Home Page Business

Regione Lazio, 30 milioni di euro per finanziare bandi di ricerca

Imprese e centri di ricerca della Regione Lazio avranno a disposizione nuove risorse per i loro progetti. Ecco cosa prevedono i 4 bandi

Alt text

La Regione Lazio è pronta a investire in ricerca e innovazione e lo dimostra lo stanziamento di 30 milioni che serviranno a finanziare quattro bandi. L’iniziativa è stata presentata a Roma in occasione dell’evento “La ricerca per il Lazio del futuro”.

L’obiettivo è anche quello di incentivare l’innovazione e superare le conseguenze del Coronavirus grazie all’interazione tra il mondo della ricerca, l’Università e quello dell’imprenditoria. Il connubio tra queste realtà può permettere al territorio di rialzarsi dopo l’emergenza. Oltre a 30 milioni da distribuire in quattro bandi, sono infatti stati stanziati 5 milioni per la ricerca del vaccino contro il Covid-19. La manovra permetterà quindi di affrontare direttamente il problema della pandemia, ma nello stesso tempo velocizzare la trasformazione digitale e sostenibilità nel territorio regionale.

30 milioni per innovazione e ricerca: la presentazione

La misura è stata annunciata il 23 luglio a Roma. Durante l’evento erano presenti il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi e diversi assessori regionali. L’obiettivo dei bandi è quello di sostenere la ricerca, permettendole di integrarsi con il mondo dell’imprenditoria. L’unione potrebbe portare alla creazione di nuovi prodotti e processi innovativi che potrebbero avvantaggiare tutto il territorio. Il secondo obiettivo è combattere in prima linea contro il Coronavirus in modo da arrivare a una soluzione in tempi rapidi.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

La Regione si sta già muovendo con altri provvedimenti contro il Coronavirus. Per esempio, ha siglato un protocollo di intesa col Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e quello della Salute, il CNE e lo “Spallanzani”. In questa occasione sono stati stanziati 8 milioni di euro per trovare un vaccino.

Bando Progetti di Gruppi di Ricerca 2020

Il primo bando si rivolge a università ed enti di ricerca del Lazio che possono lavorare singolarmente o in gruppo e presentare progetti di ricerca e sviluppo. L’intervento mira anche a valorizzare il capitale umano impegnato nella ricerca: si mira a finanziare 560 ricercatori laziali beneficiati e 140 gruppi di ricerca. Ogni progetto potrà essere finanziato al 100% fino ad un massimo di 150 mila euro. Le domande si potranno inviare telematicamente tramite la piattaforma GeCoWeb a partire dal 30 settembre.

Bando Emergenza Coronavirus e oltre

Il secondo bando, con una disponibilità di 3 milioni di euro, finanzia progetti pensati per affrontare efficacemente il Covid-19 che possano essere immessi nel mercato in breve tempo, cioè sei mesi. Possono essere presentati da Organismi di Ricerca in collaborazione con le imprese del Lazio. Si possono proporre progetti legati a nuovi trattamenti, farmaci, strutture, monitoraggio del virus, ma anche strumentazioni, app, robotica, attività in sicurezza sul posto di lavoro, dispositivi di protezione individuale e così via. Il contributo può andare da 150 mila a 350 mila euro. La domanda telematica e tutta la documentazione potranno essere presentate dal 7 settembre 2020.

Bando Dottorati Industriali

Il terzo bando previsto è finanziato con 3 milioni di euro di fondi POR-FSE 2014-2020. Serviranno a sostenere 50 dottorati industriali innovativi nati dalla collaborazione tra imprese del Lazio e il sistema di ricerca e innovazione. I progetti di ricerca dovranno durare per tre anni ed essere coerenti con la Strategia S3 regionale. Lo scopo è permettere ai giovani laureati delle università del Lazio di accedere più facilmente nel mondo del lavoro, soprattutto in quei settori dove la ricerca e lo sviluppo innovativo sono fondamentali. Il bando verrà reso disponibile a settembre.

Bando Pre-Seed

L’ultimo avviso è in realtà un rifinanziamento di un bando precedente. Infatti, il Bando Pre-Seed potrà usufruire di ulteriori risorse pari a 4 milioni di euro che portano il fondo a 8 milioni complessivi. Di questi, 1 milione verrà destinato a progetti mirati alla risoluzione del Covid-19 e le relative conseguenze sociali ed economiche sul territorio regionale. Il bando finanzia due tipi di progetti: il primo è un contributo di 30 mila euro per chi sostenere la fase pre-seed (avvio) di una startup; il secondo è pensato per promuovere la nascita di spin-off di ricerca, con contributi fino a 100 mila euro. Il bando è già disponibile sul sito della Regione.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...