Home Page Business

PMI baresi, bando da 10 milioni di euro per sostenere la ripresa

La Camera di Commercio di Bari concede contributi a fondi perduto alle imprese del territorio danneggiate dal Covid-19

DATA APERTURA dal 13 lug 2020 al 31 lug 2020
regione Puglia

La crisi sanitaria legata al Covid-19 ha causato numerose conseguenze negative per le aziende italiane. Gli effetti sono maggiori per le micro, piccole e medie imprese che per mancanza di risorse spesso sono in difficoltà nell’affrontare anche le spese di ordinaria gestione. Il Governo ha già approvato diverse misure a sostegno del tessuto imprenditoriale e per renderle efficaci e capillari si è affidato alle Camere di Commercio di tutta Italia. Tra le iniziative spicca anche quella della Camera di Commercio di Bari che ha stanziato 10 milioni di euro per concedere contributi a fondo perduto alle imprese colpite dalla crisi nei mesi di marzo e aprile 2020.

Scheda riassuntiva bando

  • Nome del bando: Contributi alle Micro Piccole e Medie Imprese (MPMI) della circoscrizione territoriale di competenza della Camera di Commercio I.A.A. di Bari per contrastare le difficoltà finanziarie in considerazione degli effetti dell’emergenza sanitaria da COVID – 19
  • A chi è rivolto il bando: micro, piccole e medie imprese del territorio di Bari
  • Fondi disponibili:10.000.000 €
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Bari
  • Le date da segnarsi sul calendario: Data inizio invio domanda: 13 luglio 2020. Data fine invio domanda: 31 luglio 2020

Obiettivo e fondo stanziato

Il bando nasce per sostenere le micro, piccole e medie imprese della circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Bari danneggiate dall’emergenza sanitaria del Covid-19. Per aiutarle a reagire alla crisi e ripartire con maggiori risorse, la Camera di Commercio concederà quindi contributi a fondo perduto pensati per iniettare liquidità, necessaria per la gestione aziendale. Il bando si inserisce tra le iniziative a favore del tessuto imprenditoriale attuate dal sistema camerale nazionale, come descritto nell’art. 51 del Decreto Rilancio, che mira a contrastare con diverse misure le difficoltà finanziarie delle MPMI e facilitare il loro accesso al credito. Per poter realizzare la misura sono stati stanziati 10.000.000 €.

Soggetti interessati

Sono ammesse al bando le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa nella circoscrizione della Camera di Commercio di Bari. Le aziende interessate devono essere attive e regolarmente iscritte al Registro delle Imprese, in regola col pagamento del diritto camerale e di altri

Contributo

Il contributo viene concesso sotto forma di contributo a fondo perduto pari all’80% del valore della perduta di fatturato e corrispettivi del mese di marzo – aprile 2020 confrontati agli stessi mesi dell’anno precedente. L’importo minimo del contributo è di 1.000 euro mentre quello massimo è di 10.000 euro.

Le imprese turistiche (elenco dei codici Ateco pubblicato nel bando) potranno però avere il contributo minimo di 500 euro. La perdita di fatturato può essere dichiarata anche tramite autocertificazione oltre al modulo di domanda del bando.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Spese ammesse dal bando

Il bando non prevede un elenco di spese ammissibili.

Termine di scadenza

Le domande possono essere inviate dalle ore 9:00 del 13 luglio 2020 alle ore 12:00 del 31 luglio 2020.

Procedure e invio domanda

La domanda e tutta la documentazione richiesta deve essere inviata esclusivamente in via telematica tramite la piattaforma Telemaco, previa registrazione e ottenimento delle credenziali. Le istruzioni per compilare la domanda possono essere consultate nella sezione “Bandi per il sostegno alle imprese” del sito www.ba.camcom.it.

La domanda deve essere firmata digitalmente e inviata in formato PDF dal titolare o legale rappresentante dell’impresa candidata. L’impresa deve in ogni caso indicare un indirizzo PEC dove ricevere tutte le informazioni ufficiali legate al bando da parte della Camera di Commercio.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande di partecipazione vengono accolte e gestite tramite procedura a sportello, cioè secondo l’ordine di arrivo. Dopo aver verificato la completezza e regolarità della domanda e documentazione presentata, il Dirigente del Servizio Promozione e Sviluppo provvede a pubblicare la Determinazione con l’elenco dei beneficiari ammessi e non ammessi all’incentivo. La comunicazione di approvazione o negazione della domanda viene comunicata tramite PEC entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del provvedimento di ammissione. Il contributo viene erogato in un’unica soluzione mediante l’accreditamento diretto nel conto bancario dell’impresa beneficiaria.

Il contributo viene revocato in caso di accertata irregolarità del versamento dei contributi, nel caso vengano trasmesse informazioni e documentazioni inesatte o mendaci in seguito a verifica da parte di organi competenti e anche nel caso in cui l’azienda cessi la sua attività.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e gli allegati possono essere consultati e scaricati dal sito web della Camera di Commercio di Bari.

Informazioni e chiarimenti legati al bando possono essere richiesti al Servizio Promozione e Sviluppo, contattando i numeri di telefono 080.2174 209/242/431/485/271 oppure scrivendo ad uno dei seguenti indirizzi e-mail:

  • mastropaolo@ba.camcom.it
  • sgambati@ba.camcom.it
  • landriscina@ba.camcom.it
  • ottolino@ba.camcom.it
  • gadaleta@ba.camcom.it

Inoltre, è possibile inviare un’e-mail all’indirizzo PEC cciaa@ba.legalmail.camcom.it

Per domande e assistenza sull’uso della piattaforma Telemaco è possibile contattare il numero 049/8089610.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...