Home Page Business

Startup del Lazio: nuove risorse per il bando Pre-Seed

Il bando concede contributi a fondo perduto a startup e spin-off. Grazie al rifinanziamento il fondo arriva a 8 milioni. Ecco i dettagli

Alt text

La nascita e la crescita di nuove startup è un segnale forte per qualsiasi territorio: significa che il sistema economico è vivo, all’avanguardia e capace di generare risorse innovative. In quest’ottica gli aiuti pubblici alle aziende rappresentano misure fondamentali, capaci di avere ripercussioni positive, non solo sulle singole realtà aziendali, ma anche sul sistema socio-economico locale.

In questo contesto, il rifinanziamento del bando “Pre-Seed” della Regione Lazio ha un valore molto alto. Originariamente il bando disponeva di un fondo totale di 4 milioni di euro, ma ora è stato raddoppiato e ha raggiunto una disponibilità di 8 milioni di euro, derivati dalle risorse Por-Fesr 2014-2020. Una parte è riservata alle startup che hanno realizzato nuovi prodotti e servizi appositamente pensati per reagire all’emergenza sanitaria ed economica del Covid-19.

Bando Pre-Seed: in cosa consiste

Il bando nasce per supportare la nascita e il consolidamento di startup innovative e spin-off di ricerca all’interno del Lazio. Gli aiuti si concentrano in particolare sulla fase di avvio dell’azienda, chiamata pre-seed. Molte startup, infatti, non riescono a superare questo delicato momento perchè non hanno le competenze e le risorse adeguate. I contributi a fondo perduto sono quindi fondamentali per aiutarle.

Inoltre, con questa misura si desidera rafforzare il legame tra le imprese del territorio e il mondo della ricerca, in modo che alleandosi producano degli spin-off competitivi.

Per poter partecipare al bando è necessario avere una sede legale oppure operativa all’interno della Regione Lazio. Chi possiede i requisiti richiesti e supera l’istruttoria accede ad un contributo a fondo perduto, il cui importo dipende dal tipo di azienda. Per le startup nate da spin-off è previsto un bonus da 10 mila a 100 mila euro. L’importo complessivo dipende dall’apporto effettivo offerto dai “soci innovatori” cioè le professioni che arrivano dal mondo della ricerca.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Per le startup innovative ad alta intensità di conoscenza, il contributo raggiunge il totale del capitale fornito dai soci. Il bonus parte da 10.000 € e arriva a 30.000 € ma arriva a 40.000 € nel caso in cui i soci apportino un capitale di almeno 10.000 €.

Opportunità del rifinanziamento

Ad oggi sono pervenute più 611 domande, 453 per la categoria startup e 158 per quella degli spin-off. I progetti che hanno passato la selezione sono 137 ma aumenteranno grazie alla nuova iniezione di risorse disponibili. Si tratta infatti di una misura molto importante in modo momento delicato come quello attuale, dove le aziende devono concentrare quanto più capitale possibile per ripartire dopo l’emergenza Coronavirus.

Alle aziende che si sono concentrate proprio su questo punto, progettando iniziative, applicazioni, servizi e prodotti pensati per affrontare la crisi da Covid-19 è riservato 1 milione di euro del fondo.

Bando Pre-Seed: investimento strutturale

Paolo Orneli, assessore regionale allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-Up e Innovazione, ha ribadito ancora una volta l’importanza di questo strumento prevedendo che in futuro possa diventare una misura continua e strutturale e che quindi venga rifinanziato in continuazione. Questo permetterebbe a tante startup di avere un vantaggio economico e superare la delicata fase del pre-seed. Per avere tutte le informazioni necessarie e partecipare al bando, il consiglio è quello di accedere all’apposita pagina web di LazioInnova.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...