Home Page Business

Regione Lombardia, come partecipare al bando per l'economia circolare

La Regione Lombardia stanza un fondo dedicato alle imprese che desiderano effettuare attività sostenibili. Ecco come funziona

DATA APERTURA dal 27 gen 2020 al 9 apr 2020
regione Lombardia

Quello dell’economia circolare è un concetto ancora nuovo per tante PMI, tuttavia interesserà sempre più imprese, anche quelle del territorio italiano. Grazie a soluzioni e tecniche innovative oggi è possibile rinnovare i modelli tradizionali: il processo produttivo lineare è sostituito con quello circolare, che permette dare una nuova vita a quasi tutti gli scarti industriali. Così, una bottiglia di plastica si trasforma in una felpa in pile, il rifiuto umido organico è usato come fertilizzante e così via. In questo contesto, è fondamentale sostenere le piccole e medie imprese che vogliono puntare sull’economia circolare. A tal proposito, la Regione Lombardia ha stanziato un fondo dedicato alle PMI del territorio che desiderano investire in questo tipo di attività.

Il bando della Fase 3 comprende una misura articolata, composta appunto da tre fasi:

  • Fase 1: Candidature delle idee progettuali.
  • Fase 2: Indirizzo e supporto alla presentazione dei progetti definitivi.
  • Fase 3: Attuazione degli interventi.

La prima e la seconda sono legate al precedente bando: la graduatoria dei soggetti ammessi al contributo è già stata approvata da Unioncamere Lombardia.

Il presente Bando riguarda quindi solo la fase tre, ed è la prosecuzione dei primi due, ma non è necessario aver partecipato ai precedenti bandi per presentare la domanda per la Fase 3.

Riepilogo bando economia circolare Regione Lombardia

  • Nome del bando: Innovazione delle filiere di economia circolare in Lombardia (Fase 3)
  • A chi è rivolto il bando: micro, piccole e medie imprese, in forma singola o aggregata, operanti in Lombardia
  • Fondi disponibili: 1.640.000 euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Regione Lombardia con il soggetto gestore Unioncamere Lombardia
  • Le date da segnarsi sul calendario: Presentazione delle domande: dalle ore 10:00 del 27 gennaio 2020 alle ore 12:00 del 9 aprile 2020

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando è sostenere le PMI lombarde che vogliono introdurre l’economia circolare nei processi produttivi, in modo da rinnovare tutta la loro filiera. Nello specifico, la misura sostiene:

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

  • Progetti mirati all’impiego di materiali riciclati invece di materie prime vergini, che quindi adottino sistemi produttivi alternativi che comportano la riduzione dei rifiuti e che risultano più sostenibili rispetto a quelli tradizionali.
  • Eco-design, ovvero progetti che tengano conto dell’intero ciclo vitale del prodotto secondo il metodo LCA (Life Cycle Assessment).

Per sostenere le imprese interessate, le risorse stanziate per la fase 3 sono in totale 1.640.000 euro di cui:

  • 820mila euro da parte della Direzione Generale allo Sviluppo Economico della Regione Lombardia.
  • 820mila euro da parte delle Camere di Commercio della Regione.

Ogni Camera di Commercio ha stanziato una somma differente e i soggetti finanziati ricevono il contributo costituito per il 50% dal fondo regionale e per il 50% dalla Camera di Commercio in cui sono iscritti.

Soggetti interessati

Il Bando si rivolge a micro, piccole e medie imprese con sede in Lombardia. Possono presentare le domande sia in forma singola, sia in forma aggregata, costituita da almeno 3 aziende della stessa filiera. Le imprese aggregate devono eleggere un capofila che si interfacci con Unioncamere Lombardia per tutte le informazioni riguardanti la procedura.

In particolare, il capofila deve presentare la domanda di partecipazione, predisporre il progetto, presentare la rendicontazione, monitorare il rispetto di obblighi e requisiti di tutti i partner che compongono la forma aggregata relativi alla fase 3.

Contributo

L’agevolazione è assegnata ad ogni impresa partecipante in base alle spese ammissibili dimostrate; in caso di aggregazione, il contributo è suddiviso in base agli impegni assunti da ogni impresa.

L’investimento minimo è di 40mila euro (somma delle spese ammissibili), mentre non è previsto un importo massimo di investimento.

L’agevolazione copre il 40% dei costi ammissibili per un massimo di 80mila euro.

