Boom dell'industria vegana: la carne artificiale pronta a conquistare il mercato

La carne artificiale è pronta a conquistare il mercato alimentare, complice la forte richiesta di prodotti vegani. Ecco come sfruttare il business

Alt text

Il mercato della carne artificiale è in forte espansione e ciò si deduce anche semplicemente osservando le offerte dei supermercati, nonché i menù dei ristoranti. Naturalmente, anche i dati parlano chiaro. Le diete che escludono gli alimenti di origine animale sono sempre più seguite dai consumatori e il settore della ristorazione si sta adeguando anche in Italia. Si pensi, per esempio, al Veganuary, il mese dedicato all’alimentazione vegana che cade annualmente a gennaio. Quest’anno molti ristoranti hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa e inserito nel loro menù tante scelte vegane. Inoltre, molte multinazionali aumentano gli investimenti per produrre carne artificiale che oggi rappresenta un interessante business per chi lavora nella vendita di alimentari e nella ristorazione. Anche se non è ancora diffusa a livello mondiale, tante grandi aziende che stanno investendo su questo prodotto, a dimostrazione del fatto che oggi – e ancor di più in futuro – le persone consumeranno prodotti vegani.

Come nasce la carne artificiale

Il primo hamburger sintetico venne creato in laboratorio nel 2013 dal ricercatore Mark Post. Questo esperimento era costato 250mila euro ma aveva decretato l’inizio di una importante rivoluzione. Negli anni il prezzo della carne sintetica è gradualmente diminuito e secondo uno studio di McKinsey arriverà ad eguagliare quello di una vera bistecca nel 2030. L’azienda Future Meat Technologies aprirà il primo impianto di produzione su larga scala negli Stati Uniti e ha annunciato di essere, così, riuscita ad abbassare il costo di produzione. La riduzione dei costi rappresenta una leva importante per la diffusione di questo tipo di alimento. A ciò si aggiunge la crescita della popolazione mondiale e anche la possibilità di tutelare l’ambiente perchè la produzione ha un impatto minore.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Il giro d’affari della carne artificiale

Il giro d’affari della carne sintetica potrebbe arrivare a 450 miliardi di dollari nel 2040, cioè il 20% del mercato mondiale della carne. L’8% dei vegani è favorevole ad acquistare carne prodotta in laboratorio. D’altra parte c’è la resistenza di allevatori e produttori di carne che sono schierati contro la bistecca artificiale, ma ciò succede soprattutto in Italia. All’estero la situazione è diversa, per esempio, Jbs, la più potente azienda produttrice di carne al mondo si è mostrata favorevole alla diffusione della carne prodotta in laboratorio e vorrebbe introdurla nel mercato europeo entro il 2024. Nestlè ha annunciato importanti investimenti sulla produzione di un hamburger artificiale.

Perchè puntare su prodotti vegani

Insomma, le multinazionali lavorano per portare nella grande distribuzione la “carne in provetta”. Anche se questa novità non riguarda direttamente le piccole aziende, almeno per ora, sicuramente è un segnale molto forte: chi ha un ristorante o si occupa della vendita di generi alimentari non può più ignorare la forte domanda di prodotti vegani e vegetariani. Occorre, quindi, aumentare l’offerta su questo piano in modo da soddisfare la crescente domanda in tal senso.

Questa novità riguarda anche chi ha un e-commerce alimentare, che oltretutto in questo preciso momento storico sta vivendo un boom senza precedenti. Tra le offerte del negozio online non può mancare una ricca selezione di prodotti senza carne o derivati animali. Con Italiaonline è possibile avviare un e-commerce di questo tipo, dotato di tutte le funzionalità pensate per aumentare la visibilità online e incrementare il numero di clienti.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Tags:
Caricamento contenuti...