Home Page Business

CCIAA Brescia: contributi per smart working e impresa digitale

L'ente camerale ha stanziato 2 milioni di euro per sostenere gli investimenti delle aziende in digitalizzazione, smart working e sicurezza. Ecco i dettagli

DATA APERTURA dal 11 mag 2020 al 31 dic 2020
regione Lombardia

La Camera di Commercio di Brescia è impegnata nel sostegno alle imprese del territorio con diverse iniziative. Tra queste spicca il presente bando, il cui obiettivo è contribuire ad una serie di investimenti finalizzati all’adozione di nuove tecnologie, competenze, soluzioni per la sicurezza aziendale e per lo smart working. Sia il lavoro agile che la digitalizzazione rappresentano oggi, non più una scelta, ma una vera e propria necessità, che consente alle aziende di continuare a operare.

Molte micro, piccole e medie aziende non hanno però le risorse economiche necessarie per soddisfare tali esigenze, perciò iniziative come quelle dell’ente camerale bresciano sono fondamentali per la crescita e la competitività dell’intero tessuto imprenditoriale del territorio.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Bando di contributi alle micro pmi bresciane per l’introduzione dello smart working e per l’impresa digitale (agef 2004)
  • A chi è rivolto il bando: MPMI di Brescia e Provincia
  • Fondi disponibili: 2.000.000 €
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Brescia
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dall’11 maggio 202 al 31 dicembre 2020

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando è facilitare l’adozione di competenze e strumenti innovativi per le aziende della circoscrizione della Camera di Commercio di Brescia. Tali competenze e strumentazioni possono essere utilizzate in tanti modi nel contesto aziendale: per incrementare il livello di competitività dell’impresa, accogliere lo smart working e operare un cambiamento a livello dell’organizzazione e dei processi produttivi.

Il fondo stanziato ammonta a 2.000.000 €.

Soggetti interessati

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese che al momento della concessione abbiano sede legale o unità operativa a Brescia e Provincia, attive e iscritte al Registro delle Imprese e in regola col pagamento del diritto annuale camerale e altri obblighi contributivi. Devono essere in possesso della qualifica artigiana, quando previsto e in regola con i contributi previdenziali (Durc). Inoltre, non devono essere soggette a fallimento, liquidazione o altra procedura concorsuale.

Contributo

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili sostenute dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020. I contributi cambiano a seconda delle Misure: per la misura 1 è disposto un contributo di massimo 5.000 €; per la misura 2 è corrisposto un importo massimo di 10.000 €; per la misura 3 e 5 il contributo massimo è di 5.000€; per la misura 4 l’importo massimo erogabile è di 2.500€.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

L’investimento minimo è di 10.000 €. Le aziende con rating di legalità avranno accesso ad una premialità.

Spese ammesse dal bando

I contributi sono concessi per sostenere l’introduzione di soluzioni tecnologie in azienda e per tutti i relativi investimenti legati a misure di diverso tipo. Nella Misura 1 rientrano tutti i servizi di consulenza e formazione finalizzati ad un piano di smart working (dall’analisi di spazi e strumentazione, fino alla formazione del personale e il monitoraggio del progetto) e acquisto di strumenti tecnologici per lavorare in mobilità.

La Misura 2 riguarda tutti gli investimenti in innovazione nell’ambito del progetto PID – Punto Impresa Digitale. Le spese ammissibili in questo caso sono quelle relative alle consulenze, alla formazione e all’acquisto di attrezzature tecnologiche.

La Misura 3 riguarda la progettazione, il restyling e la realizzazione di siti web aziendali, e-commerce, azioni di web marketing, anche attraverso i social media e altri canali. La Misura 4 riguarda l’acquisto di tecnologie per la sicurezza aziendale: impianti antintrusione, vetri antisfondamento, anti-taccheggio e così via. La Misura 5 riguarda tutti gli investimenti per la riduzione dei consumi energetici e dell’impatto ambientale dell’azienda.

Termine di scadenza

Le domande di partecipazione devono essere presentate dalle ore 9:00 dell’11 maggio alle ore 16:00 del 31 dicembre 2020.

Procedure e invio domanda

Le domande e tutta la documentazione necessaria devono essere presentate esclusivamente in via telematica tramite l’uso della piattaforma Telemaco. Le aziende devono indicare un indirizzo PEC da usare per tutte le comunicazioni ufficiali relative al bando.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande pervenute saranno valutate tramite procedura a sportello, cioè in base all’arrivo in ordine cronologico. L’istruttoria e tutto il processo fino alla liquidazione del contributo durerà un massimo di 18 mesi a partire dalla chiusura dei termini di presentazione della domanda. L’istruttoria delle domande viene effettuata dall’Ufficio Promozione Imprese e Territorio della Camera di Commercio di Brescia.

Il contributo viene revocato in caso di dichiarazioni mendaci e inesatte da parte del beneficiario, venire meno di uno o più requisiti e altra violazione degli obblighi stabiliti dal bando.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutta la documentazione si possono reperire sul sito web della Camera di Commercio di Brescia.

Per ulteriori informazioni è possibile inviare un’e-mail all’indirizzo PEC dell’ente camerale: camera.brescia@bs.legalmail.camcom.it.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...