ammissibili per le singole imprese sono l’acquisto di:

  • Sistemi di videosorveglianza.
  • Macchinari, attrezzature, impianti, arredi, insegne.
  • Opere murarie necessarie per installare impianti e apparecchi, per l’abbattimento di barriere architettoniche, fino a 10mila euro.
  • Sito web per la vendita online o per la promozione aziendale.
  • Strumenti e soluzioni digitali hardware e software, incluso il POS mobile per i pagamenti elettronici.

Le imprese che si presentano in forma aggregata possono sostenere le stesse spese elencate per le singole imprese. Inoltre, il progetto può prevedere anche delle spese comuni che riguardano degli investimenti per il progetto comune, come un’insegna, un’app, un sito web della forma aggregata e così via.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Tutti i pagamenti devono essere effettuati solo con bonifico o altro strumento di pagamento che documenti il movimento finanziario, pena l’esclusione.

Termine di scadenza

Le domande possono essere inviate dalle ore 08:00 del 9 novembre 2019 alle ore 23:59 del 31 maggio 2020.

Gli interventi e le spese ammissibili possono essere effettuati dal 1 gennaio 2020 al 30 settembre 2020. La rendicontazione delle spese sostenute deve essere inviata al Servizio Turismo, Commercio, Sport e Film Commission entro il 10 ottobre 2020.

Procedure e invio domanda

La domanda, e tutta la documentazione richiesta dal bando, deve essere inviata esclusivamente tramite PEC all’indirizzo direzionesviluppo.regione@postacert.umbria.it , indicando nell’oggetto dell’e-mail “Bando a sportello commercio – area di crisi – impresa …” per le imprese singole; l’oggetto per le imprese aggregate è “Bando a sportello commercio – area di crisi – Aggregazione …”.

La domanda e tutti gli allegati indicati nel bando devono essere allegati all’e-mail in formato PDF. La dimensione complessiva di tutta la documentazione non deve superare i 30 Megabyte. L’elenco di tutti i documenti da inviare è presente nel bando. I moduli sono indicati nel sito della Regione Umbria.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Dopo l’invio, le domande verranno valutate secondo l’ordine cronologico di arrivo dal Servizio Turismo, Commercio, Sport e Film Commission che informerà i beneficiari sull’esito della procedura. Gli ammessi dovranno inviare la rendicontazione delle spese effettuate entro il 10 ottobre 2020 via PEC all’indirizzo direzionesviluppo.regione@postacert.umbria.it del Servizio Turismo, Commercio, Sport e Film Commission. In seguito, verrà erogato il contributo, dopo aver verificato la regolarità contributiva (DURC) dell’impresa beneficiaria.

I richiedenti che non rispettano i requisiti e non si attengono agli obblighi e ai termini di scadenza descritti nel bando subiranno la revoca del contributo.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutti i documenti da inviare (modulo di domanda e allegati, modulo rendicontazione etc.) sono reperibili sul sito della Regione Umbria.

La responsabile del procedimento è Antonella Tiranti:

  • Telefono: 0755045874.
  • Fax: 0755045568-0755045887.
  • Email: atiranti@regione.umbria.it

La responsabile dell’istruttoria è Daniela Grassini:

Per richiesta informazioni occorre contattare i seguenti:

  • Daniela Grassini, email: dgrassini@regione.umbria.it; tel: 0755045882.
  • Gianluca Bigini, email: gbigini@regione.umbria.it; tel: 0755045867.
  • Gianluca Papa, email: gpapa@regione.umbria.it; tel: 0755045864.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Caricamento contenuti...