Home Page Business

Social Media: il canale più complicato per l’eCommerce Marketing

I Social Media spesso rappresentano un ostacolo per chi deve gestire una strategia di eCommerce Marketing. Ecco come risolvere il problema con i nostri consigli

Alt text

Secondo un’indagine Nielsen il canale dei Social Media è il più difficile da gestire nell’ambito dell’eCommerce Marketing. Buona parte delle aziende che hanno risposto ai questionari della società di sondaggi ha segnalato i Social Media come il canale più complicato da controllare rispetto ad altri canali come l’advertising sui motori di ricerca, la SEO e la pubblicità offline. Come mai? Che problematiche hanno riscontrato? Come si può fare per migliorare questo aspetto?

Ecco tutto quello che c’è da sapere su eCommerce Marketing e Social Media.

E-commerce Marketing e Social Media: i dati confermano la difficoltà

I Social Media quindi, così utilizzati e sfruttati nella vita di tutti i giorni, si dimostrano il vero tallone d’Achille di molte aziende e-commerce. Ad irrobustire questa sensazione vi sono anche i dati estrapolati dall’indagine Nielsen. Le aziende più in crisi sembrano essere quelle di grandi dimensioni, con il 60% di esse che afferma di essere in difficoltà nella gestione questo canale. Non solo, per cercare di ovviare a questa problematica più della metà di queste aziende sceglie come investimento principale nell’eCommerce Marketing proprio il Social Media Marketing. Senza contare che più della metà delle aziende ritiene indispensabile aumentare ancora corposamente questi investimenti.

Cosa significa tutto questo? Semplice, che da una parte i Social Media sono una grande fonte di lead per le aziende ma allo stesso tempo necessitano di figure sempre più professionali in grado di governare con profitto questo strumento.

Realizza le migliori campagne
su Facebook e Instagram

Scopri come

Quali sono le criticità dei Social Media?

Ma quali sono le criticità dei Social Media nel mondo dell’eCommerce Marketing?

Per chi non opera nel mondo del marketing è difficile distinguere la difficoltà di gestione di questo canale rispetto ad altri canali, come la pubblicità offline, il Pay-per-click o la SEO. Questa percezione è dovuta anche alle basse, se non azzerate, barriere all’ingresso: i Social Media sono accessibili da chiunque e soprattutto possono partire da costi quasi pari allo zero.

Ma proprio in questa presunta facilità consiste il vero rompicapo per le aziende di eCommerce Marketing. Il mercato dei social è un grosso recipiente d’acqua in cui un’azienda è una goccia che si può facilmente disperdere. Per riuscire ad avere successo in questo campo è necessario acquisire competenze trasversali, dalla grafica, al marketing, al copywriting. Ma non è abbastanza. La principale criticità dei Social Media è quella di presupporre una presenza costante; il che significa ogni settimana, ogni giorno, ogni ora. Se per altre tecniche di marketing si può sfruttare una strategia ad intervalli regolari (per esempio, un annuncio di ricerca lanciato per 3 giorni in un mese) per i Social Media è necessaria la presenza continua. Quando si parla di costanza non ci si riferisce alla pubblicazione di post, ma principalmente all’analisi del sentiment dei follower riguardo al proprio brand: che commenti ci sono, come se ne parla, chi ne parla fuori dalla pagina e così via. Un’analisi reputazionale a 360 gradi.

Perché oggi i social sono così importanti?

Come abbiamo visto le criticità nella gestione dei Social Media nel mondo dell’eCommerce Marketing sono difficili da superare e spesso costituiscono una barriera che impedisce alle aziende di prosperare su questo canale. L’importante per un brand è non abbandonare l’idea di governare e pubblicizzare l’immagine dell’azienda sui social. Come mai?

Ecco quali sono i motivi che rendono i Social Media così importanti per l’eCommerce Marketing:

  • Circa il 40% delle persone che sta per acquistare online cerca informazioni sulle pagine Social dei brand (Facebook, Instagram, LinkedIn, Pinterest, Tumblr, Yoyutube);
  • Quasi l’80% degli utenti che acquistano online affermano di venire influenzati dai post Social delle aziende;
  • 3 ore al giorno, è questo il tempo medio trascorso dalle persone sui Social Media

Questi tre dati rendono l’idea dell’importanza dei Social Media nel processo di eCommerce Marketing. Piattaforme come Facebook e Instagram sono ormai diventate centrali nella vita delle persone, soprattutto per quanto riguarda le loro esperienze d’acquisto.

