Home Page Business

Legge di Bilancio 2021: guida alle misure per le PMI

Il Governo sta lavorando al testo di Legge che dovrà essere presentato entro il 20 ottobre: al suo interno tanti DDL e Riforme per il mondo delle imprese. Ecco i dettagli

Alt text

La Legge di Bilancio è uno strumento che indica quali sono le previsioni e gli obiettivi da raggiungere nell’anno successivo per quanto riguarda la spesa pubblica e le risorse a cui attingere per poterla sostenere. Il testo viene elaborato dal Governo e presentato al Parlamento per l’approvazione.

Fino al 2015 era suddivisa in due disegni di Legge: uno per il bilancio e l’altro per la stabilità, ora però sono accorpati. Il disegno della Legge deve essere presentato in Parlamento annualmente entro il 20 ottobre ed essere definito entro il 31 dicembre. Durante la discussione in Parlamento si apportano normalmente delle modifiche al disegno originale. Le norme diventano entrano poi in vigore a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo. Nel 2020, vista l’emergenza, la Legge di Bilancio dovrà essere rivista a settembre del 2021 e aggiornata anche in base al Nadef, cioè la Nota di aggiornamento del Def. Anche se non è ancora definitiva, la Legge di Bilancio 2021 presenta diverse Riforme e novità importanti per le imprese.

Legge di Bilancio 2021: una panoramica

Il Governo in questi giorni sta lavorando sul testo della Legge di Bilancio 2021 che verrà presentato in Parlamento nelle prossime settimane. Il provvedimento prevede 35 miliardi di euro e ha come obiettivo far risollevare il PIL e trattenere il deficit, che dopo i DL Cura Italia, DL Rilancio e Decreto Agosto è arrivato a 100 miliardi di euro, visto che questi documenti sono stati approvati grazie allo scostamento del precedente bilancio.

Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha spiegato quali sono gli obiettivi e le misure che dovrebbero rientrare all’interno della Legge di Bilancio. Innanzitutto, sono state annunciate nuove risorse per aumentare i livelli di occupazione e tutelare i redditi dei lavoratori, in particolare nei settori maggiormente colpiti dal Covid-19.

Ci sarà poi una importante riforma fiscale, alcune riforme per il lavoro e sostegno alle imprese tramite diverse tipologie di agevolazione.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Legge di Bilancio 2021: bonus e Riforma Fiscale

La Manovra finanziaria mira a ridurre i bonus per cittadini e imprese senza aumentare le tasse. Infatti, durante l’emergenza sono stati introdotte diverse agevolazioni straordinarie che dovranno essere eliminate in modo graduale. Basti pensare che i bonus costano circa 62 milioni di euro allo Stato. Nonostante ciò alcuni aiuti potrebbero diventare strutturali, come i Bonus Impresa 4.0.

Accanto a ciò, l’obiettivo del Governo è creare una importante Riforma Fiscale, che possa alleggerire le imposte per imprese e cittadini senza però impattare sul deficit. In tal caso la spesa prevista è di circa 10 miliardi di euro. Attualmente, esistono circa 800 Leggi e Direttive collegate alla contribuzione tributaria ed è fondamentale semplificare questa giungla di provvedimenti.

Ernesto Maria Ruffini, Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha proposto una semplificazione basata su cinque testi unici:

  • Imposte dirette
  • Imposte indirette
  • Riscossione
  • Contenzioso
  • Accertamento

Se l’impresa dovesse essere portata a compimento, provocherebbe una riduzione della pressione fiscale per imprese e cittadini, ma anche una maggiore comprensione e trasparenza delle norme. Il Governo vuole anche realizzare una sorta di patto fiscale che vada a premiare cittadini e imprese che negli anni si sono dimostrati attenti a scadenze e pagamenti fiscali. La dinamica è simile al premio per il rating di legalità che molte imprese ottengono quando partecipano, per esempio, ai bandi.

Allo studio ci sono poi alcuni importanti interventi per la riforma fiscale: proroga taglio del cuneo fiscale per i dipendenti che hanno un reddito tra 28mila e 40mila euro; la riforma delle aliquote IRPEF; la revisione delle detrazioni fiscali e la riforma della tassazione per le Partite IVA.

Quest’ultimo provvedimento è uno dei più importanti per i professionisti: si bloccherebbe l’attuale sistema basato su acconto e saldo e invece di tasserebbe il professionista in base a quanto realmente incassato ogni mese o trimestre.

Riforma del Lavoro

La Legge di Bilancio 2021 prevede anche una Riforma del Lavoro costituita da diversi provvedimenti. Innanzitutto, si intende lavorare sul DDL salario minimo per le diverse categorie di lavoratori, DDL sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, ma anche la riforma degli ammortizzatori sociali. Infine, si intende lavorare sul DDL legato allo smartworking.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Per il momento però si è parlato solo di “Disposizioni in materia di lavoro agile nelle pubbliche amministrazioni” e nel NaDEF non c’è alcun riferimento al privato. Ma vista la situazione sarà necessario elaborare anche un piano per le imprese.

Statuto di Impresa e riforme per settori

Il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ha parlato della possibilità di stilare un DDL legato allo Statuto d’Impresa: l’obiettivo è “recuperare il rapporto di fiducia tra chi governa e chi fa impresa”. Ha poi aggiunto che deve essere assicurato il diritto di “fare impresa in un contesto di regole chiare, stabili e certe nel tempo”.

Infine, sono in lavorazione alcune riforme diversificate in base al settore:

  • sostegno ai lavoratori del settore agricoltura e pesca
  • nuove disposizioni per imprese dello spettacolo, della cultura e del turismo
  • riordino e migliore distinzione tra PMI innovativa e startup
  • novità per quanto riguarda l’aggregazione tra aziende e filiere
  • riforma per l’artigianato.

Queste sono le principali misure contenute nella Legge di Bilancio 2021. Ora non resta che attenderne la discussione, l’approvazione e finalmente la versione definitiva che entrerà in vigore l’anno prossimo.

Caricamento contenuti...