Spese ammesse dal bando

Le imprese possono intervenire in tre modi:

  • Innovare un prodotto o un processo produttivo inserendo un utilizzo efficiente delle risorse: riuso di materiali o di sottoprodotti dell’economia circolare e riducendo i rifiuti.
  • Sperimentare nuovi modelli tecnologici pensati per rendere la filiera più sostenibile.
  • Sperimentare nuove soluzioni per allungare la vita dei prodotti, favorire la loro riciclabilità e migliorare il loro utilizzo (eco-design).

A tal fine sono ammesse spese di diverso tipo, come:

  • Consulenza da parte di laboratori ed enti di ricerca per trovare soluzioni sostenibili adatte alle necessità e le produzioni aziendali.
  • Acquisto di apparecchi, tecnologie, materiali e forniture utili a sviluppare il progetto.
  • Acquisizione di certificazioni ambientali e tecniche per quanto riguarda processi e prodotti, come l’Ecolabel, l’ISO 14001 etc.
  • Spese per il personale impegnato nel progetto.
  • Spese per la tutela della proprietà industriale.

Le spese ammissibili devono essere sostenute dalla singola azienda a partire dal 3 giugno 2019 ed entro i 12 mesi dall’approvazione della graduatoria. Questi sono i principali requisiti di tutte le spese ammissibili e relativi dettagli, elencati nel bando.

Entro il 12 giugno 2020, il responsabile del procedimento, ovvero il Direttore Operativo di Unioncamere Lombardia, approva il provvedimento e pubblica gli elenchi dei beneficiari ammessi e non, tramite una Determina apposita.

A questo punto, l’impresa ammessa può presentare la rendicontazione a partire dal 13 gennaio 2021 ed entro 12 mesi dall’approvazione della graduatoria finale.

Termine di scadenza

Le domande per partecipare alla Fase 3 del Bando possono essere trasmesse dalle ore 10:00 del 27 gennaio 2020 alle ore 12:00 del 9 aprile 2020.

Procedure e invio domanda

Le domande, corredate di tutta la documentazione richiesta nel bando, devono essere inviate esclusivamente in via telematica.

Prima di inoltrare la domanda, occorre accreditarsi sul sito del Registro delle Imprese per ottenere credenziali da usare su Web Telemaco, unica piattaforma online da utilizzare per inviare la domanda.

Il percorso da seguire nel sito indicato è il seguente: Sportello Pratiche > Servizi e-gov > Contributi alle imprese > Accedi. Dopo aver inserito User e Password, occorre selezionare la voce Richiesta contributi > Unioncamere Lombardia > bando “20EC Economia circolare Lombardia”. A questo punto è possibile compilare la domanda, firmarla e poi allegarlo insieme a tutta la documentazione richiesta, elencata nel bando. Infine, la domanda deve essere perfezionata con una marca da bollo di 16 euro.

Entro il 12 giugno 2020, il responsabile del procedimento, ovvero il Direttore Operativo di Unioncamere Lombardia, approva il provvedimento e pubblica gli elenchi dei beneficiari ammessi e non, tramite una Determina.

A questo punto, l’impresa ammessa deve presentare la rendicontazione a partire dal 13 gennaio 2021 ed entro 12 mesi dall’approvazione della graduatoria finale. Anche in questo caso, per inviare la rendicontazione online, occorre utilizzare la piattaforma Telemaco.

Nella sezione Bandi del sito web di Unioncamere Lombardia saranno pubblicate le istruzioni per trasmettere telematicamente la rendicontazione.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande vengono valutate attraverso un’istruttoria amministrativo-formale. Dopo l’invio delle richieste, tutti i progetti sono esaminati e viene creata una graduatoria, in cui ogni domanda riceve un punteggio in base ai criteri indicati nel bando. Il Nucleo di Valutazione stila l’elenco dei beneficiari ammessi.

Dopo l’assegnazione, è la volta della rendicontazione: anche questa viene esaminata per evitare eventuali trasgressioni o mancanze. Le imprese sono tenute a rispettare tutti gli obblighi, relativi ai termini di scadenza e altri requisiti presenti nel bando, pena la revoca del contributo. Inoltre, la Regione Lombardia ed enti preposti possono effettuare dei controlli per verificare che tutte le attività siano effettuate secondo le modalità richieste.

Entro 60 giorni dall’invio della rendicontazione vengono liquidati i contributi.

Per informazioni: mail, telefono, referente

  • Responsabile del procedimento: Direttore operativo di Unioncamere Lombardia.
  • Telefono: (+39) 02.6079601
  • E-mail: imprese@lom.camcom.it

Per problemi natura informatica legati quindi all’uso della piattaforma online è possibile contattare il Contact Center di Infocamere al numero 0492015215.

Caricamento contenuti...