Home Page Business

PMI Avellino, 300.000 euro per la digitalizzazione

La Camera di Commercio di Avellino sostiene progetti di digitalizzazione delle MPMI del territorio. voucher di 5000 euro. Ecco i dettagli.

DATA APERTURA dal 3 lug 2020 al 30 ott 2020
regione Campania

I voucher digitali rappresentano un aiuto concreto concesso dalle Camere di Commercio di tutta Italia alle aziende di piccole e medie dimensioni interessate a intraprendere un percorso di digitalizzazione. Anche l’ente camerale di Avellino partecipa al piano di carattere nazionale pubblicando un bando costruito ad hoc per tutte le imprese della propria circoscrizione.

I contributi a fondo perduto permetteranno alle aziende beneficiarie di realizzare progetti innovativi di diverso tipo, dall’avvio dello smart working fino all’apertura di un e-commerce. Originariamente sono stati stanziati 100 mila euro, ma vista l’enorme partecipazione da parte delle imprese locali, si è deciso di incrementare i fondi destinati al bando.

Scheda riassuntiva bando

  • Nome del bando: Bando Voucher Digitali 4.0 – Anno 2020
  • A chi è rivolto il bando: micro, piccole e medie imprese della CCIAA di Avellino
  • Fondi disponibili: 300 mila euro
  • Ente che eroga il finanziamento: Camera di Commercio di Avellino
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 3 luglio 2020 al 30 ottobre 2020

Obiettivo e fondo stanziato

Il bando della Camera di Commercio di Avellino si inserisce tra le attività previste dal Piano Transizione 4.0 a seguito del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 12 marzo 2020 che ha approvato, tra le altre cose, anche l’attivazione del Punto impresa Digitale (PID). Con questa misura si intende sostenere progetti di digitalizzazione realizzati dalle imprese appartenenti alla circoscrizione della Camera di Commercio. Le iniziative selezionate permetteranno anche di superare la fase emergenziale e post-emergenziale del Covid-19. A tal fine è stato stanziato un fondo di 300 mila euro.

Soggetti interessati

Sono ammesse al finanziamento le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità locale operativa presso la circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Avellino. Le imprese devono essere attive, regolarmente iscritte al Registro delle Imprese e in regola col pagamento del diritto annuale e altri obblighi contributivi e previdenziali. Inoltre, devono essere in regola con la normativa legata alla salute e sicurezza sul lavoro e non si dovevano trovare in difficoltà al 31 dicembre 2019. I fornitori di beni e servizi non possono essere soggetti beneficiari.

I voucher sono concessi alla singola impresa che può presentare una sola richiesta di contributo.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Contributo

Il contributo è erogato sotto forma di voucher del valore massimo di 5.000 euro. Il voucher potrà coprire fino al 70% delle spese ammissibili. Le imprese in possesso del rating di legalità avranno diritto ad una premialità di 250 euro, nel limite del 100% delle spese ammissibili.

Spese ammesse dal bando

Con il presente bando si vogliono finanziare progetti presentati da singole imprese secondo le disposizioni presenti nel bando. Nello specifico, ogni progetto dovrà interessare almeno una delle tecnologie indicate nel secondo articolo del bando.

Sono ammesse al bando le spese per servizi di consulenza e formazione legati a una o più tecnologie previste dall’articolo 2 del bando. Queste spese possono rappresentare almeno il 50% del totale ammissibile. Inoltre, sono ammesse le spese per l’acquisto di beni e servizi strumentali, nel limite massimo del 50% delle spese ammissibili. Infine, sono ammesse le spese per l’abbattimento degli oneri di qualsiasi natura, in questo caso non possono superare il 10% dell’importo totale delle spese ammissibili.

Tutte le spese dovranno essere rendicontate e dovranno essere sostenute dal 1° gennaio 2020 fino al 90° giorno successivo alla comunicazione del provvedimento di concessione.

Termine di scadenza

Le domande di partecipazione al bando possono essere presentate dalle ore 9:00 del 3 luglio 2020 alle ore 24:00 del 30 ottobre 2020.

Procedure e invio domanda

Le domande e tutta la documentazione indicata nel bando devono essere inviate esclusivamente in via telematica tramite lo sportello online “Contributi alle imprese” presente all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov. La domanda dovrà contenere la firma digitale del rappresentante legale dell’azienda o di un delegato accreditato. Inoltre, l’impresa dovrà anche indicare un indirizzo PEC che servirà per gestire tutte le comunicazioni ufficiali legate al bando; questo indirizzo dovrà corrispondere a quello comunicato al momento dell’iscrizione nel Registro delle Imprese. Insieme alla domanda è necessario fare anche il test di maturità digitale disponibile sul sito web https://www.puntoimpresadigitale.camcom.it/.

Vuoi vendere online?
Crea il tuo e-commerce con i nostri esperti!

Scopri come

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le domande verranno gestite tramite procedura valutativa a sportello, cioè in base all’ordine cronologico di presentazione. Dopo l’istruttoria amministrativo-formale, è prevista una verifica legata all’attinenza del progetto con le richieste del bando e nello specifico verrà verificata l’applicazione di uno o più ambiti tecnologici presenti nell’articolo 2. L’ente può richiedere all’impresa eventuali integrazioni per completare l’istruttoria della pratica. Al termine della procedura verranno formate le graduatorie finali in base all’ordine di presentazione della domanda.

Le imprese riceveranno il risultato sia tramite PEC sia attraverso la pubblicazione della graduatoria sul sito della Camera di Commercio. Dalla data di comunicazione della concessione, l’impresa ha 90 giorni di tempo per realizzare i lavori concordati e ulteriori 30 giorni per rendicontare le spese e quindi vedersi accreditato il contributo.

Il voucher viene revocato qualora ci sia una difforme o mancata realizzazione del progetto rispetto a quanto concordato, in caso di dichiarazioni false o inesatte, mancata trasmissione della documentazione richiesta, venire meno ai requisiti prima della liquidazione del voucher, impossibilità di effettuare controlli da parte dei funzionari incaricati o nel caso di esito negativo dei controlli.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutti gli allegati sono reperibili nel sito web della Camera di Commercio di Avellino.

Per informazioni è possibile contattare il Punto Impresa Digitale di Avellino ai seguenti recapiti:

  • Sede: Viale Cassitto, 7
  • Orari: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.00; lunedì e giovedì dalle 14.30 alle 16.30
  • Telefono: 0825694206 – 212 – 260
  • Fax: 0825694261
  • Email: pid@av.camcom.it
  • PEC: areaimpresa@av.legalmail.camcom.it

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...