I vantaggi del Social Media Marketing

Ma oltre ad essere centrali per l’acquirente i Social Media portano anche grandi vantaggi alle aziende. Vediamoli nel dettaglio:

  • Aiutano a costruire relazioni: clienti fidati ma anche potenziali clienti. Uno dei vantaggi del Social Media Marketing è quello di permettere all’azienda di comunicare con i clienti già acquisiti e intercettare nuova clientela.
  • Basso costo: non servono costi esorbitanti per promuovere il proprio eCommerce sui social. Con investimenti minimi si possono raggiungere numerose persone, un’opportunità imperdibile per le aziende, soprattutto quelle di piccole dimensioni.
  • Targeting: una grande possibilità offerta dai Social Media è quella di creare campagne mirate, ovvero indirizzate al target di persone preferito. E’ possibile selezionare il pubblico a seconda delle caratteristiche anagrafiche e demografiche oppure valutando gli interessi e i comportamenti online.
  • Monitoraggio e analisi: quante persone hanno visto il post? Quante hanno interagito? Quanti commenti ci sono stati? E like? Condivisioni? Tutte queste metriche sono determinanti per capire il grado di popolarità raggiunto dal brand e perfezionare le successive campagne di marketing data driven.
  • Aumento del traffico sul sito: una buona gestione dei Social Media comporta molto più traffico sul sito, che è l’obiettivo finale di qualsiasi strategia di eCommerce Marketing. Con la creazione di post stimolanti gli utenti possono decidere di entrare sul sito, la prima volta probabilmente per approfondire, la seconda per farsi un’idea più completa e la terza per acquistare.

Quali sono i canali Social più performanti?

Ogni azienda ha le proprie peculiarità, il proprio pubblico. Questo significa che non per forza deve presidiare tutti i Social Media, al contrario deve preferire quelli più in relazione al proprio target.

Un brand di abbigliamento, ad esempio, non può prescindere da una gestione perfetta di Instagram. Al contrario un’azienda che opera nel settore B2B deve preferire un social come LinkedIn, creato appositamente per il mondo del lavoro. Ogni realtà deve scegliere i Social adatti per sé.

Nonostante questo i dati di Nielsen danno un resoconto su quali sono i Social che restituiscono alle aziende un ROI (Return On Investment) maggiore. I Social con una capacità di conversione (accesso e acquisto sul sito) più alta sono senza dubbio Instagram e Facebook, soprattutto per ciò che concerne la fascia d’età più giovane, ossia il range anagrafico più propenso all’acquisto su e-commerce.

Buone pratiche per il Social Media e-commerce

In questo articolo abbiamo finora analizzato come il Marketing eCommerce sui Social Media sia l’aspetto più complicato di una strategia pubblicitaria. Allo stesso tempo abbiamo capito come un suo utilizzo costante, professionale e creativo possa aiutare i brand ad incrementare di molto il fatturato.

Per aiutare le aziende che si stanno avvicinando solo ora al Social Media Marketing vogliamo elencare alcune buone pratiche da mettere in campo. Vediamole nel dettaglio:

  • Essere sempre online: i Social Media sono canali che vanno coltivati nel tempo, con costanza. Proporre un post o lanciare un advertising e poi dimenticarsene completamente è un approccio sbagliato. Ad ogni azione effettuata sui social corrisponde un’analisi delle metriche e del Sentiment del proprio pubblico.
  • Utilizzare le Stories: create principalmente per Instagram e Facebook le Stories sono un traino fondamentale per acquisire clienti. Questo strumento può essere utile per lanciare un prodotto così come per mostrare il backstage aziendale, il dietro le quinte. Le Stories possono inoltre entrare in un contesto di advertising e quindi comparire al target di persone prescelto. Al suo interno possono poi essere inserite delle Call To Action che aiutino le persone interessate a passare dal Social all’eCommerce.
  • Sfruttare gli influencer: per influencer intendiamo tutte quelle persone con un seguito social che possono aiutare a promuovere il brand. Ma attenzione, possono diventare influencer anche i clienti che rilasciano post-testimonianze o video-testimonianze positive. Queste situazioni aumentano engagment e popolarità.
  • Inserire i contatti: sembra una banalità ma per un marketing eCommerce perfetto sui Social Network è fondamentale che siano esplicitati chiaramente i contatti nelle aree predisposte.
  • Spingere con la Call To Action: quando si lancia un prodotto è inutile non affiancarlo a pulsanti che invitino l’utente a visionarlo sull’eCommerce. Per questo motivo inserire le Call To Action nei post e nelle Stories è determinante.

Difficoltà con il Social Media E-commerce? Scegli un team di esperti!

Per meglio affrontare il mondo del Social Media Marketing in relazione ad un’eCommerce è sempre bene affidarsi ad un team di esperti. Non tutte le aziende possono implementare nella struttura una figura professionale che sappia gestire in modo ottimale questo aspetto, ecco perché la soluzione migliore è affiancarsi ad un’agenzia di marketing. Solamente in questo modo, con un lavoro capillare e altamente qualificato, si possono ottenere grandi risultati!

Caricamento contenuti...