Home Page Business

Comune di Roma, bando per PMI e start up innovative: come partecipare

Il Comune di Roma ha stanziato oltre 650.000 mila euro per PMI e startup innovative con sede nella periferia romana. Ecco come partecipare

DATA APERTURA dal 18 ago 2020 al 18 ott 2020
regione

Non solo Ministeri, Regioni e Camera di Commercio possono mettere a disposizione delle aziende e delle startup dei fondi per l’innovazione tecnologica, anche i Comuni possono recitare un ruolo da protagonisti. Ed è esattamente quello che ha deciso di fare il Comune di Roma, che ha messo a disposizione delle MPMI e startup localizzate nelle aree periferiche e più svantaggiate oltre 600.000 euro da utilizzare per investimenti produttivi.

Si tratta della seconda edizione del bando “Impresa Made in Roma 2” del Comune di Roma e le aziende avranno tempo fino alla metà di ottobre per presentare i loro progetti. Ecco come partecipare al bando e quali sono i requisiti da rispettare.

Scheda riassuntiva bando

  • Nome del bando: Impresa Made in Roma 2
  • A chi è rivolto il bando: MPMI e startup con sede nelle periferie e zone disagiate del Comune di Roma
  • Fondi disponibili: 682.721 euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Comune di Roma
  • Le date da segnarsi sul calendario: Data invio domande: 18 agosto. Data fine invio domande: 18 ottobre

Obiettivo e fondo stanziato

La riqualificazione urbana del territorio passa anche attraverso gli investimenti imprenditoriali e la nascita di nuove aziende innovative. Questo l’obiettivo principale del bando “Impresa Made in Roma 2” lanciato dal Comune di Roma. Con la misura la Capitale vuole sostenere gli investimenti delle piccole aziende presenti nella zone periferiche e più svantaggiate, in modo da attrarre anche imprese più grandi e provenienti dall’estero.

In totale sono stati stanziati 682.721 mila euro suddivisi in due diverse linee di intervento:

  • € 400.000,00 per le nuove imprese da costituire
    € 282.721,00 per le imprese già costituite.

Entrambe le misure possono essere rifinanziate nel caso in cui i fondi dovessero finire in anticipo.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Soggetti interessati

Essendo la riqualificazione delle periferie il punto principale del bando del Comune di Roma, la misura è dedicata solamente alle imprese e alle nuove startup fondate in alcune zone specifiche della Capitale. In totale le zone individuate sono 64 e l’elenco completo è disponibile all’interno del bando. Ci sono tutte le zone periferiche della città, da San Basilio, a Settebagni, passando per Ostia, il Trullo e Corviale.

In caso di dubbio circa l’esatta individuazione della sede della propria azienda, è possibile contattare gli uffici del Servizio Progetti di Sostegno alle Imprese ai seguenti recapiti telefonici 06 671072678 – 06 671029.

Inoltre, è necessario rispettare altri requisiti. Il bando si rivolge alla MPMI già esistenti che producono beni, oppure alle nuove “micro imprese” che vogliono offrire servizi o realizzare nuovi prodotti. Sono ammesse anche le startup che investono in innovazione, sviluppo tecnologico, prevenzione del rischio ambientale e che investono nella crescita occupazionale.

Le aziende già costituite devono essere in regola con tutti i pagamenti comunali, non essere in liquidazione e rispettare i contratti collettivi nazionali. Le startup da costituire, invece, avranno dodici mesi di tempo per farlo, che decorrono dalla presentazione della domanda.

Contributo

Il bando prevede una copertura dei costi pari al 50% delle spese ammissibili. Il 25% viene coperto da un finanziamento a tasso agevolato, corrispondente al tasso di interesse legale vigente al momento della stipula del contratto, fino a un massimo di 20.000 euro. Il restante 25% è a fondo perduto e può avere un valore massimo di 20.000 euro. Questa tranche viene erogata solo a saldo del progetto.

In totale il contributo ottenibile è pari a 40.000 euro.

Spese ammesse dal bando

La lista delle spese ammissibili è piuttosto lunga e ampia.

  • Studi di fattibilità, progettazione esecutiva, redazione di un business plan (limite massimo 5% del totale delle spese);
  • Acquisto brevetti, realizzazione di siti internet, ricerca e sviluppo;
  • Spese di ristrutturazione dei locali nella misura massima del 35%;
  • Acquisto di impianti, macchinari e attrezzature;
  • Acquisto di software per la gestione aziendale;
  • Investimenti per rispettare le norme di sicurezza sul lavoro.

Termine di scadenza

Il bando è stato pubblicato il 18 agosto e si ha tempo fino al sessantesimo giorno dalla presentazione per poter inviare le richieste, quindi il limite massimo è il 18 ottobre.

Realizza il sito dei tuoi sogni
con i nostri esperti

Scopri come

Procedure e invio domanda

La domande comprensiva di tutta le modulistica necessaria deve essere inviata esclusivamente mediante PEC aziendale all’indirizzo protocollo.turismoformazionelavoro@pec.comune.roma.it. Nel caso in cui l’azienda non sia ancora costituita, si può utilizzare l’indirizzo di uno dei soggetti che farà parte della società. L’oggetto della PEC deve essere “Partecipazione al bando Impresa Made in Roma 2”.

Ogni domanda viene valutata da un’apposita Commissione che segue dei criteri presenti all’interno del bando. Sono accettati tutti i progetti che ricevono almeno 65/100 per le nuove imprese e 70/100 per le aziende già costituite.

Controlli ed eventuale revoca contributi

In ogni momento l’Amministrazione comunale può essere dei controlli per verificare il corretto utilizzo dei fondi. Inoltre, la misura può essere revocata nel caso in cui il beneficiario abbia sottoscritto dichiarazioni non vere o non realizzi il piano di investimento per almeno il 50% di quanto approvato. La domanda di erogazione a saldo e relativa documentazione deve essere presentata entro 30 giorni dalla data di completamento del progetto (che coincide con la data di ultima fattura agevolabile).

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il referente del bando è il Direttore della Direzione Formazione Professionale e Lavoro di Roma Capitale.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...