Home Page Business

Lazio: 3 milioni per la digitalizzazione delle MPMI culturali

La Regione Lazio concede contributi a fondo perduto per aziende dello spettacolo e degli eventi culturali dal vivo. Ecco i dettagli

DATA APERTURA dal 1 ott 2020 al 22 ott 2020
regione Lazio

Il settore degli spettacoli e degli eventi culturali dal vivo è stato particolarmente danneggiato dal Covid-19. Infatti, tali appuntamenti hanno delle restrizioni legate alle regole di distanziamento volute dal Governo. La digitalizzazione rappresenta un’opportunità per questo settore perchè, grazie alle nuove tecnologie, come la realtà aumentata o le piattaforme di video streaming, è possibile realizzare un evento senza aver bisogno della presenza fisica delle persone. Sono quindi soluzioni utili fino a quando la situazione tornerà alla normalità e consentono di avere una spinta a livello di innovazione e competitività delle aziende coinvolte, permettendo di accogliere maggiore numero di persone da ogni parte del mondo. Alla luce di tali opportunità, la Regione Lazio ha stanziato un fondo di 3 milioni di euro dedicato alla digitalizzazione del settore.

Scheda riassuntiva del bando

  • Nome del bando: Digitalizzazione dello Spettacolo e delle altre Attività Culturali dal Vivo
  • A chi è rivolto il bando: MPMI dello spettacolo e attività culturali dal vivo
  • Fondi disponibili: 3.000.000 €
  • Ente che eroga il finanziamento: Regione Lazio
  • Le date da segnarsi sul calendario: invio domande dal 1° al 22 ottobre 2020

Obiettivo e fondo stanziato

L’obiettivo del bando promosso dalla Regione Lazio è sostenere le micro, piccole e medie imprese (MPMI) che operano nel settore delle attività culturali dal vivo e dello spettacolo, particolarmente colpite dal Covid-19. L’adozione di soluzioni digitali permetterebbero di superare la crisi e ampliare le possibilità di fruizione degli eventi. Inoltre, la digitalizzazione contribuirebbe a rendere il settore innovativo e all’avanguardia, meno legato alla presenza fisica del pubblico. Il fondo stanziato è di 3.000.000 € di cui 1.500.000 € dedicati a operatori dello spettacolo dal vivo e 1.500.000 € per gli operatori di altre attività culturali dal vivo.

Soggetti interessati

I beneficiari dei contributi previsti sono le MPMI in forma singola, titolari di partita IVA attiva almeno dal 31 dicembre 2018. I soggetti richiedenti devono poi avere una sede operativa nella Regione Lazio al momento della presentazione della domanda o impegnarsi ad attivarla entro la data di erogazione del contributo. Infine, devono essere operatori dello spettacolo dal vivo o altre attività culturali dal vivo.

Contributo

L’aiuto, concesso in regime “de minimis” è un contributo a fondo perduto volto a coprire massimo il 75% delle spese complessive. L’importo massimo è di 25.000 € per ogni progetto.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Spese ammesse dal bando

Tutti i costi ammissibili sono legati alla realizzazione del progetto presentato dalla MPMI interessata e si distinguono in costi di progetto da rendicontare, ovvero le spese ammissibili, costi del personale forfettari e costi indiretti forfettari.

Tra le spese ammissibili rientrano gli investimenti in beni strumentali materiali e immateriali, altre spese accessorie come la personalizzazione delle soluzioni digitali acquistate o promozione di lancio di nuove iniziative. Sono ammesse anche le spese per i canoni iniziali legati a servizi digitali e il premio per la fideiussione e garanzia dell’anticipo. Il preventivo-proposta deve essere fornito da un Fornitore Responsabile qualificato.

Termine di scadenza

Le domande possono essere presentate dalle ore 12:00 del 1° ottobre 2020 alle ore 18:00 del 22 ottobre 2020. I Formulari da compilare sia per gli operatori dello spettacolo dal vivo che per quello delle attività culturali dal vivo sono disponibili a partire dalle ore 12:00 del 22 settembre su GeCoWEB.

Procedure e invio domanda

Le domande devono essere inviate esclusivamente in via telematica, previa registrazione, alla piattaforma GeCoWEBplus. Per inoltrare l’istanza occorre compilare il Formulario appropriato scegliendo tra Operatori dello Spettacoli dal Vivo o Operatori di Altre Attività Culturali dal Vivo. Nel formulario il richiedente deve dichiarare il punteggio ottenuto in base alla tabella di riferimento pubblicata nel bando.

Nel bando è presente l’elenco di tutta la documentazione da allegare per ogni categoria. Il file deve essere firmato digitalmente dal richiedente e inviato tramite il sistema online preposto. Ricevuta l’istanza, quest’ultimo invia automaticamente la conferma via e-mail al richiedente e un codice identificativo univoco. Ogni MPMI può presentare un solo progetto.

Controlli ed eventuale revoca contributi

Le istante sono gestite da Lazio Innova che definisce due graduatorie provvisorie in base alle quali si avvia l’istruttoria. Innanzitutto si verifica il punteggio indicato nel Formulario, poi si prosegue con la verifica dell’ammissibilità formale e con la verifica tecnica, portata avanti dalla Commissione Tecnica di Valutazione che si concentra sul progetto e sulle spese ammissibili. La Commissione valuta il progetto “adeguato” o “non adeguato” e procede all’ammissione dei primi. Lazio Innova verifica la regolarità del DURC di tali soggetti.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Alla fine, viene approvato l’esito della valutazione con una determinazione della Direzione Regionale, che viene pubblicato sul BURL e sui siti web della Regione Lazio, Lazio Europa e Lazio Innova. Entro 10 giorni dalla data di concessione invia via PEC ai beneficiari la comunicazione, allegando l’Atto di Impegno, che deve essere sottoscritto con firma digitale e rispedito al mittente secondo i termini e i modi indicati nell’avviso. Il contributo è erogato in due quote: una a titolo di anticipo e un’altra a saldo, previa rendicontazione.

Il contributo è revocato nel caso di mancata sottoscrizione dell’Atto di Impegno entro i termini previsti, avvio del Progetto in data antecedente a quella di pubblicazione dell’Avviso, mancato rispetto di quanto previsto dall’avviso e successivi accordi, nel caso in cui il beneficiario faccia dichiarazioni mendaci o inesatte o compia altre violazioni.

Per informazioni: mail, telefono, referente

Il bando e tutti gli allegati possono essere consultati e scaricati dal sito web di Lazio Innova.

Per informazioni è possibile contattare Lazio Innova al numero verde 800.989.796 o ai seguenti indirizzi e-mail: info@lazioinnova.it e infobandi@lazioinnova.it.

Guadagna tempo e clienti
con l’offerta digitale di Italiaonline

Scopri come

Caricamento contenuti...